Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Burning Point - The Blaze
28/04/2017
( 277 letture )
Dopo l’album/raccolta del 2015 dove figurava la nuova cantante Nitte Valo -release utile per il rodaggio di quest’ultima, molto meno per i fans- i Burning Point erano attesi al varco con The Blaze. Questo disco, diversamente dal suo predecessore, contiene tutti brani inediti, ad esclusione della conclusiva e pessima cover di Metal Queen di Lee Aaron. Sinceramente dopo quasi venti anni di carriera e diversi album alle spalle era lecito aspettarsi qualcosa di più dalla band finlandese. Il disco, infatti, è una banale combinazione heavy/power con chiari richiami ai maestri Judas Priest e all’hard rock ottantiano, risaltata in ogni suo aspetto da una produzione che tenta di emulare con scarso successo il sound di quegli anni costruendo un potpourri di suoni confusi. Non è chiaro quanto consciamente o inconsciamente la voce sia posta in secondo piano per lasciare maggior spazio ad un’apatica batteria e soprattutto alle chitarre. In effetti il leader Pete Ahonen e il compagno alle sei corde Pekka Kolivuori sono coloro che realizzano le combinazioni migliori durante il full length, mentre la voce stridula della singer in alcuni frangenti risulta insostenibile, perciò qualsiasi tentativo di alleviare il suo scream è ben accetto.

Per scovare qualcosa di valido all’interno di The Blaze bisogna cercare attentamente, usando talvolta la lente d’ingrandimento e saltando a piè pari alcuni momenti insignificanti, fra i quali spiccano episodi speed power come l’avvio affidato all’accoppiata Master Them All e Time Has Come (quest’ultima resa fastidiosissima dagli acuti di Nitte sul chorus) e l’inaccettabile Chaos Rising. La situazione migliora decisamente quando il gruppo propone brani hard & heavy, poiché finalmente la singer sembra trovarsi a suo agio: Incarnation, ma soprattutto l’epica Lost in Your Thoughts e The Lie sono tracce mediamente riuscite. A conti fatti il bridge di quest’ultima sui 2’ e 10’’ risulta essere il momento più riuscito del platter: le atmosfere sognanti e i refrain coincisi donano al pezzo quel tocco di magia tipicamente Eighties. Sul finale prendono il sopravvento le tastiere di Jarkko Väisänen andando ad impreziosire i ritmi veloci di Things That Drag Me Down e di The King Is Dead, Long Live the King. In queste due tracce riemergono sapori power assopiti durante il corso dell’ascolto, pur mantenendo il livello qualitativo medio-basso caratterizzante tutto l’LP.

È possibile fare finta di niente di fronte all’originalità pari a zero del disco? Poniamo di sì. Passi anche il fatto che dietro al microfono Nitte Valo non è certamente Rob Halford, seppur tenti disperatamente ed inutilmente di imitarlo. Ma ciò che risulta veramente imperdonabile nel 2016 è toppare completamente l’equalizzazione dei vari strumenti in fase di mixaggio. Talvolta i musicisti sembrano disturbarsi fra loro nelle varie sovrapposizioni, cosicché il sound di stampo ottantiano perde di efficacia svanendo in un fumoso turbinio di suoni. Rimandati, ma con la speranza che in futuro qualcosa possa cambiare.



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
65 su 1 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2016
AFM Records
Heavy/Power
Tracklist
1. Master Them All
2. Time Has Come
3. Incarnation
4. My Spirit
5. The Lie
6. Dark Winged Angel
7. Chaos Rising
8. Lost in Your Thoughts
9. Things That Drag Me Down
10. The King Is Dead, Long Live the King
11. Metal Queen
Line Up
Nitte Valo (Voce)
Pete Ahonen (Chitarra)
Pekka Kolivuori (Chitarra)
Jarkko Väisänen (Tastiere)
Sami Nyman (Basso)
Jussi Ontero (Batteria)
 
RECENSIONI
70
68
60
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]