Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Metallica
S&M²
Demo

Black Spirit Crown
Gravity
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/09/20
SECOND TO SUN
Leviathan

30/09/20
ALEX MELE
Alien Doppelganger

01/10/20
THE ERKONAUTS
I Want It to End

02/10/20
ION OF CHIOS
_reHUManize_

02/10/20
GOREPHILIA
In the Eye of Nothing

02/10/20
NACHTBLUT
Vanitas

02/10/20
SIX FEET UNDER
Nightmares of the Decomposed

02/10/20
ANAAL NATHRAKH
Endarkenment

02/10/20
SCHWARZER ENGEL
Kreuziget Mich

02/10/20
ISENGARD
Varjevndögn

CONCERTI

29/09/20
WITHIN TEMPTATION + EVANESCENCE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

03/10/20
PAGAN FEST
LAGHI MARGONARA - GONZAGA (MN)

03/10/20
SKELETOON
LEGEND CLUB - MILANO

08/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
TEATRO CELEBRAZIONI - BOLOGNA

09/10/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

09/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) (ANNULLATO)
TRAFFIC CLUB - ROMA

09/10/20
MORTADO
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

09/10/20
BULLO FEST
LEGEND CLUB - MILANO

10/10/20
ESOTERIC + NAGA + (ECHO) + AFRAID OF DESTINY (ANNULLATO)
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/10/20
TWILIGHT FORCE + GUESTS (RINVIATO)
LEGEND CLUB - MILANO

IN.SI.DIA - Denso Inganno
25/03/2017
( 4402 letture )
Ci sono casi in cui, per restare nella memoria e scrivere un pezzettino di storia del metal del proprio Paese, non è necessario aver prodotto discografie sterminate. Talvolta bastano infatti un paio di album, per di più cantati in lingua madre, per cogliere ugualmente l'obiettivo di cui sopra. Proprio come nel caso degli IN.SI.DIA. Autori di due lavori che tra il 1993 ed il 1995 li imposero all'attenzione generale, i thrashers bresciani inizialmente sponsorizzati da Omar Pedrini si erano sciolti senza riuscire a produrre il terzo lavoro ufficiale ma, come detto, non sono mai stati dimenticati. Dopo le ristampe del 2012 di Istinto e Rabbia e Guarda Dentro Te firmate dalla Jolly Roger, il ritorno in pista tra il 2013 ed il 2014 e adesso, quando l'hype per il loro nuovo CD è ormai sufficientemente alto, l'attesissimo ritorno ufficiale intitolato Denso Inganno.

Conservati i tre quarti della formazione originale ed aggiunto al bassista Fabio Lorini anche il ruolo di cantante e front-man, gli IN.SI.DIA non mutano le coordinate principali che governano la loro musica. Thrash deciso nel solco della tradizione; testi in italiano che affrontano anche tematiche importanti (non sempre sviluppate compiutamente dal punto di vista metrico) e registrazione in bilico tra le necessità di aderenza ad un genere aggressivo e sfrontato e quelle di veicolare un certo suono in maniera moderna. Registrato, mixato e masterizzato presso il Music Ink Studio di Arona (NO), sotto la guida di Giulio Capone e Nicholas Dagradi, Denso Inganno si compone di undici pezzi che puntano ad essere la naturale continuazione del loro ultimo lavoro in studio, risalente ad oltre vent'anni fa. Dietro l'artwork firmato Paolo Arisi/Fabio Lorini, gli undici pezzi presenti in scaletta mostrano tutti grosso modo gli stessi pregi ed i medesimi difetti. Canzoni che nella maggior parte dei casi colpiscono duro e spesso si stampano subito in mente (Il Mondo Possibile; Mai Perdere Controllo), altre un po' involute nella costruzione (A Causa Tua; A Conti Fatti), oltre a qualche tratto HC sparso a macchia di leopardo (Cosa Resta; La Casa dei Segreti; Sogno Reale) esaltato dall'uso della lingua di Dante, ed anche questo ricadente nella tradizione del genere. Un altro elemento che emerge dall'analisi è quello della resa limitata delle parti vocali, troppo monocorde anche nei frangenti in cui sarebbe necessaria una maggiore varietà interpretativa. E quando il pezzo quasi costringe a provarci, come in Denso Inganno, Il Vero Potere e Non Sei Vinto, il risultato è incerto; almeno nelle parti più lente, ove previste. Godibile, ma non memorabile lo strumentale Sintesi, che racchiude in un singolo brano le sfumature del modo di comporre made in IN.SI.DIA dell'anno di grazia 2017.

