Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Havok
V
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

07/08/20
KALT VINDUR
...And Nothing is Endless

07/08/20
LORD OF THE LOST
Swan Songs III

07/08/20
WOR
Prisoners

07/08/20
MESSIAH
Fatal Grotesque Symbols - Darken Universe

07/08/20
BLACK ROSE MAZE
Black Rose Maze

07/08/20
MOONSPELL
The Butterfly Effect (Ristampa)

07/08/20
STILLBIRTH
Revive the Throne

07/08/20
RAMOS
My Many Sides

07/08/20
SELBST
Relatos De Angustia

07/08/20
BLUE OYSTER CULT
45th Anniversary, Live in London

CONCERTI

07/08/20
KORPIKLAANI
MONTELAGO CELTIC FESTIVAL - SERRAVALLE (MC)

07/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

The Brood - The Truth Behind
16/02/2017
( 738 letture )
La Londra cosmopolita e multietnica in pieno tumulto Brexit ha dato i natali ad un act di migranti metallari e hardcorer provenienti da varie parti d’Europa. Mettendo da parte ogni digressione sociale, politica e cinematografica (considerato il monicker dei nostri e il mio amore viscerale per David Cronenberg), è proprio da questi domini che attingono ispirazione i The Brood, intenti nello sbattere nel calderone quantità grossolane di hardcore politicizzato, sudiceria umana, orrore primordiale e orrore cinematografico. Crossover, né più né meno, nella sua accezione più sporca, quella a cavallo tra gli '80 e i '90. Epoca eccezionale, specialmente in Inghilterra, per i generi da cui attingono i nostri: death metal, grindcore, thrash, hardcore e forse altro ancora.

Non è per nulla facile individuare, sotto l'aspetto compositivo, un filo conduttore di questo The Truth Behind; è di sicuro più efficace descriverne il sound: corposo, moderno ma asciutto nei singoli strumenti, con chitarre down-tuned e voci catarrose dalle varie sfumature. Tutto bene, almeno fin qui. Sfortunatamente i 15 brani in questione si susseguono in maniera estremamente eterogenea, intervallate da samplers, intro e brani strumentali che pare abbiano l'unico fine di smorzare un andamento già claudicante. L'album si apre con una strumentale cadenzata e con i due brani più veloci, granitici e repentini del set, Barbie Voorhees e Of Guts and Fire, che fanno tornare alla mente le strutture più hardcoreggianti dei Napalm Death, massima fonte di ispirazione del quintetto, specie se raffrontati con il sound del periodo Fear Emptiness Despair o Enemy of the Music Business. Ciò che segue, è un privilegiare mid-tempo, schitarrate e bicordi grezzi e di vecchio stampo: SOD in primis, oltre a rimandi di thrash-death che fanno tornare alla mente gruppi come Righteous Pigs, SSS o Defecation. Lobotomized e Seeds of Demise fanno il verso all'hardcore minimale, Descending into Madness e Reign of the Leeches alternano blast-beat a ritmi e partiture poco ispirate, con qualche inserto black metal e addirittura nu metal. La parte finale, sempre preceduta dalla traccia di un minuto di sampler horror, torna sui binari death e grind, rendendoci meno ostica la digestione.

Questo The Truth Behind non vuole lasciare un vuoto completo, né indifferenza nei confronti dell’ascoltatore. Si può cogliere un buon auspicio per la resa live, data la genuinità dei nostri e la loro pervicacia dettata dall'amore per un genere e uno stile potente e chiassoso. I solchi traspirano sudore ed il sound è scuro e autentico, a cui si suggerisce una maggiore attenzione verso ritornelli trascinatori. Rimandati a settembre.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Give Praise Records
Death / Grind
Tracklist
1. Incubation
2. Barbie Voorhees
3. Of Guts and Fire
4. Lobotomized
5. One By One
6. Latent Dementia
7. GIL
8. Descending Into Madness
9. Reign Of The Leeches
10. Seeds of Demise
11. Free Range Meat
12. Mud Doll Factory
13. Mindfuck
14. Swallowed By The Earth
15. Repeated Slaughter Of The Undead
Line Up
Nando Thommessen (Chitarra)
Senen Garcia (Chitarra)
Donnie Burgess (Basso)
Aitor Gazzoline (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]