Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Raum Kingdom
Everything & Nothing
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/09/18
AZAGHAL
Valo Pohjoisesta

24/09/18
HUMAN DECAY
Mefitico

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

28/09/18
NAZARETH
Loud & Proud! The Box Set

28/09/18
EVILON
Leviathan

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

MNHM - Of Empire Past
21/05/2017
( 348 letture )
Quattro anni dopo il debutto Super-Empowered, uscito nel 2013, gli olandesi MNHM (ex MANNHEIM) pubblicano il secondo full length della loro carriera: Of Empires Past, prodotto insieme a Rocky O’Reilly dopo un tour che gli ha permesso di promuovere la propria musica in giro per l’Europa. Il tempo pare aver portato cambiamenti importanti nel sound della band; il math rock strumentale del primo album si è tramutato in un post rock macchiato da dissonanze e tempi dispari, mantenendo quindi alcune delle caratteristiche presenti fin dal principio, pur in un contesto diverso dal precedente. Loro lo definiscono ʺmelodic noiseʺ, nome che risulta azzeccato visto il notevole muro sonoro che sono riusciti a creare insieme al sopracitato produttore degli And So I Watch You From Afar. Ma dobbiamo dirlo: quando il post rock è così monocorde e noioso diventa quasi insopportabile.

Si ha l’impressione di ascoltare lo stesso pezzo, fiacco e inconcludente, per quaranta minuti. Gli accenti spostati dell’opener A Show of Might non riescono né a coinvolgere né a mascherare la monotonia della canzone, che si protrae anche nella successiva Equals of Gods. Ascension introduce il sassofono e accentua le influenze math del gruppo, ma non si riesce a capire dove questi ragazzi vogliano andare a parare; le composizioni sono distaccate, piatte, incapaci di muovere emotivamente o intellettualmente l’ascoltatore. How Things End continua a dare quella sensazione di ripetitività, nonostante il batterista tenti in tutti i modi di ravvivare un sound spento e inefficace.
Il lato B si distacca leggermente dal precedente, presentando suoni meno astratti e una maggiore concretezza. Rule of Law ripropone Otto Kokke, il cui strumento, presente in tutte le ultime quattro tracce, rappresenta l’unico vero elemento d’interesse del platter. Difatti Superior Grace, dove questo diviene protagonista e colonna portante, è sicuramente il pezzo migliore del lotto. La band riesce a trasmettere qualche emozione, comunicando un lieve senso di malinconia, ma la seguente Enforce/Embrace riporta tutto alla condizione di noia della quale si è oggetti fin dai primi istanti dell’opera. Chiude il disco Coronation, che per via dei suoni eterei e dell’impianto atmosferico si riavvicina concettualmente al lato A, ricalcandone la freddezza e la staticità.

Che altro dire? Fa piacere la citazione dell’artwork di Fragile degli Yes, ma oltre a questo c’è molto poco di cui essere contenti. Il debutto era un lavoro acerbo che però prospettava cose ben migliori rispetto a Of Empires Past, un album che quando non infastidisce lascia indifferenti, regalando pochissimi momenti veramente validi.
La speranza è che questa esperienza serva agli MNHM da lezione, che possano tornare in futuro con una maggiore consapevolezza su cosa fare con le proprie idee, malamente sviluppate in questa seconda fatica discografica.



VOTO RECENSORE
57
VOTO LETTORI
45 su 1 voti [ VOTA]
Ubik
Mercoledì 31 Maggio 2017, 12.28.51
1
Noia pura
INFORMAZIONI
2017
Consouling Sounds
Post Rock
Tracklist
1. A Show of Might
2. Equals of Gods
3. Ascension
4. Of Empires Past
5. How Things End
6. Rule of Law
7. Superior Grace
8. Enforce/Embrace
9. Coronation
Line Up
Mark Bouwman (Chitarra)
Otto Kokke (Sassofono)
Henry Nagel (Basso)
Roy van Wisse (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]