Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
GENUS ORDINIS DEI
Great Olden Dynasty

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS ----> ANNULLATO!
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

24/11/17
SHAMELESS + TUFF
DEDOLOR - ROVELLASCA (CO)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Genesis - Wind & Wuthering
14/01/2017
( 1197 letture )
Il genio dell'illustratore Colin Elgie, al servizio dei Genesis, ha in un certo senso colmato il vuoto enorme lasciato da Peter Gabriel a seguito di The Lamb Lies Down on Broadway. Le copertine di A Trick of the Tail e di questo Wind & Wuthering sono un qualcosa di superiore ed incredibilmente evocativo ed hanno sicuramente dato maggior coraggio al pubblico nell'atto di scoprire e rivalutare (anche a distanza di anni) i primi due dischi incisi senza quella che era stata sino a quel momento la voce guida della prog band britannica. Tuffandoci nel protagonista Wind & Wuthering, qualcuno ha affermato di averci lasciato l'anima in quel grigio e nebbioso autunno, così malinconico e gelido quanto l'inverno. Come dare torto a quel "qualcuno". Basta guardare quel paesaggio acquerellato per accendere il desiderio di un fuoco, un album di vecchie fotografie da sfogliare, una calda tazza di the a portata di mano ed una finestra come schermo da uno spettacolo spettrale. Ma anche quella voglia di sentirsi protetti da qualcosa che ci spaventa. Se ci pensate, e a me capita spesso di farlo, il ruolo dell'artwork in una pubblicazione, specialmente nel formato vinile, è decisamente importante. Un po' come in amore, l'occhio vuole sempre la sua parte ed in questo caso è profondamente appagato.

Quel che ci offre questo ottavo capitolo in studio (il secondo della mini-era Genesis senza il solo Gabriel, appunto) è certamente di alta qualità, tanto che, se si considera una buona metà del lavoro, si potrebbe faticare a tenerlo fuori -come il suo predecessore- da quel clamoroso poker d'assi iniziato con Trespass e conclusosi con Selling England by the Pound, nonostante Wind & Wuthering abbia un carattere davvero diverso dai lavori che hanno catapultato il gruppo ai vertici del prog di ogni tempo. Un carattere lunatico, imprevedibile che alterna fasi nostalgiche affidate alle mani ispirate di Steve Hackett (un occhio di riguardo va conservato per la classicheggiante Blood on the Rooftops) ad altre sorprendentemente allegre e meglio rappresentante da un dignitoso Phil Collins coadiuvato da uno scoppiettante Banks. Ed è l'album di Tony Banks, infatti, ma anche quello di Afterglow, brano memorabile visto come il tramonto che spegne la luce e pone fine all'epico viaggio prog iniziato ufficialmente nel 1969. Non una vera fine, ma poco ci manca. É l'album della spensieratezza compositiva, indotta da chissà quali sostanze, dove più generi si fondono anticipando quello che sarà il sound -tendente al pop- del decennio successivo, gli anni ottanta, il paradiso dei tastieristi smanettoni. Tutte le composizioni sembrano non avere la forza di guardare avanti e lasciarsi il passato alle spalle. Un alone di tristezza legata a pensieri divertenti accompagnerà praticamente sempre l'ascoltatore durante la rirproduzione, dall'inizio alla fine. Sentimento più che giustificato. Un compagno è già andato via da qualche mese ed un altro si appresta a farlo, Steve Hackett, colui che ho sempre definito come il "sarto delle sei corde" perché in grado di cucire parti apparentemente incompatibili tra loro. Wind & Wuthering è anche l'album di Hackett, finalmente oserei dire, visto che il suo zampino è su larga parte del materiale scelto per completare il disco, ma anche su quello colpevolmente scartato. Dopo di lui, Rutherford si dividerà tra basso e chitarra (lo farà egregiamente, nonostante tutto) e fino alla implosione ne resteranno solo tre in un calo artistico preannunciato. I sopravvissuti, infatti, pubblicheranno dischi buoni, ma nessuno davvero all'altezza del loro nome.
Tornando al contenuto di Wind & Wuthering, dopo un breve excursus, cosa dire dei sacri e folli dieci minuti di One for the Vine? Da togliere il fiato. L'ascolto è obbligatorio per non perdere uno dei momenti più complessi dei Genesis, anche se comunque al di sotto della sovraumana ed irripetibile Supper's Ready. Inutile fare il paragone, ma è un bel sentire.
C'è del pane anche per i romantici ed amanti dei singoli da classifica. La ballad (non vista di buon occhio da tutti) Your Own Special Way, firmata Rutherford, segna una doverosa, dolce e anche gradevole pausa dopo i quasi venti minuti che la anticipano in grande stile, tra i quali figura la trascinante e pomposa opener Eleventh Earl of Mar che, pur non regalando un valore extra al genere di riferimento, riesce a incidere positivamente sulla qualità di Wind & Wuthering lanciandolo sin da subito a livelli difficilmente auspicabili.
Seguono, non in ordine, i filler strumentali ed anonimi Wot Gorilla? che probabilmente rappresenta ciò che è trascurabile nella scaletta e la accoppiata Unquiet Slumbers for the Sleepers....../...In That Quiet Earth. Ecco, non un granchè se confrontante col resto del pacchetto. Si poteva far meglio.