Denso Inganno è un disco quadrato, roccioso, poco indulgente e sicuro nel suo incedere, come un gruppo thrash con un certa storia alle spalle è chiamato ad incidere. Accanto a connotazioni tradizionali e riuscite, però, mostra anche dei limiti di varietà di scrittura ed interpretazione vocale che ne contengono la resa. L'album presenta infatti svariati pezzi aggressivi e violenti che dal vivo renderanno certamente di più (e probabilmente sono stati costruiti anche tenendo presente questo fattore); una buona padronanza degli strumenti e dei testi in italiano che, sulla carta, sono sempre un valore aggiunto ed in ogni caso testimoniano la volontà di andare oltre gli stereotipi del thrash. Per quanto riguarda le liriche, però, oltre al fatto che la metrica non sempre risulta scorrevole, la loro efficacia risente inevitabilmente delle limitate possibilità espressive di Lorini. Denso Inganno è un prodotto che a tratti riesce a coinvolgere restando nel solco della memoria dello stile, inserendovi anche qualche segno di evoluzione personale per quanto riguarda la scrittura, ma nel complesso sembra rimanere sempre col colpo in canna, senza esplodere organicamente come album. Alcuni pezzi riusciti, infatti, non sono comunque in grado di trascinare verso un range di eccellenza un lavoro molto atteso dopo così tanti anni di silenzio. Troppo atteso; forse.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
81.5 su 54 voti [ VOTA]
Ezio
Mercoledì 27 Dicembre 2017, 13.16.43
31
Magari io per questi ragazzi ho una certa simpatia, un po' perche' li ho visti un paio di volte, un po' perche' sono bresciano anch'io, ma per me quest'album non e' male, testi buoni, buona esecuzione musicale, certo c'è più groove rispetto al passato ma mi piace lo stesso, voto 75
Salvo
Domenica 24 Dicembre 2017, 13.58.26
30
Al primo ascolto mi aveva lasciato indifferente, invece nei successivi ascolti ho iniziato ad apprezzarlo. Per me è una buona prova. 80 lo meritano tutto.
GB
Lunedì 7 Agosto 2017, 22.42.56
29
Pochi cazzi... Album coi controcoglioni!! Intenso, tecnico, moderno, passionale....Grandi IN.SI.DIA.!! 83.
d.r.i.
Venerdì 5 Maggio 2017, 19.35.47
28
Ascoltato ma mi ha annoiato, ovviamente riascolterò meglio ma per me non raggiunge il 60.
LS
Venerdì 5 Maggio 2017, 17.50.40
27
D'accordo col recensore. Al loro posto avrei cercato un cantante anche giovane per sostituire al meglio Panni, che era un elemento chiave sia dal punto di vista vocale che chitarristico. Nelle parti veloci il cantato va bene, ma nelle parti più lente si sentono i limiti. Probabilmente questo succede quando Lorini è più "studiato" e ragionato, perché dal vivo i limiti si notano meno. Forse dovrebbe andare più d'istinto e puntare maggiormente sulla velocità. Altrimenti meglio cercare uno più completo vocalmente... Inoltre la mancanza della ritmica di Panni si sente, a volte sembra ci sia una sola chitarra... Ma questa forse è una loro scelta, perché volevano fare qualcosa di diverso dai due album precedenti. Detto questo, sono d'accordo con la valutazione. L'album è sufficiente ma manca quel qualcosa che lo porti ad essere ciò che mi aspettavo dopo tanta attesa.
AL
Mercoledì 19 Aprile 2017, 15.07.24
26
al loro concerto non avevano neppure ascoltato l’album e già le canzoni mi prendevano di brutto. Bravi anche a questo giro. Ho dovuto aspettare 22 anni ma ne è valsa la pena. Un album dove mi piacciono molto gli assoli, potenza e cattiveria sono ben dosate e mi sembra un album moderno anche se non inventano nulla. Ovviamente il punto debole è la voce anche se Fabio non se la cava malaccio, pensavo peggio. Sogno reale, il vero potere e la strumentale sono in assoluto le miei preferite. Promossi. voto 85
Necrolust
Domenica 16 Aprile 2017, 11.57.07
25
Ascoltato un paio di volte e devo dire che,nonostante preferivo Riccardo Panni alla voce, dopo averci fatto un pò l'abitudine Fabio Lorini non è così male. Per quanto riguarda il lato musicale a parte un pezzo che non mi ha convinto del tuto ("A Causa Tua"), è davvero un disco godibile e ci sono alcuni momenti davvero esaltanti (cito solo la title track). Insomma, alla fine, ben vengano dischi come questo nell'ultra affollato panorama italico
