Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Cortex Complex
Memoirs of an Apocalypse
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

CONCERTI

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

24/11/17
INDACO + MOUNTAINS OF THE SUN
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

25/11/17
PROSPECTIVE + UNDERTHEBED + OBSCURAE DIMENSION
CENTRO GIOVANILE CA' VAINA - IMOLA

Convulse - World Without God
04/03/2017
( 669 letture )
Ritengo che la scena death metal finlandese di inizio anni ’90 sia una delle più interessanti nella storia del genere, per quanto parlando di death metal scandinavo si sia sempre portati a pensare alle coste opposte del Baltico; a tutti gli effetti, i gruppi finlandesi di quel periodo contano exploit qualitativi meno numerosi e spesso meno solidi rispetto ai colleghi svedesi, che i primi non riescono a battere nemmeno in longevità, dato che la maggior parte degli esponenti death metal della terra dei mille laghi conobbero periodi di attività molto brevi (perlomeno come formazioni death metal), appena sufficienti a pubblicare un numero consistente di demo ed EP, figuriamoci di full-length: Demilich, Demigod, Purtenance, Rippikoulu, Xysma, Depravity, Cartilage, Abhorrence (sebbene poi gli Amorphis abbiano avuto un notevole successo, ma non prima di discostarsi notevolmente dalle radici più putride del loro sound) e ultimi ma non meno importanti – tutt’altro, direi – i Convulse.

Rispetto alla scena svedese, soprattutto quella che ruotava intorno a Stoccolma e al Sunlight studio, la scena finlandese non risulta quasi univocamente accomunata da caratteri stilistici primari, ma ogni gruppo, finanche ogni uscita discografica (per lo meno quelle giunte a conoscenza del sottoscritto) si può in linea di massima distinguere sufficientemente dagli altri – cosa non necessariamente vera per la scena death metal della nazione limitrofa. Naturalmente anche in questo caso i principali centri geografici di attività metal underground erano limitati, spesso gli stessi musicisti militavano in più formazioni, e si possono quindi riconoscere del tratti di pesante somiglianza (diciamo dei denominatori comuni). Per arrivare al punto, i Convulse sono probabilmente il gruppo che più si avvicina al paradigma stilistico svedese, ma con le dovute distanze.

In effetti, l’accostamento di up-tempo moderati principalmente in d-beat e riff di matrice hardcore a down-tempo quasi doom-oriented (à la Autopsy, in ultima analisi) con melodie di chitarra distinte su un plotter ritmico molto cupo, con un certo intento empatico se vogliamo, avvicina molto il quartetto di Nokia agli svedesi Gorement, God Macabre (a cui li accosto anche per quel paio di intermezzi di chitarra classica), Desultory e Utumno. Come i può riconoscere immediatamente dall’ascolto di World Without God, il loro debutto del 1991, o dallo splendido (o per meglio dire, disgustoso!) demo Resuscitation of Evilness del 1990, il sound dei Convulse punta su un range di frequenze piuttosto distinto da quello letteralmente saturato di medie del death metal di Stoccolma e del suo a dir poco iconico Boss HM-2: è più grosso, grasso, spesso, come quello di molti contemporanei rappresentanti della forma più putrida del death metal d’Oltreoceano. A tutti gli effetti, quelle chitarre low-end ancora un po’ ronzanti mi ricordano i primi demo di Incantation e Morticians, ma solo dal punto di vista del sound, non quello stilistico, sia chiaro.

Nella modesta durata di 36 minuti World Without God riesce ad azzeccare un riff dopo l’altro, dimostrandosi vincente proprio sull’aspetto compositivo. Raramente i riff risultano intricati, e sebbene al primo ascolto possano parere un po’ anonimi, non faticano affatto ad incollarsi alla memoria dell’ascoltatore minimamente ostinato. L’atmosfera, complice i suoni fangosi (e non proprio chiari, vi anticipo), è veramente soffocante e putrescente, e si fa davvero pesante non appena il gruppo molla l’acceleratore. Cionondimeno, le parti più incalzanti del disco risultano veramente irresistibili, sia i tempi grind, non rari, che quelli più punkish. A completamento del discorso chitarristico, anche i lead risultano adeguatamente selezionati, mostrando lo stesso gusto melodico spesso dissonante delle ritmiche (basti sentire il primo riff del disco, subito dopo l’immancabile intro con l’organo MIDI, uno dei miei cliché preferiti del genere!).

