Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Selvans
Faunalia
Demo

Bullet Ride
The Choice
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/11/18
NODE
Propheta

16/11/18
THE TANGENT
Proxy

16/11/18
SKULL PIT
Skull Pit

16/11/18
AFIRE
On The Road From Nowhere

16/11/18
SACRIFICIUM CARMEN
Hermetica

16/11/18
ARTILLERY
The Face Of Fear

16/11/18
ESBEN AND THE WITCH
Nowhere

16/11/18
THE SMASHING PUMPKINS
Shiny and Oh So Bright Vol. 1 / LP: No Past. No Future. No Sun.

16/11/18
DIVINE ASCENSION
The Uncovering

16/11/18
OF GRACE AND HATRED
Toxic Vows

CONCERTI

13/11/18
BRING ME THE HORIZON
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

13/11/18
IGORRR
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

14/11/18
IGORRR
ORION CLUB - CIAMPINO (RM)

15/11/18
BRANT BJORK
SPAZIO 211 - TORINO

15/11/18
LACUNA COIL + AMBERIAN DAWN
SANTERIA - MILANO (MI)

15/11/18
IGORRR
LOCOMOTIV CLUB - BOLOGNA

16/11/18
MYSTIFIER + CRAVEN IDOL
CENTRALE ROCK PUB - ERBA

16/11/18
SIRENIA + TRIOSPHERE + GUEST TBA
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/11/18
SHINING (NOR) + ALITHIA
LEGEND CLUB - MILANO

16/11/18
SISKA
BIRRERIA TRENTI - POVE DEL GRAPPA (VI)

Full Scale Riot - Empower
23/01/2017
( 385 letture )
I Full Scale Riot sono una band proveniente dall'area di New York/New Jersey e si sono formati nel 2006 dalla mente di Tim McMurtrie, membro fondatore degli storici M.O.D. (Method of Destruction) insieme al buon Billy Milano. La band, dopo aver pubblicato un EP nel 2015, arriva oggi al debutto discografico con il presente Empower, un disco di matrice hardcore newyorkese ma con inserti che variano dal thrash metal al rap in altre parole crossover; va segnalata anche la partecipazione di alcuni guest come Jimmy Gestapo cantante degli storici Murphy's Law, Mark Rizzo (Soulfly, CavaleraConspiracy), Ben Harper e il rapper Chris Rivers; un disco insomma che presenta varie sfaccettature pur rimanendo ancorato alle radici hardcore ma con rimandi inconfutabili a band come Rage Against The Machine e Biohzard.

Proprio All Day PMA ricorda moltissimo la band di Zack De La Rocha e Tom Morello, i cori accompagnati dal riff sono di chiara matrice RATM oltre alle accelerazioni e alle armonie disegnate dal basso; il brano è decisamente troppo derivativo e manca di mordente mentre la seguente Eighty-two Hundred è decisamente di un altro spessore: dopo un intro parlato ad opera di Jimmy Gestapo dei Murphy's Law il brano in questione parte con decisione riportando alla mente i fasti dell'hardcore più viscerale targato New York City ma la composizione risulta comunque alquanto scontata nonostante il buon break centrale e il testo che ripropone il tema della legalizzazione della marijuana. I Full Scale Riot chiaramente giocano molto di mestiere e sull'esperienza maturata in tanti anni nella scena musicale della grande mela senza però riuscire a dare un tocco di personalità alla loro proposta; senza dubbio chi non è avvezzo a certi suoni può trovare la band interessante mentre chi segue la scena hardcore americana indubbiamente avvertirà quel sapore del già sentito tra i solchi del disco. Game Face si presenta con la slide guitar di Ben Harper per ''aprirsi'' con il sound tipico della band dove i RATM rifanno capolino con un tocco alla Suicidal Tendencies, anche qui la mancanza di personalità è più che marcata anche se è la proposta stessa della band che non lascia spazio ad altre soluzioni. Va comunque detto che il tutto è suonato molto bene; la seguente Hope vede la partecipazione di Mark Rizzo alla chitarra, il riff più thrash risulta contundente ma anche qui siamo al cospetto di un brano derivativo, infatti si trovano addirittura echi dei Sacred Reich dei tempi di Ignorance e il cantato di Bernard ''BJ'' Allen è molto simile a quello tipico di Phil Rind, il brevissimo solo di Mark Rizzo è di pregevole fattura e in generale il brano è molto buono, nonostante la poca originalità. Il disco prosegue sugli stessi binari senza cambiare di una virgola ciò che si è ascoltato fin qui, il risultato pur non essendo ottimo è però apprezzabile nonostante l'estrema omogeneità anche nella conclusiva Freedom Of Self dove oltre al solito andamento hardcore/thrash metal possiamo trovare alcuni passaggi addirittura in blast beat mentre il rapper Chris Rivers altro non fa che rappare sul tappeto ritmico indubbiamente corposo.

Empower è un'occasione persa da parte dei Full Scale Riot, ventotto minuti che risultano eterni essendo il tutto fin troppo prolisso senza nessun picco qualitativo; la band sicuramente dal vivo deve essere una forza oltre che altamente coinvolgente ma su disco non riescono davvero ad esaltare le proprie capacità. Un disco adatto a chi mastica certe sonorità e che ama gruppi come Rage Against The Machine, Biohazard, Rise Against ma certamente non per i puristi dell'hardcore più genuino, un ibrido che sicuramente non diverrà un punto di riferimento pur essendo stato partorito da personaggi sicuramente influenti della scena hardcore statunitense.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2016
Eulogy Recordings
Hardcore
Tracklist
1. Hold You To The Fire (feat. Tsarina Romanoff)
2. All Day PMA
3. Eighty-two Hundred Drop
4. Eighty-two Hundred (feat. Jimmy Gestapo)
5. Game Face (feat. Ben Harper)
6. Hope (feat. Mark Rizzo)
7. Rising Tide
8. The Day I Died
9. Freedom Of Self (feat. Chris Rivers)
Line Up
Bernard ''BJ'' Allen (Voce)
Tim 'McMurtrie (Chitarra)
Jeff Wood (Basso)
Rob Palotta (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]