Wind & Wuthering ha venduto, è un dato di fatto, sopratutto negli Stati Uniti. Grazie a questo lavoro ci si ricorderà dei Genesis non solo per gli anni d'oro, ma anche per quel brevissimo periodo che ha posticipato il declino. Certo, a livello personale provo sempre un certo piacere nel rispolverare Nursery Crime e le sue gemme The Return of the Giant Hogweed e The Fountain of Salmacis, ma quando lo sguardo, anche solo di sfuggita, si posa su Wind & Wuthering, ho sempre una piccola indecisione, un timido senso di colpa nel preferire il primo al secondo. Segno che qualcosa di effettivamente valido c'è.
Quella copertina poi...



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
90.42 su 7 voti [ VOTA]
venom
Lunedì 24 Aprile 2017, 22.44.45
10
Stupendo grandissima band
Le Marquis de Fremont
Venerdì 20 Gennaio 2017, 15.14.01
9
Bell'album, a mio avviso sulla linea del precedente, A Trick of the Tail. fossero rimasti su questa formazione e livelli, avrebbe fatto ancora molte cose ottime. Ma Collins ha deciso di andare verso l'easy listening e a Banks "piacevano le hits" (parole da una sua intervista) e sono usciti album milionari ma scarsi. Questo, comunque rimane una prova di grande livello. Tra l'altro, l'Eleventh Earl of Mar, esiste davvero ed è imparentato con il nostro casato. Au revoir.
Osvaldo
Venerdì 20 Gennaio 2017, 8.09.35
8
Un gradino sotto a trick of the tail e due sotto la produzione dell 'era gabriel. I filler iniziano ad essere tanti ed i brani un po' troppo Mosci anche quando ben ispirati. Rimane un buon album con la perla one for the vine
danny boy
Sabato 14 Gennaio 2017, 20.24.22
7
oh, finalmente i Genesis....beh questo è un disco bellissimo....ti fa amare Phil Colling all'istante.....bello bello bello
danny boy
Sabato 14 Gennaio 2017, 20.24.21
6
oh, finalmente i Genesis....beh questo è un disco bellissimo....ti fa amare Phil Colling all'istante.....bello bello bello
Maurizio 76
Sabato 14 Gennaio 2017, 19.04.23
5
fantastico, merita tra 85 e 90
ayreon
Sabato 14 Gennaio 2017, 13.09.14
4
non ha niente da invidiare a "trick..." ,è molto più crepuscolare e malinconico,non si butta via niente ,tutti capolavori ed è un peccato che dagli anni 80 in poi nei live sceglievano sempre e solo "afterglow" perchè di perle ce ne sono tante,andrebbe riproposto per intero dal vivo,io personalmente sono molto legato a "one for the vine" per la strepitosa parte centrale strumentale con il duetto banks al piano e collins ,un capolavoro ,ma anche "eleventh earl" e "all in a mouse....",per me è un disco da 90
Metal4ever
Sabato 14 Gennaio 2017, 13.07.25
3
L'ultimo capolavoro dei Genesis - pure "Duke" è di ottima fattura, ma per me non arriva a tale titolo - con tracce come "One For The Vine", "Eleventh Earl of Mar", "Afterglow" che sono ai livelli dei mitici pezzi degli album precedenti. E' vero che si percepisce il netto viramento su sonorità più moderne (pop), ma c'è il giusto equilibrio con quelle vecchie, pertanto lo ritengo un album pregevole, accurato, mai banale, e che si fa risentire sempre con piacere.
Hard & heavy
Sabato 14 Gennaio 2017, 13.03.27
2
questo album è un super-CapolavorO del prog melodico e di classe!!!! voto: 97/100.
LAMBRUSCORE
Sabato 14 Gennaio 2017, 12.15.41
1
Disco che non ho mai considerato troppo, visto che preferisco da sempre i Genesis con Gabriel, comunque dovrò riascoltarlo, è da tanto che non lo sento.
INFORMAZIONI
1976
Charisma/ATCO
Prog Rock
Tracklist
1. Eleventh Earl of Mar
2. One for the Vine
3. Your Own Special Way
4. Wot Gorilla?
5. All in a Mouse's Night
6. Blood on the Rooftops
7. Unquiet Slumbers for the Sleepers...
8. ...In That Quiet Earth
9. Afterglow
Line Up
Phil Collins (Voce, Batteria, Percussioni)
Steve Hackett (Chitarra)
Mike Rutherford (Basso, Chitarra elettrica, Chitarra acustica)
Tony Banks (Piano, Tastiere, Sintetizzatori, Hammond, Mellotron)
 
RECENSIONI
80
93
98
96
93
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]