Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

Bloodfield - Sinners or Liars
05/04/2017
( 825 letture )
I Bloodfield nascono nel 2012 a Vicenza ispirandosi alle icone del thrash che tutti conosciamo, quindi dopo un breve periodo di sperimentazioni musicali e qualche cambiamento di line-up si indirizzano su un mix di sonorità più votato ad aggressività e melodicità (con ciò i loro pezzi non possono certamente essere definiti "leggeri", anzi) senza dimenticare le radici del genere. Negli ultimi anni anni la band ha trovato e migliorato l'amalgama tra i membri grazie all'attività live (che al solito si rivela la miglior palestra per qualsiasi band) giungendo quindi come logica conseguenza alla realizazione del debut album Sinners or Liars, rilasciato nel novembre 2016.

Il disco si rivela piuttosto interessante: come si può facilmente evincere dai titoli delle song si tratta a tutti gli effetti di un concept incentrato sui sette peccati capitali che ben si presenta al pubblico grazie alla copertina realizzata dall'artista sardo Ignazio Cuga, e che vede una serie di brani molto curati nell'arrangiamento e altrettanto ben eseguiti. Gli assoli e i riff del duo Gasparotto/Tihanyi non saranno incredibili ma badano al sodo in funzione delle diverse canzoni, mentre la batteria -caratterizzata da un vastissimo utilizzo della doppia cassa- avrebbe forse potuto essere in alcuni passaggi ancor più martellante, ma queste sono scelte del gruppo e sicuramente non si può muovere alcuna critica al lavoro svolto dal bravo Simone Farinea. Per quanto riguarda il capitolo "vocals" Filippo Cinetto ben si adatta alla proposta grazie al suo timbro piuttosto alto (Lust) e all'occorrenza velenoso (Envy) ma non disdegna nemmeno di inserire del growl atto a irrobustire le otto sferzate thrash -6:16 è infatti un'intro- che compongono il platter.

Nulla di trascendentale ma va dato atto ai Bloodfield di essersi impegnati al massimo cercando di riversare su disco tutta l'energia che mettono nei loro spettacoli dal vivo raggiungendo risultati più che soddisfacenti, sia per quanto riguarda l'ottima produzione che -e questo è ciò che conta davvero- per quanto riguarda il lato prettamente musicale, con brani diretti e godibili e una prestazione di tutti i membri all'altezza della situazione. Promossi.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
85 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2016
Autoprodotto
Thrash
Tracklist
1. 6:16
2. Greed
3. Envy
4. Gluttony
5. Sloth
6. Sinners or Liars
7. Pride
8. Wrath
9. Lust
Line Up
Filippo Cinetto (Voce)
Diego Gasparotto (Chitarra)
Domenico Tihanyi (Chitarra)
Luca Cestaro (Basso)
Simone Farinea (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]