Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Immolation
Atonement
Demo

Mindlane
Unspoken Silence
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/02/17
STEEL PANTHER
Lower The Bar

24/02/17
THE PARASITE SYNDICATE
The Parasite Syndicate

24/02/17
A BREACH OF SILENCE
Secrets

24/02/17
BATHSHEBA
Servus

24/02/17
BORN AGAIN
Strike With Power

24/02/17
SUICIDE SILENCE
Suicide Silence

24/02/17
TOKYO MOTOR FIST
Tokyo Motor Fist

24/02/17
BORN OF OSIRIS
The Eternal Reign

24/02/17
STRIKER
Striker

24/02/17
MIKE TRAMP
Maybe Tomorrow

CONCERTI

24/02/17
NODE
ROCK LEGEND PUB - SAN VITTORE OLONA (VA)

24/02/17
NOCTIFER + URNAA + GRIMWALD
JEM MUSIC CLUB - TORINO

24/02/17
STONEDRIFT + PRIMITIVE MULE
GGIOVANE CORTE LIVE - SABBIONETA (MN)

24/02/17
ESSENZA + MACARIA
BARRAOTTANTAQUATTRO - NOCIGLIA (LE)

24/02/17
RUSSELL ALLEN
GARAGESOUND - BARI

24/02/17
DECLAPIDE + JOHN PALMUTE
SHABBA CLUB - CANTU' (CO)

25/02/17
DEATHLESS LEGACY + REGARDLESS OF ME + BEYOND THE FALLEN
TRAFFIC CLUB - ROMA

25/02/17
MORTUARY DRAPE + ABYSMAL GRIEF + MACABRO GENOCIDIO + DAEMONIAC + DI AUL
ELYON CLUB - ROZZANO (MI)

25/02/17
RUSSELL ALLEN
CLUBHOUSE INDIAN BIKERS MC - FOGGIA

25/02/17
BLUE HOUR GHOSTS + AQUIVER
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

Tygers of Pan Tang - Wild Cat
( 4178 letture )
Un altro dei gruppi che certamente meritano di essere ricordati come fondamentali per l’irrefrenabile esplosione della NWOBHM, risponde al nome di Tygers of Pan Tang. La band –il cui nome deriva ancora una volta, come in altri casi, da una novella di Moorcock dal titolo Stormbringer– proveniva dal Nord-Est dell’Inghilterra, precisamente da Whitley Bay e fu formata dal vocalist Jeff Cox e dal chitarrista Robb Weir, i quali, durante le serate al pub del paese, si accorsero di avere la stessa passione per la musica. Ai due si unirono presto il batterista Brian Dick ed il bassista Rocky (da Rocky Marciano); i Tygers of Pan Tang erano al completo.

Dopo la solita ed ancora attuale trafila fatta di registrazioni precarie e demos (Impulse Studios), la relativa facilità con cui si arrivava ad avere contatti con le labels li portò ad incidere nel 1979 un 7” con la Neat intitolato Don’t Touch Me There e contenente altri due brani (Burnin’ Up e Bad Times). Ciò fu sufficiente a farli suonare dividendo il palco con Budgie, Scorpions, Iron Maiden, Saxon, Def Leppard e Magnum, la qual cosa fruttò loro, dopo un altro paio di singoli, un contratto per un LP con la MCA; quel Wild Cat che trattiamo in queste righe. Registrato presso i London’s Morgan Studios nel giugno 1980, esso fu rilasciato nel luglio successivo, piazzandosi alla ragguardevole posizione numero 18 delle charts ufficiali.
Album ancora basico e dalle linee melodiche non ancora perfettamente sviluppate, causò una certa confusione perché il bassista Rocky dichiarava di essere influenzato da quanto fatto da Lemmy (in quei giorni i Motörhead cominciavano ad affermarsi), ma si riferiva in realtà al periodo Hawkwind, dei quali i Tygers of Pan Tang potevano, in un certo qual modo, essere considerati gli ideali eredi, così come di bands quali Hollies ed MC5. Il tutto aggiornato ai dettami della NWOBHM, che comprendeva dunque un maggiore impeto esecutivo ed una maggiore apertura alla modernità post-punk prima ondata, fatta principalmente di quelle schitarrate che furono (sono?) trademark dell’H.M. Pezzi come Euthanasia, Money, Fireclown, Insanity, costituivano piccoli grandi esempi della nuova tendenza, anche se, come ripeto, il songwriting made in Tygers of Pan Tang era ancora lontano dalla maturità. Essa verrà raggiunta in seguito con l’aggiunta alla line-up del talentuoso chitarrista John Sykes, con il quale produrranno il loro miglior album, quello Spellbound che nell’81 li lanciò nell’Olimpo delle stelle della NWOBHM.

