Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Amorphis
Queen of Time
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

01/06/18
THORIUM
Blasphemy Awakes

01/06/18
BLACK CRUCIFIXION
Lightless Violent Chaos

01/06/18
LIPZ
Scaryman

01/06/18
GRUESOME (USA)
Twisted Prayers

01/06/18
MAGICAL HEART
Another Wonderland

01/06/18
MORTIIS
Perfectly Defect - ristampa

01/06/18
NERVOSA
Downfall Of Mankind

01/06/18
ALIEN WEAPONRY
Tū - Album Cover

01/06/18
WOLFSSCHREI
Rise Dead Ember

08/06/18
DEVIN TOWNSEND
Eras

CONCERTI

27/05/18
METAL QUEEN FESTIVAL (day 3)
SALONE POLIVALENTE - STRAMBINO (TO)

27/05/18
BARBATOS + MANZER + INSULTER
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

29/05/18
ROCK TEMPLE FESTIVAL
LEGEND CLUB - MILANO

01/06/18
SUUM + THE OSSUARY + GUESTS
DEFRAG - ROMA

01/06/18
WIEGEDOOD + CALVARIO
SPAZIO LIGERA - MILANO

02/06/18
DESTRAGE + DESPITE EXILE + SLANDER
SOLIDAR ROCK - CASSANO D/ADDA (MI)

02/06/18
SHORES OF NULL + PÁRODOS
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

02/06/18
WIEGEDOOD
FREAKOUT - BOLOGNA

02/06/18
NODE + GUESTS
THE FACTORY - AZZANO (VERONA)

05/06/18
DEAD CROSS
ESTRAGON - BOLOGNA

Suicide Silence - Suicide Silence
23/02/2017
( 2092 letture )
“Che se ne parli bene o se ne parli male, l’importante è che se ne parli”: in questa frase pare riassumersi la nuova politica dei Suicide Silence. Perché in effetti dopo il rilascio dei primi singoli del nuovo lavoro e lo stile apparentemente diverso sulla rete non si parla altro: girano vignette diffamatorie, commenti sgradevoli nei loro confronti ma che se ne voglia dire, questa è tutta pubblicità. Il punto è che l’utenza scontenta non aveva ancora ascoltato tutto l’album, che si rivela il più clamoroso cambio di genere nella storia del metal/hardcore dopo gli In Flames nonché un lavoro davvero erroneamente self-titled, nel senso che non è nulla di associabile ai Suicide Silence così come li conosciamo.
Dimenticatevi di The Cleansing, dimenticatevi di No Time to Bleed , della loro terrificante pesantezza, dissonanza e inimitabile ferocia. Ma dimenticatevi anche di You Can’t Stop Me, che seppur più leggero e dai suoni più freschi era comunque un album degno, se consideriamo anche lo smottamento subito dalla band dopo la triste dipartita dell’amato singer Mitch Lutcher. Egli fu sostituito poi da Hernan Eddie Hermida degli All Shall Perish: non parliamo certo dell’ultimo arrivato, bensì un cantante coi cosiddetti che poteva comunque rendere onore al frontman e carriera precedenti della band e anche fare grandi cose per il futuro.
Ma ahimè, vi dovete scordare anche di Eddie Hermida così come lo conoscete, perché in questo album ha deciso di cantare in maniera completamente diversa. Dimenticatevi insomma del deathcore dei Suicide Silence, che in questo lavoro è quasi del tutto soffocato da una specie di nu metal/crossover/alternative/hardcore con solo qualche sprazzo della caustica e inquantificabile violenza del passato. Dimenticatevi di ciò per cui prima i nostri venivano stimati ed elevati a idoli.

