Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

Redemption - The Origins Of Ruin
( 5663 letture )
Riesco a vedere con chiarezza tre ramificazioni principali nel progressive metal attuale.
Un ramo porta alla sperimentazione forzata, ed in questo senso il termine progressivo viene usato in un'accezione di più ampio respiro, non pago dei riferimenti alle band del passato, e con la forte volontà di progredire in direzioni tra le più disparate.
L'esempio più lampante è certamente rappresentato dai Pain of Salvation, ma per un'analisi più accurata di questo fenomeno vi rimando alla brillante recensione di Francesco Gallina.
Una seconda e terza strada sono rivolte a ricalcare, chi più chi meno, le orme dei Dream Theater.
Nel primo caso le nuove leve prendono spunto dal periodo Tecnico della band newyorkese (When Dream and Day Unite, Images and Words, Awake), un periodo più sterile degli altri, emotivamente parlando: un esempio è rappresentato dai freschissimi Thought Chamber, dei quali potete leggere una recensione qui.
Nel secondo caso le influenze sono legate ai Dream Theater dell'ultima decade, quella più Teatrale per così dire, dove a chitarre e pattern ritmici più essenziali sono affiancate partiture orchestrali di portata maggiore ed una più spiccata vena melodica easy listening.

A questo ultimo gruppo di artisti appartengono i Redemption, creatura accudita amorevolmente dal chitarrista/tastierista Nicolas Van Dyk, i quali impostano dunque la loro proposta sui morbidi terreni del nuovo filone progressive basato su Scenes From a Memory, Train of Thought, e Octavarium.
E' chiaramente riduttivo paragonare la proposta musicale nei Nostri a quella di una sola band, ma l'esempio fatto dovrebbe dare perlomeno una vaga idea dell'impostazione tecnico-compositiva del gruppo, nonchè far capire come l'originalità non sia poi così accentuata, nonostante il genere proposto lasci largo spazio alla fantasia.
Tuttavia la qualità dei brani è molto alta, così come l'esecuzione e l'arrangiamento raggiungono livelli di professionalità assoluta. Non per nulla il cantato è affidato ad un mostro sacro del genere, ovvero Ray Alder dei Fates Warning, che da parte sua appare davvero a proprio agio nell'interpretazione dei brani. In particolar modo consiglio l'ascolto di Memory, un pezzo intenso ed azzeccatissimo, forse più in linea con le pseudo ballate dei Symphony X, piuttosto che dei Dream Theater, ma a maggior ragione di grande impatto lirico e atmosferico. A dirla tutta, Alder resta senza dubbio la cosa migliore del disco, grazie a quel suo timbro eccezionale, morbido e quasi meditativo, ma d'altro canto anche le melodie appaiono sempre azzeccate, nonostante forse l'idea del concept renda il mood generale un pò troppo uniforme.

Sicuramente The Origins of Ruin piacerà a molti estimatori del genere, pertanto lo consiglio senza grosse riserve: vale la pena scoprire ed apprezzare nuovi musicisti, oltre a quelli più blasonati e di cui si parla fin troppo spesso.



VOTO RECENSORE
82
VOTO LETTORI
47.32 su 31 voti [ VOTA]
o.O
Domenica 26 Febbraio 2012, 19.36.46
10
@alessio: però l'eroina è meglio
Alessio
Sabato 22 Agosto 2009, 10.06.33
9
Per me i Redemption sono come il metadone per disintossicarmi dai Symphony X. E se volete ascoltare questo genere, i Symph ascoltateli per ultimi perché dopo nulla avrà più senso
Renaz
Lunedì 17 Dicembre 2007, 12.33.41
8
Beh certo, se un album è troppo tecnico diventa anche troppo freddo...senza nulla togliere al fatto che possa avere grande valore artistico...
Franz
Mercoledì 24 Ottobre 2007, 14.24.09
7
si, notoriamente Images and Words e' povero di contenuti emotivi...
Pierluigi
Mercoledì 10 Ottobre 2007, 19.21.06
6
Devo dire che questo album è piacevole da sentire ma alla lunga stanca un po, ricalca le sonorità del loro capolavoro "The Fullness" Of Time" ma è molto più cupo, diciamo che è un album molto buono.
jappy
Domenica 11 Marzo 2007, 15.23.23
5
vi diro' nn male suonato bene, ma effettivamente concordo con tutti voi, stra sentiti sti pattern dai dream theater ai fates warning stessi... conclusione: bè non scartate l'album ma forse fate prima un salto ad ascoltarvi i dream, i fates e symphony X... forse avrete gia' qui sazia la vostra sete di prog.. Se volete pero' un assaggio di cosa sia la pazzia fatta ragione, sentite i quasi sconosciuti unexpect (son incredibili!!).
Roberto Tirelli
Venerdì 2 Marzo 2007, 16.41.23
4
Allora sotto questo punto di vista posso essere d'accordo.
Renaz
Venerdì 2 Marzo 2007, 8.42.09
3
Per morbido intendevo più propenso all'emozione e alla melodia facile, rispetto ai primi album...
Roberto Tirelli
Giovedì 1 Marzo 2007, 22.46.33
2
Grande recensione. "The Fullness Of Time" era molto gradevole. Mi permetto di dissentire col "morbido" affibiato a "Train Of Thought".
Broken Dream
Giovedì 1 Marzo 2007, 19.58.32
1
Concordo sostanzialmente con la recensione Direi che mi pare molto simile a The Fullness of time... Non brilla in quanto a originalità!!
INFORMAZIONI
2007
Inside Out Music
Prog Metal
Tracklist
01. The Suffocating Silence
02. Bleed Me Dry
03. The Death Of Faith & Reason
04. Memory
05. The Origins Of Ruin
06. Man Of Glass
07. Blind My Eyes
08. Used To Be
09. Fall On You
Line Up
Ray Alder (vocals)
Nicolas van Dyk (guitars, keyboards)
Bernie Versailles (guitars)
Sean Andrews (bass)
Chris Quirarte (drums)
 
RECENSIONI
59
86
72
80
82
90
ARTICOLI
26/12/2011
Intervista
REDEMPTION
Come affrontare la propria mortalità?
10/10/2011
Live Report
REDEMPTION + KINGCROW
Phenomenon, Fontaneto D'Agogna (NO), 05/10/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]