Non so quanti di voi possano essere ancora interessati a queste vecchie storie, ma se volete approfondirle questa band, che a quel tempo rivaleggiava con i Maiden, è da conoscere.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
50.27 su 37 voti [ VOTA]
Philosopher3185
Sabato 13 Dicembre 2014, 18.00.44
11
E' davvero una bella mazzata in testa questo album!
Philosopher3185
Sabato 13 Dicembre 2014, 16.29.25
10
Grande band!
Celtic Warrior
Martedì 8 Novembre 2011, 8.43.37
9
Un album veramente bello che sento ancora volentieri .
AL
Martedì 8 Novembre 2011, 8.33.48
8
comprai il disco quasi per caso... ma che figata di album!!! purtroppo mi manca spellbound.. cercherò di provvedere...
Alex Metalheart
Lunedì 7 Novembre 2011, 23.22.37
7
Un buon album di quelli che sicuramente lasciano il segno e che al momento dell'uscita deve aver dato qualcosa di più. Nonostante tutto si rivela un album fin troppo omogeneo e compatto con riff tra i pezzi fin troppo simili, riducendone il pregio. Traccia di miglior pregio a mio parere Suzie Smiled che bene o male esce momentaneamente dagli schemi del resto della setlist. VOTO 72
fabio II
Venerdì 14 Ottobre 2011, 11.52.51
6
Allora ti seguo anch'io Nightcomer, bene ha fatto Raven a recensire il disco più selvaggio delle Tigri, anche se indubbiamante la voce di Deverill aggiungerà pathos, e 'Spellbound' è un altro capolavoro
The Nightcomer
Venerdì 14 Ottobre 2011, 10.43.13
5
Ecco uno che è interessato a queste vecchie storie... Concordo (ma non è la prima volta) con le parole lette nella recensione ed anche sul giudizio dato agli albums. Dell'era Deverill Spellbound è sicuramente il più maturo e riuscito, comunque anche Crazy Nights è valido.
Raven
Mercoledì 29 Dicembre 2010, 20.05.26
4
ed Exxplorer, Griffin, vanadium, Revenge, Bitch, Chateaux , Culprit, (una rarità una recensione in rete), Ostrogoth e tantissimi altri. Direi che potresti andare apagina 68 delle vecchie rece e poi tornare indietro
jek
Mercoledì 29 Dicembre 2010, 20.00.19
3
ci stò girando vedi i witchkiller angel witch raven e altri si becchiamo in giro
Raven
Mercoledì 29 Dicembre 2010, 15.50.22
2
fatti un giro nel vecchio data base, ne troverai parecchie
jek
Mercoledì 29 Dicembre 2010, 14.36.36
1
con ritardo commento la recensione di questo disco che all'epoca avevo appena sentito. Sono legato al Tiger per Spellbound di cui conservo il vinile. Grande gruppo, rivali si ma non all'altezza dei maiden. Fomidabili quegli anni e fantastico aver partecipato a quel movimento (NWOBHM) che ha dato voce a band stupende. Bravo Raven continua stanare vecchie glorie.
INFORMAZIONI
1980
MCA/Neat
NWOBHM
Tracklist
1. Euthanasia
2. Slave To Freedom
3. Don't Touch Me There
4. Money
5. Kellers
6. Fireclown
7. Wild Catz
8. Suzie Smiled
9. Badger Badger
10. Insanity
Line Up
Jess Cox (Voce)
Robb Weir (Chitarra)
Rocky (Basso)
Brian 'Big' Dick (Batteria)

 
RECENSIONI
73
70
89
81
ARTICOLI
10/12/2013
Live Report
TYGERS OF PAN TANG + SIXTY MILES AHEAD
Exenzia Club, Prato (PO), 07/12/2012
11/01/2013
Intervista
TYGERS OF PAN TANG
Le Tigri sono tornate!!
26/12/2011
Intervista
TYGERS OF PAN TANG
Il generale Meille & The Tygers
23/02/2011
Live Report
TYGERS OF PAN TANG + RAIN + DEVIL'S MOJITO
Viper Theatre, Firenze, 20/02/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]