Questo è quasi certamente uno schiaffo in faccia autoinflitto, visto che i nostri sono per l’appunto fra i padri e maggiori esponenti del genere, del vero ed originale deathcore insieme con All Shall Perish, Whitechapel, Thy Art is Murder e Carnifex e sembra quasi impossibile che non siano riusciti o peggio ancora non abbiano voluto reinventarsi nel genere che loro stessi hanno contribuito a creare. Esagerati, terrificanti al punto da sembrare pazzi musicalmente e scenograficamente parlando, riescono adesso a scioccarci in tutt’altra maniera. Perché è questo l’effetto dell’album in questione: lasciare sgomenti, perplessi e a bocca aperta, Suicide Silence ci fa scuotere la testa e chiederci “E’ reale?”. Insomma, questo non è un album per nostalgici o per follower accaniti (che si accaniranno in altra maniera) e di sicuro non è per i fan del deathcore; ma non si tratta nemmeno un album easy listening per ragazzini che si avvicinano ai generi estremi. Piuttosto è un lavoro che vuole stupire ed attirare in maniera diversa, non si capisce se utenti di generi differenti o haters. Che sia forse un malevolo artificio della Nuclear Blast, che ci mette lo zampino e riesce non si sa come a sedare e cambiare band che prima facevano saltare in aria il pentagramma? Inutile infatti negare che un accenno di cambiamento e alleggerimento erano già presenti nel precedente You Can’t Stop Me.

Ma ipotizziamo anche che dopo circa un decennio di carriera molto sia stato già detto sia da loro che da tante altre band e il rischio di cadere nei cliché sia dietro l’angolo: se prendiamo per buono il cambio di genere e cerchiamo di vedere la cosa in un’ottica del tutto differente, dimentichi del deathcore e aperti mentalmente per questa nuova realtà, vediamo comunque che l’ascolto non è facile né del tutto gradevole a causa del disordine stilistico che presenta, non avendo una precisa direzione e punto di arrivo.
Va bene l’alternative e il nu metal alla Korn, Deftones e Slipknot (in chiave leggermente più pesante), vanno persino bene le parti quasi screamo, ma un minimo di coerenza e definizione sono sempre necessari. Questo album sembra scritto e suonato alla bell’e meglio, complici anche tutti le voci fuori campo, i versi e i rumori in presa diretta che si sentono alla fine e anche durante le tracce, non si sa se inseriti appositamente o realmente registrati sul momento. Questa sensazione di familiarità e confidenza va bene perché fa sentire l’ascoltatore a casa, ma diventa eccessiva quando tutto l’album pare una grande accozzaglia.
Anche la produzione fantastica, la tecnica strumentale sempre evidente e la buona scelta dei suoni -che in parte sono sempre i loro- non possono salvare del tutto un songwriting senza un definito filo conduttore.
Abbiamo scoperto che Eddie Hermida sa cantare con perizia in pulito e non ci dispiace nemmeno del tutto, però è evidente una perdita di identità che non sarà ritrovata facilmente e del vecchio modo di cantare apprezziamo con malinconia solo alcuni exploit di screaming.
Si inizia con il primo singolo estratto e opening track Doris, un pezzo dal ritornello irritante che però conserva un minimo di impatto, invece i successivi vanno scemando e sfumando in pseudo-ballate alternative metal (Silence, Dying in a Red Room, Conformity) perdendo quasi completamente il muro del suono tipico dei Suicide Silence, che viene ritrovato solo in sparuti momenti diventati ormai quasi fuori luogo nel resto del contesto.
I loro suoni sono ancora presenti così come l’aspetto oscuro e nefasto e ci sono attimi in cui sembra di sentire nella base strumentale i buoni vecchi riff, il basso sfacciato e la batteria senza tregua dei tempi andati, ma si tratta solo di brevi accenni. Tutto è stato sacrificato in favore di digressione, chitarre clean effettate, voce pulita, lentezza e una ricerca di atmosfera che però non è totalmente andata a buon fine, cadendo nella mediocrità e nel già sentito.
Si prosegue su questa falsariga tranne che per Hold Me Up Hold Me Down e Don’t Be Careful You Might Hurt Yourself che ritornano in parte agli stilemi del passato perlomeno con una forte dose di hardcore e non ci fanno pentire del tutto di questo ascolto.

In conclusione, avremmo potuto dare per buona e rispettare una tale virata stilistica solo qualora essa fosse stata ponderata, sensata e soprattutto ben fatta. I nostri non hanno utilizzato appieno i loro mezzi e sembrano aver messo a punto questo lavoro con pressappochismo: il risultato è alquanto deludente. Un ascolto che non rimane in testa e non lascia quasi nulla di buono in quanto parecchio lontano dai classici del passato ma nemmeno realmente efficace nel tentativo di innovazione. Un tentativo va fatto solo per rispetto alla band e per prendere atto e coscienza dell’enorme cambiamento. Insomma se i Suicide Silence vogliono proprio fare alternative metal, per convincerci dovranno riprovarci al prossimo album.



