Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

A Perfect Circle
Eat the Elephant
Demo

Arch Echo
Arch Echo
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/04/18
AETRANOK
Kingdoms Of The Black Sepulcher

27/04/18
FOREIGNER
Foreigner With The 21st Century Symphony Orchestra & Chorus

27/04/18
SINK THE SHIP
Persevere

27/04/18
SPITEFUEL
Dreamworld Collapse

27/04/18
DRAKKAR
Cold Winters Night

27/04/18
BLOOD TSUNAMI
Grave Condition

27/04/18
TOTALSELFHATRED
Solitude

27/04/18
FACING THE ORACLE
Haunted One

27/04/18
CIRCLE OF SILENCE
The Crimson Throne

27/04/18
HOMEWRECKER
Hell Is Here Now

CONCERTI

25/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/04/18
CRASHDIET
LEGEND CLUB - MILANO

26/04/18
DARK TRANQUILLITY + EQUILIBRIUM + BLACK THERAPY + MIRACLE FLAIR
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/04/18
ENSIFERUM + EX DEO
LIVE CLUB - TREZZO SULL’ADDA (MI)

26/04/18
SPOIL ENGINE + LOSTAIR
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

26/04/18
DEE CALHOUN + LOUIS STRACHAN
BLUE ROSE CLUB - BRESSO (MI)

26/04/18
GOATH + PRISON OF MIRRORS DEVOID OF THOUGHT
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

27/04/18
TEMPERANCE - Release Party
OFFICINE SONORE - VERCELLI

27/04/18
ENSIFERUM + EX DEO - ANNULLATO!
HIROSHIMA MON AMOUR - TORINO

27/04/18
IRON SAVIOR + DRAKKAR + AIRBORN + BLACK PHANTOM
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

Nether Nova - Overflow
09/05/2017
( 576 letture )
Provenienti dal varesotto, i Nether Nova sono un sestetto nato nel 2012 genericamente inquadrabile nell’ambito del melodic metal. Dopo gli immancabili mutamenti di formazione ed il primo, parziale assestamento dello stile, i lombardi si propongono ora all’esterno con un demo contenente quattro pezzi intitolato Overflow. L’opera, fra parentesi, è piacevolmente presentata da una copertina firmata da Niklas Sundin dei Dark Tranquillity.

Un po’ meno piacevole, invece, la qualità della registrazione effettuata presso i Greenriver Studios, con le chitarre in particolare a soffrire nel loro impatto generale. Tuttavia, non si tratta di nulla che non possa essere considerato accettabile nell’ambito delle autoproduzioni con budget presumibilmente risicato. Per quanto riguarda la proposta del gruppo, abbiamo a che fare in linea di massima con un metal ibrido che ingloba elementi power, heavy e sinfonici. Inoltre, grande attenzione è riservata alla melodia, anche attraverso un cantato altrettanto attento ad assecondarne il mood. Il tutto, però, con qualche limite interpretativo da parte di Alberto De Stefano e soprattutto dei cori, decisamente suscettibili di miglioramenti. I quattro brani presentati, giocati su un certo equilibrio formale e sugli interventi delle tastiere che fungono da struttura portante e chiave degli arrangiamenti, mostrano un gruppo volenteroso, ma ancora lontano dall’aver raggiunto una propria dimensione. Tutte le canzoni scorrono via mettendo in mostra qualche passaggio piacevole, l’evidente preoccupazione di cercare di fare in modo che tutto funzioni al meglio, ma anche con poca personalità. Fattore peraltro legato alla giovane età media dei componenti del gruppo ed alla conseguente inesperienza. Melodie semplici ed immediate, interventi strumentali che cercano di inserirsi nel tessuto musicale in maniera misurata, puntando a dare l’idea di un gruppo privo di primedonne e più interessato ad un discorso corale e voglia di comunicare. Tutto questo, però, manifestando la mancanza di una identità forte, la cui messa a fuoco deve essere la priorità per i Nether Nova.

Al di là della chiara ricerca della pulizia di esecuzione, della voglia di fare le cose per bene, della capacità di un paio di ritornelli di restare facilmente in testa (Overflow, Eragon & Arya, quest’ultima dai riferimenti chiari all’Eragon di Paolini) e della buona volontà, il lavoro da fare per i Nether Nova è ancora molto. Il prodotto qui attenzionato mostra varie ingenuità negli arrangiamenti e soprattutto l’incapacità, allo stato attuale, di uscire dal recinto sicuro della normalità. Quando questi ragazzi matureranno come band -ed hanno tutto il tempo per farlo- e se riusciranno a trovare una formula più personale per sviluppare le proprie idee, potranno probabilmente produrre qualcosa di più interessante. Overflow resta invece un demo di transizione, utile più per stabilire cosa lasciare alle spalle che quanto è necessario tenere.



VOTO RECENSORE
57
VOTO LETTORI
55 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Autoprodotto
Power
Tracklist
1. Overflow
2. Enter the Core
3. Land of Eternal Fight
4. Eragon & Arya
Line Up
Alberto De Stefano (Voce)
Francesco Guglielmi (Chitarra, Cori)
Mattia Canopoli (Chitarra)
Federico Cima (Tastiere, Cori)
Samuele Voltan (Basso)
Angelo Cislaghi (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]