Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/05/20
HELIKON
Myth & Legend

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Semiramis - Dedicato a Frazz
( 5533 letture )
Un altro dei gruppi facenti parte dell’epopea del prog Italico che, pur producendo un solo disco, ha lasciato una certo ricordo tra gli appassionati del genere è quello dei Semiramis, e chi ha voglia di sapere cosa vuol dire il nome può approfittare per rinverdire i suoi studi di storia antica. La band va ricordata sia perché ha prodotto un lavoro interessante per l’epoca, sia per questioni , per così dire , contingenti. Prima che a qualcuno di voi venga un colpo nel leggere la line-up posta come sempre dopo la recensione vera e propria ve lo dico io: si, è lui. Esatto, non si tratta di un caso di omonimia o di una parentela, è proprio lui, quel Michele Zarrillo che, solo pochi anni dopo, avrebbe cominciato ad ammorbarci l’esistenza assieme ad una carrettata di suoi colleghi Sanremesi con simpatiche cosine come “Una rosa Blu”, “Cinque giorni”, e che, a tutt’oggi, è ancora uno dei più affermati autori della musica leggera Nazionale. Se poi tra di voi si annidasse anche qualche lettore dalle panteistiche conoscenze musicali, allora devo aggiungere che si, anche lui è lui, anche Giampiero Artegiani è “quel” Giampiero Artegiani. Qui probabilmente è necessaria qualche conoscenza in più dell’ambiente musicale “ufficiale”, vi basti sapere a questo proposito che il tizio in questione, dopo l’esperienza Semiramis , ci regalerà nell’ordine: “Acqua alta in Piazza S. Marco”, Sanremo 84, anno dell’esordio di Ramazzotti; “E le rondini sfioravano il grano”, Sanremo 86; scrive “Perdere l’amore” per Ranieri – primo posto - ed “A casa di Luca” per Silvia Salemi; vorrei sottolineare che le informazioni che avete appena letto le ho reperite in rete, dato che le biografie dei due dopo i Semiramis non sono mai state in cima alla lista delle mie preoccupazioni. Date queste informazioni di servizio e considerando qualche secondo di tempo per farvi riprendere dallo shock e da eventuali allergie fulminanti a certe manifestazioni direi di passare alla recensione vera e propria. “Dedicato a Frazz” , (dalla bella cover firmata Gordon Faggetter), era, come quasi obbligatorio per l’epoca ed il genere , un concept, basato sulla storia del clown Frazz, (il nome è composto dalle iniziali dei cognomi dei componenti della band), e sulle sue difficoltà nel conciliare la sua esistenza fantastica dietro la sua maschera e la realtà oggettiva che lo circonda. Musicalmente parlando invece, se da un lato era un lavoro abbastanza canonico per il movimento prog, ed in parte limitato dalla vocalità di un giovanissimo e per questo acerbo Michele Zarrillo, (in formazione anche il fratello), dall’altro conteneva numerosi cambi di tempo di un certo pregio ed impostati sul lavoro elaborato e dal sapore a tratti mediterraneo delle tastiere che ne fanno risalire parecchio la qualità, ma anche delle aperture Hard Rock che rivelano un certo talento alla sei corde da parte dello stesso, peraltro già notate al Festival Pop di Villa Pamphili del 72, e che, sfruttate adeguatamente nel tempo, ci avrebbero probabilmente consegnato un chitarrista in grado di dire la sua anche nel nostro settore, (se anche quest’altra notizia vi ha sconvolto potete anche farvi un goccetto, ma di solito molti di voi lo fanno in ogni caso), del resto Zarrillo fu valente musicista anche con un’altra formazione prog importante: “Il rovescio della medaglia”. Il secondo LP, pur già delineato, non vide mai la luce ed il gruppo si sciolse, il resto lo sapete. Rimane tra gli appassionati il ricordo per un disco che annunciava sviluppi importanti e che invece avrebbe fruttato nel tempo “Perdere l’amore” e “Cinque giorni”, Mah……


VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
42.83 su 31 voti [ VOTA]
Raven
Domenica 9 Luglio 2017, 22.56.06
16
E' morto Maurizio Zarrillo. RIP.
