Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
HORRIFIED
Sentinel

13/12/19
MOSAIC
Secret Ambrosian Fire

13/12/19
IN OBSCURITY REVEALED
Glorious Impurity

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
EREGION
Age Of Heroes

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

CONCERTI

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN (ANNULLATO!)
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

13/12/19
GLI ATROCI
ALCHEMICA MUCIS CLUB - BOLOGNA

13/12/19
NATIONAL SUICIDE + TERBIOCIDE
UFO ROCK PUB - MOZZO (BG)

14/12/19
JINJER + GUESTS (SOLD OUT!)
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

14/12/19
KNOCKED LOOSE + GUESTS
CS RIVOLTA - MARGHERA (VE)

Spock`s Beard - Spock's Beard
( 6094 letture )
In tutte le cose c’è sempre un prima e un dopo. È così, è sempre stato così e sarà sempre così. La musica non fa eccezione a questa ‘regola’. C’è sempre un evento, un punto di rottura col passato ‘glorioso’ che raramente è anche l’inizio di un futuro altrettanto ‘glorioso’. Degli esempi? Pensate ai Maiden senza Dickinson, ai Priest senza Halford, solo per citare alcune delle band che hanno perso o sostituito i loro frontman in passato. Difficilmente ci si rialza quando si perde un pezzo da novanta come quelli citati prima. Gli Spock’s Beard hanno attraversato la stessa situazione. La parabola ascendente della carriera degli americani, vide il suo vertice nel doppio magnifico concept Snow, che purtroppo allo stesso tempo rappresentò anche il punto di rottura col passato, Neal Morse decise di lasciare il gruppo in seguito ad una ‘crisi mistica’ che lo porterà ad intraprendere una carriera solista all’insegna del ‘Christian Prog’. Un brutto colpo per il gruppo. Proprio nel punto più alto della loro carriera gli Spock’s Beard persero una pedina fondamentale, un pezzo da molti considerato (anche da chi scrive) insostituibile. Per fortuna molto spesso la critica sbaglia (io compreso), e così gli Spock’s Beard si ripresero alla grande dalla dipartita con Neal Morse, sfruttando le proprie risorse, dato che lo sostituirono col batterista Nick D’Virgilio, già egregio dietro le pelli. Poi arrivarono due album molto buoni, Feel Euphoria e Octane che affermavano a voce alta che gli Spock’s Beard non erano morti.
Dopo questa breve cronistoria prendiamo in analisi il presente, perché gli Spock’s Beard sono tornati con questo omonimo album, che rappresenta la maturazione perfetta di questo secondo capitolo della vita del gruppo americano. Un album maturo, ricercato e di classe. Quattordici canzoni compatte, ma allo stesso tempo eclettiche, nessun filler, e una qualità diffusa dei pezzi davvero superiore alla media.
Si comincia con uno dei pezzi migliori, On A Perfect Day, song trascinante e azzeccatissima nel ritornello, molto bello il break centrale di chitarra acustica di Alan Morse davvero in stato di grazia. Subito una canzone di quasi otto minuti, quasi a voler far capire che qui ce n’è di prog, e di quello buono pure. Cosa ho scritto? Prog? Allora beccatevi Skeletons At The Feast sei minuti e mezzo di adrenalinico, strumentale, vivo e puro prog rock come solo gli Spock’s Beard sanno fare. Un pezzo ‘cattivo’ quanto basta, anche se non si perde mai di vista la melodia.
Si corre a mille con la blueseggiante Is This Love, accattivante e melodica quanto basta.
Al quarto posto arriva la prima Spock’s ballad, All that’s Left canzone ricercata e intimista, dove sono ancora Morse e Okumoto con il suo pianoforte a farla da padroni. With Your Kiss è la canzone più varia ed eclettica. Inizio in sordina, con un ritmo lento da ballata, che sfocia in un gran lavoro di Morse alla chitarra, fino ai sei minuti, poi improvvisamente parte un ritmo da samba, per poi finire sugli arpeggi di chitarra che accompagnano la voce (bellissima) di D’Virgilio in un crescendo di emozioni che termina ancora una volta con un bellissimo assolo di Alan Morse.
Arriviamo nella zona calda del platter, e gli Spock’s Beard dimostrano di saper pianificare in modo esemplare anche la track list di un disco. Sometimes They Stay, Sometimes They Go , The Slow Crash Landing Man e Wherever You Stand sono tre splendide canzoni, ma il fatto che siano state messe in questa sequenza non è casuale, tre pezzi diversi che proprio per questo riescono a tenere desta l’attenzione dell’ascoltatore. Ancora echi di blues nella prima del terzetto, ritmo più cadenzato e disteso per la seconda, e ritmi elevatissimi per Wherever You Stand in classico stile Spock’s.
Piccola ‘pausa’ dopo il ciclone appena passato, Hereafter vi cullerà con la dolcezza della voce di D’Virgilio ed il pianoforte di Ryo Okumoto. Bella, davvero bella.
La suite As Far As The Mind Can See inizia con Dreaming In The Age Of Answers, ed inizia col botto, continua con Here’s A Man altro pezzo variegato. Sulla stesse coordinate si muove They Know We Know. Si continua con Stream Of Unconsciousness, un vero e proprio fiume in piena inarrestabile che travolge ogni ostacolo. Si chiude forse con il pezzo migliore del disco. Rearrenged si snoda nei suoi sei minuti senza un calo di tensione, senza passaggi a vuoto, proprio come questo Spock’s Beard.
Amanti del Prog Rock non rimarrete delusi…



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
31.19 su 31 voti [ VOTA]
The Cerberman
Sabato 11 Ottobre 2008, 1.56.13
1
ottimo disco, intriso di ottimi momenti... ma i dischi del periodo Neal Morse non torneranno... Apprezzo motlo rearranged con la sua melodia solare, all that's left con la sua malinconia,e la tecnica effimera di skeletons at the feast.
INFORMAZIONI
2006
Inside Out Music
Prog Rock
Tracklist
01. On A Perfect Day
02. Skeletons At The Feast
03. Is This Love
04. All That's Left
05. With Your Kiss
06. Sometimes They Stay, Sometimes They Go
07. The Slow Crash Landing Man
08. Wherever You Stand
09. Hereafter
10. part 1 - Dreaming In The Age Of Answers
11. part 2 - Here's A Man
12. part 3 - They Know We Know
13. part 4 - Stream Of Unconsciousness
14. Rearranged
Line Up
Nick D’Virgilio – Vocals, Drums
Alan Morse – Guitar
Dave Meros – Bass
Ryo Okumoto – Keyboards

Link e Contatti:
Spock's Beard @MySpace
 
RECENSIONI
69
90
80
70
82
90
82
78
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]