Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Evergrey
The Atlantic
Demo

BlurryCloud
Pedesis
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/03/19
QUEENSRYCHE
The Verdict

01/03/19
CLIMATE OF FEAR
The Onset of Eternal Darkness

01/03/19
HEAUME MORTAL
Solstices

01/03/19
CARTOGRAPHS
Wilt & Blossom

01/03/19
WHILE SHE SLEEPS
So What?

01/03/19
MARK MORTON
Anesthetic

01/03/19
IN FLAMES
I, The Mask

01/03/19
DARKWATER
Human

01/03/19
BROWBEAT
Remove the Control

01/03/19
DER WEG EINER FREIHEIT
Live In Berlin

CONCERTI

23/02/19
BUCKCHERRY + GUESTS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

23/02/19
...AND YOU WILL KNOW US BY THE TRAIL OF DEAD
COVO CLUB - BOLOGNA

23/02/19
UNDISPUTED ATTITUDE FESTIVAL
DEFRAG - ROMA

23/02/19
SATAN + RAM + SCREAMER
CIRCOLO ARCI MU - PARMA

23/02/19
OPERATION MINDCRIME
MEPHISTO - ALESSANDRIA

23/02/19
PROSPECTIVE
DA MONSTAS - PORTO POTENZA (MC)

23/02/19
NANOWAR OF STEEL
FUORI ORARIO - TANETO (RE)

23/02/19
FORGOTTEN TOMB + GUESTS
BOCCIODROMO - VICENZA

23/02/19
BLACK THERAPY + EVIL NEVER DIES
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

23/02/19
ENUFF Z' NUFF + SISKA
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

Matheus Manente - Illusions Dimension
17/02/2017
( 796 letture )
Spesso i progetti di lunga gestazione, che siano già ultimati o ancora in fase di lavorazione, oltre che il rispetto, hanno anche la mia approvazione incondizionata, persino nel caso in cui il risultato finale non mi aggradi particolarmente. Forse perché il processo di creazione di un’opera che si possa veramente definire tale, di qualunque tipo essa sia, affascina enormemente, ed assistere, per quanto indirettamente, alla realizzazione di simili fatiche, colpisce nel profondo. Ci sono voluti circa 7-8 anni perché il polistrumentista brasiliano Matheus Manente riuscisse a terminare e a pubblicare il suo primo disco, questo Illusions Dimension, che arriva a noi, rimasterizzato, 3 anni dopo la sua uscita: un album lungo, strumentale (se non per qualche stralcio di spoken word e qualche sample), che si pone l’obiettivo di trasportare l’ascoltatore in un viaggio di riflessione sui temi filosofici che hanno interessato il compositore sudamericano nel corso della sua esistenza. Ha impiegato quasi dieci anni per dare forma musicale a pensieri e idee personali, per concepire e creare un’autentica esperienza, per lui come per chiunque altro, capace di descrivere i tormenti di una vita; e lo ha fatto con un prodotto molto al passo coi tempi nel suo genere, che risente tanto dell’influenza dei gruppi progressive rock classici (su tutti gli Yes post-Close to the Edge) quanto dei Dream Theater, e di tutto il progressive metal moderno (Between the Buried and Me, Periphery); lo ha fatto con un prodotto che, però, si può quantomeno definire “esuberante”.

75 minuti di musica sono tanti, e a chi tenta di approcciarsi a questo lavoro, possono sembrare frutto di presunzione e arroganza, di poca umiltà; possono trasmettere all’ascoltatore un’aria di sfida, piuttosto che dare l’idea di un genuino risultato dell’ispirazione artistica. Ma, se si comincia ad ascoltarlo, ci si rende conto che il ragazzo è senza dubbio guidato dalla passione e da un forte amore per la musica. Il suo talento a livello tecnico si sente su tutti gli strumenti utilizzati, non solo alla chitarra (protagonista nella quasi totalità dell’opera), e si può anche notare un discreto gusto a livello compositivo; non mancano infatti pezzi di buon livello come Symmetry of Evil, forse la migliore canzone del disco insieme ai due singoli Kinetic Disturbances e Market Garden - dei quali sono anche stati realizzati due videoclip. E Matheus è anche abile nel coniugare il puro metal con fraseggi acustici, momenti orchestrali, arrivando persino ad un’incursione totalmente inattesa nella musica elettronica (quasi dubstep) in Virtual Destruction – altro pezzo degno di nota. E’ un album che potrà forse esaltare chi ama variazioni e cambi di tempo inaspettati (The Shapley-Curtis Debate ne è un esempio), poichè riff cervellotici e imprevedibilità non gli mancano. Dove stanno allora i problemi? Semplicemente, durante l’ora e un quarto del disco, capita di trovarsi di fronte a passaggi meno riusciti, a melodie poco azzeccate, o ad assoli che non riescono a lasciare il segno, finendo per avere la sensazione che il brasiliano abbia esagerato, tirando fuori troppo da sè stesso; come se fosse rimasto chiuso in casa per troppo tempo, e, una volta vista la luce, non abbia saputo contenersi. E alla sincerità dell’opera, si affianca quindi l’assenza di quel guizzo capace di elevarla, quel guizzo che scateni un coinvolgimento emotivo nell’ascoltatore, nonostante questo sia un album tutt’altro che freddo, almeno agli occhi di chi scrive. Mi ha ricordato molto il fantastico progetto Nervecide di Giorgio Benedetti, che, pur avendo un’impronta più estrema, ho trovato concettualmente molto simile a quello del polistrumentista sudamericano; ma, per ora, Matheus Manente non riesce ad avere quell’impatto, quella forza, quella bellezza che l’italiano appena citato ha sfoggiato in Impermanence. Necessita di portare all’essenza le sue idee, e forse anche di acquisire un po’ d’esperienza.

Illusions Dimension rimane comunque un esperimento che merita la promozione, perché certamente non brutto, nè tantomeno da buttare, anzi; si ascolta volentieri. C’è il potenziale per creare qualcosa di ottimo in futuro, con alcuni accorgimenti e un po’ di maturità, con la quale in pochi nascono. Inoltre è ottimamente prodotto dallo stesso Matheus Manente (negli studi di casa sua a San Paolo), che ora pare sia impegnatissimo in vari progetti; è quindi probabile che sentiremo ancora parlare di lui, in un modo o nell’altro, in futuro.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Vulgar Puppet
Giovedì 9 Marzo 2017, 14.07.24
3
Grazie mille Doom
Doom
Mercoledì 8 Marzo 2017, 14.39.18
2
Vulgar, non sapevo che facessi recensioni!Sono contento.. Le leggero con piacere anche se magari non sono il mio genere! Buon Lavoro!
Monky
Venerdì 17 Febbraio 2017, 20.24.32
1
E con questa recensione diamo il benvenuto anche al nostro Francesco Brandolini "Vulgar Puppet" in redazione!
INFORMAZIONI
2017
Autoprodotto
Prog Rock
Tracklist
1. Illusions Dimension
2. Kinetic Disturbances
3. The Shapley-Curtis Debate
4. Inner Peace
5. Symmetry of Evil
6. Market Garden
7. Castaway
8. The Seventh of Nights
9. Pamukkale
10. Virtual Destruction
11. The Burial of the Count of Orgaz
12. Brihadeeswarar Temple
13. Dreams and Memories
Line Up
Matheus Manente (Tutti gli Strumenti)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]