ronnie
Martedì 20 Settembre 2016, 20.52.47
15
Conosco da un bel po' di anni questo disco...Che dire,considerando l'età di Zarrillo c'è da rimanere a bocca aperta...Aperture proto metal,distanza di semitoni,richiami jazz..In"Uno zoo di vetro"c'è una cattiveria chitarristica immane(e addirittura un pioneristico blast beat)..Michele è un valido musicista che si metterebbe in tasca parecchi"guitar hero"moderni,pocp da dire...
mark
Venerdì 11 Dicembre 2015, 10.00.04
14
gran disco voto 80
Dan g warrior
Martedì 11 Gennaio 2011, 5.01.46
13
album fantastico, veramente bello e evocativo.
Raven
Mercoledì 10 Febbraio 2010, 15.46.51
12
Nino, se conosci il settore aspetto i tuoi commenti anche nell'articolo sul prog e su quelli che seguiranno.
Nino Arcilesi
Giovedì 21 Gennaio 2010, 14.55.37
11
...bella recensione.. potevi anche mettere "Il sogno di un buffone" ...un'altro capolavoro
Bollicine
Martedì 24 Aprile 2007, 18.38.52
10
bhe in futuro potreste pensare di fare qualche recensione di rock italiano, non sarebbe affatto male
francescogallina
Martedì 24 Aprile 2007, 17.47.11
9
NO! Quello che sto cercando di fare non è la storia del rock italiano, ma quella del prog italiano, che tanto ha da insegnare a quello inglese. Ciò non toglie che potrei considerare qualche altro disco di particolare valore, ma Vasco non rientra tra questi, almeno x me. ps. ricordo bene i Cafè Caracas, ma nella cover di "Tinterella.." Renzulli già non c'era. Bye.
Bollicine
Lunedì 23 Aprile 2007, 15.39.41
8
buon disco, e buona recensione , per chi non lo sapesse anche Raf(si quello di battito animale ,infinito ecc..) all'inizio aveva un band(i cafè caracas) insieme a Ghigo Renzulli poi chitarrista(?)dei litfiga, facevano punk rock ma purtroppo non è rimasto niente di inciso, tranne una cover esilarante di Tintarella di Luna. Visto che state rivisitando la storia del rock italiano, avete intenzione di fare anche una recensione di uno dei primi album dell'ormai (ahimè)andato vasco rossi?
toxicity
Giovedì 19 Aprile 2007, 14.52.56
7
Ho comprato l'album e devo dire che è veramente ottimo!c'è anche da direche i componenti del gruppo avevano tutti la media di 16 anni!peccato che con il tempo si siano persi!la copertina ricorda molto in the court of th crimson king!
Roberto Tirelli
Martedì 27 Febbraio 2007, 17.50.21
6
Hai capito Zarrillo! Complimenti Franz per la minuziosa cronistoria. Bella rece. "Io sono l'elefante e mi nascondo..."
Renaz
Martedì 20 Febbraio 2007, 11.53.51
5
Non mancherò
Francesco Gallina
Lunedì 19 Febbraio 2007, 19.32.00
4
Meglio, niente mezze misure in questi casi, ma se ti sorprendi a canticchiare "Una rosa bluuuu" fatti ricoverare subito.
Renaz
Lunedì 19 Febbraio 2007, 18.17.35
3
No, ho vomitato direttamente.
Francesco Gallina
Lunedì 19 Febbraio 2007, 11.29.26
2
Si, ma lavati le mani adesso, potrebbe esserti rimasto addosso qualche bacillo Zarrilliano
Renaz
Lunedì 19 Febbraio 2007, 11.22.14
1
Grande Francè, mi hai illuminato.
INFORMAZIONI
1973
Trident Records
Prog Rock
Tracklist
La bottega del rigattiere
Luna Park
Uno zoo di vetro
Per una strada affollata
Dietro una porta di carta
Frazz
Clown
Line Up
Paolo Faenza batteria, percussioni, vibrafono
Marcello Reddavide basso, campane
Giampiero Artegiani classica Di Giorgio, 12 corde Ovation, sintetizzatore
Michele Zarrillo chitarre acustiche, elettriche, canto
Maurizio Zarrillo Eminent, piano a coda, elettrico, cembalo, sistro, sintetizzatore
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]