Mulo
Martedì 11 Aprile 2017, 20.25.50
24
Finalmente l'ho preso e m'ha soddisfatto! Musicalmente validissimo e anche la voce nn è male (meglio il cantante vecchio pero'),x me un bel 80. Avanti tutta ragazzi!
Alessio
Mercoledì 5 Aprile 2017, 9.16.37
23
Lo trovo un album accattivante e godibile. Bella la triade finale Sintesi - Non Sei Vinto - A Conti Fatti ma in generale tanti pezzi ben riusciti. Per me voto:75
crisformetal
Lunedì 3 Aprile 2017, 21.53.40
22
lo farò mio,i loro testi e la loro musica mi è sempre piaciuta....grandi in.si.dia
Doom
Venerdì 31 Marzo 2017, 21.36.00
21
\m/ ...tu non devi pensare, non devi vedere, non devi parlare... \m/..Bel pezzo.
Zess
Giovedì 30 Marzo 2017, 16.20.58
20
Si, ma ora basta con 'sta trollata dell'AAMEN eh... per fortuna il primo aprile è vicino, così la piantate.
AAMEN
Giovedì 30 Marzo 2017, 13.49.07
19
L'INGANNO DEL MALIGNO. QUESTO SITO è PEGGIO DI QUANTO SEMBRAVA. LE CONSEGUENZE SARANNO OVVIE,.
Raven
Mercoledì 29 Marzo 2017, 18.47.56
18
Evitiamo di commentare i commenti, grazie.
Veleno
Mercoledì 29 Marzo 2017, 17.57.46
17
nergal nemmeno lo avrà ascoltato il cd parla solo per dare aria alle tonsemorroidi!
max
Mercoledì 29 Marzo 2017, 10.22.50
16
il problema di nergal è che non ha le capacità per creare musica sua e quindi essendo invidioso di chi ci riesce (pur con tutti i difetti del caso) non può fare altro che buttare merda addosso a quella scena di cui vorrebbe far parte ma non può! forza nergal, se ti impegni forse una canzonetta riesci a tirarla fuori pure tu...
gianmetal
Mercoledì 29 Marzo 2017, 9.49.27
15
Lo ascoltero immediatamente,li vedró all'agglutination
Mulo
Martedì 28 Marzo 2017, 17.13.40
14
Esatto,più commenti ci sono e più visibilità ha il disco.Sotto a scrivere!!!
Nullo
Martedì 28 Marzo 2017, 15.56.10
13
Mi raccomando adesso: tutti appresso al troll e centinaia di commenti sui commenti.
Nergal
Martedì 28 Marzo 2017, 15.46.43
12
Altra cagata italiana @Pacino io do 40
Mento
Martedì 28 Marzo 2017, 13.57.30
11
Sicuramente un buon disco, sintetizzando il tutto, direi 80 pieno.
Graziano
Martedì 28 Marzo 2017, 13.04.37
10
Con un cantante vero avrebbe reso davvero di più.
Pacino
Martedì 28 Marzo 2017, 10.55.58
9
scusate...mi s'era impallato!
Pacino
Martedì 28 Marzo 2017, 10.01.47
8
ammazza che schifo. 50!
Pacino
Martedì 28 Marzo 2017, 10.01.37
7
ammazza che schifo. 50!
Pacino
Martedì 28 Marzo 2017, 10.01.35
6
ammazza che schifo. 50!
Alcibiade70
Lunedì 27 Marzo 2017, 18.45.56
5
Non sono d'accordo,per me è un buon lavoro,quoto veleno 80 pieno
AL
Domenica 26 Marzo 2017, 21.51.32
4
Lo prenderò sicuro anche se prevedo una resa vocale non ottimale. Lorini ha i suoi limiti anche live.
Raven
Domenica 26 Marzo 2017, 21.46.28
3
Ne sono sicuro, ma se aggiungessi giusto due parole per spiegare il perché ne sarei ancora più sicuro
Veleno
Domenica 26 Marzo 2017, 21.44.05
2
Ho ascoltato l'album e merita almeno un 80 pieno !!!
Mulo
Sabato 25 Marzo 2017, 18.02.53
1
Questo appena lo vedo in giro lo prendo,ricordo Guarda dentro te che è strepitoso (visti anche live ai tempi).Peccato si siano sciolti ai tempi,purtroppo è quando le difficoltà si fanno dure che bisogna perseverare e non mollare.....
INFORMAZIONI
2017
Punishment 18 Records
Thrash
Tracklist
1. Il Mondo Possibile
2. Mai Perdere Controllo
3. A Causa Tua
4. Cosa Resta
5. Denso Inganno
6. La Casa Dei Segreti
7. Sogno Reale
8. Il Vero Potere
9. Sintesi
10. Non Sei Vinto
11. A Conti Fatti
Line Up
Fabio Lorini (Voce, Basso)
Manuel Merigo (Chitarra)
Alessandro Venzi (Chitarra)
Alberto Gaspari (Batteria)
 
RECENSIONI
80
85
ARTICOLI
14/10/2017
Live Report
EXTREMA + IN.SI.DIA + ULVEDHARR
Dagda Live Club, Retorbido (PV), 07/10/2017
10/09/2017
Intervista
IN.SI.DIA
Ci vorrebbero i Bluvertigo
05/09/2014
Live Report
IN.SI.DIA + Guest
FESTA BIKER, COLOGNO AL SERIO (BG) - 30/08/14
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]