Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Destrage
The Chosen One
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/06/19
BLOODY HAMMERS
The Summoning

26/06/19
H.E.A.T
Live at Sweden Rock Festival

26/06/19
ROB MORATTI
Renaissance

27/06/19
ORDER OF THE EBON HAND
VII: The Chariot

28/06/19
HOLY TIDE
Aquila

28/06/19
TURILLI/LIONE RHAPSODY
Zero Gravity (Rebirth And Evolution)

28/06/19
HE IS LEGEND
White Bat

28/06/19
DREAMS IN FRAGMENTS
Reflections Of A Nightmare

28/06/19
DENIAL OF GOD
The Shapeless Mass

28/06/19
VICTIMS
The Horse And Sparrow Theory

CONCERTI

25/06/19
LACUNA COIL + DAWN OF MEMORIES
PARK NORD STADIO EUGANEO - PADOVA

25/06/19
FLOGGING MOLLY + DESCENDENTS
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

25/06/19
CANNIBAL CORPSE + SADIST
Parma Music Park c/o Villa del Fulcino - Parma

27/06/19
SLIPKNOT + AMON AMARTH + TESTAMENT + TRIVIUM + LACUNA COIL + ELUVEITIE + GUESTS TBA
ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

27/06/19
ELUVEITIE
SONIC PARK - BOLOGNA

27/06/19
KADAVAR (GER) + THE OBSESSED + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

29/06/19
GODS OF MEL
LOCALITA' PIAN DEL TORO - MEL (BL)

02/07/19
KISS
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

04/07/19
CROWBAR + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

05/07/19
ROCK THE CASTLE (day 1)
CASTELLO SCALIGERO - VILLAFRANCA (VR)

Skyclad - Forward Into The Past
04/05/2017
( 1247 letture )
Dopo otto anni di quasi assoluto silenzio, tornano quelli che da molti possono essere considerati i padrini del folk metal che, a ben ventisette anni dalla loro fondazione e dopo quattordici album in studio, riescono ancora a sfornare dischi capaci di farci venir voglia di bere, di divertirci, ma anche di farci riflettere. Parliamo degli Skyclad ovviamente, formazione inglese nata esattamente nel 1990 che agli albori della sua carriera riuscì, seppur non in modo immediato, a creare uno stile più che unico, distintivo e personale, negli stessi anni in cui la scena viking iniziava a ritagliarsi la sua fetta di fama e pubblico.

La formazione in questione non ha dunque bisogno di presentazioni e passiamo quindi a parlare subito di questo nuovo platter, pubblicato questa volta sotto la Listenable Records, che vede il ritorno alla chitarra dello storico Dave Pugh, nonché una copertina curata nuovamente da Duncan Storr, disegnatore britannico che già si occupò di tutti gli artwork compresi tra il terzo album, Jonah's Ark, e l’avvento del terzo millennio, con Folkémon.
Un’intro caratterizzata da una voce che ricorda molto quella di un narratore -basta anche leggere il titolo per rendersene conto- dà quindi il via a questo Forward Into The Past e ci lascia poco dopo in balia delle pelli suonate da Arron Walton, dal 2001 nelle fila della band, seguite dall’intrigante e trascinante voce di Kevin Ridley, sviluppandosi poi ulteriormente prima con le note di un violino e poi con un assolo molto heavy che non delude affatto. Il successivo trio composto da Change Is Coming, Starstruck? e A Heavy Price to Pay è caratterizzato da un alternarsi di piccoli momenti di staticità, ripresi poi da tutti i vari intermezzi folk che strizzano sempre l’occhio alle melodie british. A seguire ci imbattiamo una traccia che in fin dei conti possiamo considerare come una ballata, o almeno in parte: Words Fail Me. Essa fin dalle prime note appare molto interessante -anche perché si discosta da quanto presentato fino a quel momento all’interno di questa produzione- grazie soprattutto ad un delicato inizio, seguito poi dalle classiche distorsioni di chitarra seppur mai forzate o esagerate. Il tutto va a chiudere in crescendo con un grande assolo, tanto che non nego come questo brano appaia come quello meglio riuscito dell’intero platter. La title-track parte in medias res, quasi come per svegliarci dalla leggera quiete appena attraversata e racchiude in sé un bel lavoro per la coppia voce/chitarra, che riesce a ritagliarsi il suo spazio anche dopo venti minuti. Non tutto appare senza smagliature però, infatti dopo la strumentale e lenta Unresolved, la band inizia un po’ ad annoiare presentando uno stile sì bello e ben costruito, ma tendente al ripetitivo, seguendo una struttura piuttosto prevedibile per quanto in linea con il percorso finora affrontato dalla band, salvo forse per la divertente e quasi thrasheggiante The Measure, alla quale segue un’altra sorta di ballata dalle tinte hard rock, Borderline, che chiude effettivamente l’album prima di una breve outro.

Diciamolo senza fronzoli, Forward Into The Past è un album sicuramente bello, ma forse fin troppo scolastico e classico, soprattutto per chi è abituato ad ascoltare opere ben più complesse. Di certo, tuttavia, non mancherà di farsi pienamente apprezzare da chi da quasi tre decenni apprezza e segue la band. Una cosa da dire a suo pieno favore c’è, però: di certo, dopo tutti questi anni di carriera, non si può pretendere che un gruppo cambi radicalmente il proprio modo di suonare. Il folk metal parte anche dagli Skyclad, inutile negarlo, e, pur essendosi evoluto negli anni tanto da creare veri e propri sottogeneri musicali, non è proprio il folk stesso ad insegnarci ad onorare le nostre tradizioni sempre e comunque?
Termino qui dicendo che se sono davvero molti i full-length che si potrebbero elencare come un ottimo sottofondo ad una bella partita di rugby vista in televisione, anche l’opera in questione appare in chiaramente grado di fare questo “sporco lavoro”. Però mi raccomando, non ascoltate l’album a volume troppo elevato, rischiereste di perdervi le perle del buon Vittorio Munari. Chi vuole intendere, intenda!



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
81.25 su 4 voti [ VOTA]
JC
Sabato 6 Maggio 2017, 12.22.32
2
Purtroppo così così, anche per me é 65. Dal vivo comunque (io li ho visti in Svezia nel 2010) sono divertentissimi e li rivedrei molto volentieri. Forse é quella la loro dimensione.
Metal Shock
Giovedì 4 Maggio 2017, 22.47.06
1
No Martin no Skyclad!!
INFORMAZIONI
2017
Listenable Records
Folk Metal
Tracklist
1. A Storyteller's Moon (Intro)
2. State of the Union Now
3. Change Is Coming
4. Starstruck?
5. A Heavy Price to Pay
6. Words Fail Me
7. Forward into the Past
8. Unresolved
9. The Queen of the Moors
10. Last Summer's Rain
11. The Measure
12. Borderline
13. A Storyteller's Moon (Outro)
Line Up
Kevin Ridley (Voce, Chitarra)
Dave Pugh (Chitarra)
Steve Ramsey (Chitarra)
George Biddle (Violino, Tastiera, Piano)
Graeme English (Basso, Chitarra)
Arron Walton (Batteria)
 
RECENSIONI
72
65
88
87
82
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]