Il drumming è perfettamente in linea con gli standard del genere, e a parte risultarvi ottimamente sposato all’intento di pesantezza dei riff, non vi stupirà ulteriormente, così come anche il basso, udibile per impatto ma generalmente sepolto sotto alla grossezza delle chitarre. Anche la voce è molto gutturale, sufficientemente gonfiata da un’eco che non la rende particolarmente decifrabile – ma era inevitabile in un disco così marcio. Le linee vocali assecondano abbastanza quelle chitarristiche, come in quasi ogni album in cui sia proprio il chitarrista a cantare, ma le soluzioni sono tutt’altro che banali, ma piuttosto funzionali al mood dell’album. Come mio solito però non mi dilungo nella descrizione specifica delle tracce, lasciandovi il divertimento qualora non aveste mai ascoltato questa perla.

In riferimento soprattutto alla fila di nomi e alle considerazioni di inizio articolo, più che agli stessi Convulse (non propriamente sconosciuti, data la massiccia ristampa di questo disco da parte di Earache negli ultimi anni, e la ripresa della loro attività musicale sia live che discografica nel 2012), aggiungerei in chiusura una riflessione sul fatto che proprio scavare nell’underground, raccogliendo frammenti discografici (demo compresi) di alcuni nomi considerati di culto, in primis delle scene americana, svedese e finlandese come in questo caso, ma non solo, mi ha permesso di godermi alcune delle maggiori soddisfazioni come ascoltatore e fanatico di death metal, e i Convulse sono stati proprio tra i primissimi gruppi ad avermi spinto a guardare oltre il ventaglio di nomi più noti (e che comunque non ho mancato di approfondire finanche venerare). Oggi con internet e le moltissime ristampe e demo-compilation, il compito è più semplice che mai, e il limite è veramente la propria pazienza!



VOTO RECENSORE
89
VOTO LETTORI
75 su 4 voti [ VOTA]
nonchalance
Giovedì 9 Marzo 2017, 12.03.11
5
Ascoltato ieri per caso e, ora me lo ritrovo tra i "commentati"..comunque, merita! Classico death di buona fattura con voce gutturale.
God of Emptiness
Giovedì 9 Marzo 2017, 10.26.06
4
Bell'album bello marcio che ascolto sempre con grande piacere. Per me un 85 ci sta. Avanza una proposta: potete recensire l'album Bleed for Us to Live dei GUTTED del '94? Non trovo recensioni, secondo me è un album davvero pazzesco di old school che merita davvero di essere riscoperto. Grazie \m/\m/
Undercover
Sabato 4 Marzo 2017, 14.11.09
3
Questi sono i Convulse! Potevano anche evitare di riunirsi.
Doom
Sabato 4 Marzo 2017, 12.24.05
2
Concordo! Grande album della scena Death che preferisco...quella piu oscura e priva di luce. Questo e' uno dei primi classici. Pero' ammetto che nella stessa scena i miei preferiti erano i DEMIGOD. Ammetto pero' che questo e' davvero un botto che non lo metto su...dovrei ripassare la lezione.
Pacino
Sabato 4 Marzo 2017, 11.39.20
1
grande disco! 90
INFORMAZIONI
1991
Thrash Records
Death
Tracklist
1. Intro
2. World Without God
3. Putrid Intercourse
4. Incantation of Restoration
5. Blasphemous Verses
6. False Religion
7. Resuscitation of Evilness
8. Infernal End
9. Godless Truth
10. Powerstruggle of Belief
Line Up
Rami Jämsä (Voce, Chitarra)
Jani Kuhanen (R.I.P. 1992) (Chitarra)
Juha Telenius (Basso)
Janne Miikkulainen (Batteria)
 
RECENSIONI
78
89
ARTICOLI
08/11/2013
Live Report
CONVULSE + DISMA + GUEST
Blue Rose Saloon, Bresso, 02/11/2013 - Closer Club, Roma, 03/11/2013 - Freakout Club, Bologna, 04/11/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]