VOTO RECENSORE
57
VOTO LETTORI
64.27 su 22 voti [ VOTA]
lux chaos
Domenica 5 Marzo 2017, 23.13.55
6
Concordo con Vale, io non ero proprio adolescente ma ho vissuto in pieno il periodo nu e acquistato un fracco di dischi, ma a mio gusto potrei citare decine di album riusciti meglio di questa accozzaglia di suoni senza una precisa direzione...
Valeria The Human Romance
Domenica 5 Marzo 2017, 11.54.10
5
Ciao Heimdall, grazie per il tuo parere. Io però lo trovo avulso anche dai tempi d'oro del nu metal/alternative/crossover .. ho preso in considerazione anche quell'ambito ma a mio parere è roba già sentita e scritta alla bell'e meglio. Se consideriamo che si sono lasciati alle spalle quasi tutto il loro passato, ho dovuto tirare conclusioni negative. Riconfermo ciò con cui ho chiuso la recensione: se proprio vogliono cambiare genere, lo devono fare meglio
Heimdall
Sabato 4 Marzo 2017, 17.41.17
4
Disco che sarà capito ed apprezzato solo da chi ha vissuto l'adolescenza immerso nel nu-metal, come il sottoscritto e la sua generazione. Album coraggioso, che svetta nel panorama monocorde del metalcore contemporaneo. Voto: 80
lux chaos
Sabato 4 Marzo 2017, 10.46.10
3
Ascoltato per mera curiosità, sembra un lavoro che già 15 anni fa sarebbe risultato anacronistico...pessimo, senza capo nè coda. Si sono scavati la fossa da soli. Buona recensione, anche se non avrei omesso che la produzione è del guru del nu Ross Robinson, ci avrei speso delle parole, perchè penso che l'80% di questo album sia colpa sua...cmq sentiti per curiosità, pessimi prima e peggio adesso
Sentenza
Sabato 25 Febbraio 2017, 18.24.41
2
57 è un voto molto gentile, soprattutto per il risultato di questo album. ammetto di averlo ascoltato con curiosità dato che a me il deathcore non fa impazzire se non in alcune eccezioni e veleggio più sul metalcore. penso che dei vecchi fans siano andati sicuramente persi e che per averne di nuovi serve qualcosa di più. il problema del cambio di genere è saperlo fare, avere le capacità. gli in flames, qui chiamati in causa, hanno saputo comunque coi loro mezzi e con nuovi strumenti dare vita a qualcosa di valido che trova consensi. i suicide silence invece non lasciano soddisfazione: sebbene spunti interessanti (silence forse è alla lunga la migliore del lotto, per chi come me magari era interessato al loro nuovo modo di esprimersi), la confusione è abbastanza evidente. in ogni caso la band è nota per la sua rigidezza e le sue difficoltà oltre che compositive, anche di sapersi modificare a livello sonoro
Robi
Venerdì 24 Febbraio 2017, 21.26.10
1
Ascoltato per mera curiosità...che dire...un clamoroso buco nell'acqua...qualche buono spunto qua e la si trova però sembra un cambio sa di forzato in maniera palese...apprezzo le band che evolvono il proprio sound ma questo cambio totale così repentino è veramente insensato...poteva essere una mossa vincente abbinare il deathcore con il nu metal...e invecehan prodotto un album veramente scadente andando su territori non loro...voto personale 45
INFORMAZIONI
2017
Nuclear Blast
Alternative Metal
Tracklist
1. Doris
2. Silence
3. Listen
4. Dying in a Red Room
5. Hold Me Up Hold Me Down
6. Run
7. The Zero
8. Conformity
9. Don’t Be Careful You Might Hurt Yourself
Line Up
Eddie Hermida (Voce)
Chris Garza (Chitarra)
Mark Heylmun (Chitarra)
Dan Kenny (Basso)
Alex Lopez (Batteria)
 
RECENSIONI
50
65
70
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]