Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
EVILON
Leviathan

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Obscure Devotion - Ubi Certa Pax Est
24/02/2017
( 1961 letture )
Dai tetri bassifondi dell’underground di casa nostra ri-emergono gli Obscure Devotion, formazione lucana attiva sin dal lontano 1996. È passato ormai più un decennio dall’ultima fatica discografica …Of Darkness, Death and Faith e, da allora, ci sono giunte ben poche notizie. Un periodo notevolmente lungo durante il quale i nostri, ritrovata stabilità a livello di formazione dopo diversi tumulti, hanno sviluppato e raffinato il loro black metal mixandolo con sonorità thrash e death secondo criteri più freschi e moderni.
I risultati di questa evoluzione sono le dieci tracce di Ubi Certa Pax Est, terzo platter in uscita per la statunitense Dark Horizon Records. È doveroso sottolineare immediatamente che la produzione, effettuata presso il 16th Cellar Studio di Roma, è uno degli elementi di forza di quest’album. Suoni eccezionali, cristallini e potenti che valorizzano esponenzialmente i brani di seguito analizzati.

La minacciosa intro Meet the Sorrow è la classica quiete prima della tempesta che si scatena con la title track: micidiali riff di matrice black metal si dispiegano su una architettura ritmica devastante e precisa, il manifesto dei contenuti dei successivi quarantasette minuti del CD. Il pezzo si scinde a metà durata con un improvviso quanto imprevedibile break armonico, per poi ripartire furiosamente rivelando gli Immortal fra le fonti d’ispirazione del terzetto nostrano. Ottima è anche la prestazione del singer e chitarrista, Cabal Dark Moon, voce che ricorda in certi frangenti il Michael Stanne più cattivo.
La violenza sonora non conosce tregua nel dittico Burning Blades of Frozen Tears / Dreaming a Dead Home, dove la dissestante sezione ritmica formata dal drummer Abyss:111 e dal bassista Vox Mortuorum supporta un elaborato guitar work che spazia con disinvoltura fra i diversi sottogeneri del metal più estremo generando uno tsunami sonoro inarrestabile. Nella successiva The Sign of Pain si fanno invece evidenti le influenze della scuola svedese, nonché un approccio al songwriting meno votato all’aggressività e più a dinamiche controllate, sebbene in stralci puntuali i blast beat non manchino.
Il bell’arpeggio iniziale di On Butterfly Wings apre a un riffing death che include soluzioni tecniche tanto care ai Carcass di Heartwork, congiungendosi a rasoiate nel tipico modus operandi black/thrash per poi terminare in un suggestivo inserimento atmosferico che fa da sottofondo a un solo di eccellente fattura, chiudendo così uno degli episodi più articolati e convincenti. Il radicato background melodico affiora ancora in Arrivederci Pt. I e Arrivederci Pt. II, due canzoni che si distinguono non soltanto per l’esiguo minutaggio, ma soprattutto per la loro intelaiatura, stavolta volutamente semplice e lineare, in netta contrapposizione con la complessità delle altre composizioni.
Nella seguente strumentale Beyond the Flesh sono le chitarre a farla da padrone: prima con un pattern suonato secondo differenti chiavi di lettura, dopo sovrapponendosi e intersecandosi per creare una interessante trama musicale, mentre la malinconica outro Last Embrace è il sigillo conclusivo di un lavoro dall’elevato spessore artistico, ispirato, curato nei dettagli e composto maniera magistrale.

Tutti i brani contenuti in questo Ubi Certa Pax Est si attestano dunque su livelli qualitativamente alti, eseguiti con perizia tecnica e perfettamente prestanti alla dimensione live, peculiarità da non sottovalutare dato il genere proposto. È doveroso, inoltre, un cenno circa la bellissima grafica con cui si presenta la confezione, realizzata sapientemente da Animvs Studio. Particolarmente succulenta è la versione digipack in edizione limitata, una ragione in più per fare vostro questo disco che già si candida a essere uno dei top album del 2017. La scena metal saluta quindi il ritorno in grande stile degli Obscure Devotion, una band rinnovata e finalmente pronta al definitivo salto di qualità per ritagliarsi il posto che merita fra le migliori realtà in ambito nazionale ed internazionale.



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
89.5 su 28 voti [ VOTA]
DartFender
Venerdì 10 Novembre 2017, 21.30.50
7
Album stupendo, questi Obscure Devotion sono un'altra band italiana di cui andare fieri! Altro che...
Davys
Lunedì 27 Febbraio 2017, 17.14.26
6
Cosa c'entrano i Destruction? E perchè gli OD non meriterebbero rispetto? Per me loro meritano eccome, non solo il rispetto.
rubicon 999
Domenica 26 Febbraio 2017, 16.36.28
5
ma che rispetto, poi insultate i Destruction perché si rifiutano di suonare in una pizzeria!
lisablack
Sabato 25 Febbraio 2017, 21.56.14
4
Questo sarà mio, appena possibile..!!
LookaLù
Sabato 25 Febbraio 2017, 21.31.57
3
Bella recensione, concordo in pieno! Album immenso!
Alessio
Sabato 25 Febbraio 2017, 11.49.17
2
Massimo supporto e rispetto! Grandissimo Roberto \m/
n.platz
Venerdì 24 Febbraio 2017, 22.28.26
1
Una sola parola...rispetto!! Grandissimo lavoro!
INFORMAZIONI
2017
Dark Horizons Records
Death / Black
Tracklist
1. Meet the Sorrow (Intro)
2. Ubi Certa Pax Est
3. Burning Blades of Frozen Tears
4. Dreaming a Dead Home
5. The Sign of Pain
6. On Butterfly Wings
7. Arrivederci Pt. I
8. Arrivederci Pt. II
9. Beyond the Flesh
10. Last Embrace (Outro)
Line Up
Cabal Dark Moon (Voce, Chitarra)
Vox Mortuorum (Basso)
Abyss:111 (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]