Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Wheel
Moving Backwards
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/07/19
SCOTT STAPP
The Space Between the Shadows

19/07/19
CANCER
Ballcutter

19/07/19
LINGUA IGNOTA
Caligula

19/07/19
WORMED
Metaportal

19/07/19
CROWN THE EMPIRE
Sudden Sky

19/07/19
CULT OF EXTINCTION
Ritual in the Absolute Absence of Light

19/07/19
FALLS OF RAUROS
Patterns In Mythology - Album Cover

19/07/19
SABATON
The Great War

21/07/19
SHARKS IN YOUR MOUTH
Sacrilegious

26/07/19
HATRIOT
From Days Unto Darkness

CONCERTI

17/07/19
NICK MASON
ARENA SANTA GIULIANA - UMBRIA JAZZ

17/07/19
YAWNING MAN
THE CONCEPT - LECCO

18/07/19
KING CRIMSON
ARENA SANTA GIULIANA - PERUGIA

18/07/19
NICK MASON
PIAZZA DELLA LOGGIA - BRESCIA

18/07/19
ROCK INN SOMMA (day 1)
SOMMA LOMBARDO (VA)

18/07/19
YAWNING MAN + HERBA MATE
SIDRO CLUB - SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

19/07/19
PORTO LIVE METAL FEST
PORTO ANTICO - GENOVA

19/07/19
ROCK INN SOMMA (day 2)
SOMMA LOMBARDO (VA)

19/07/19
HELLUCINATION + GUESTS
HILL METAL FEST - MOTTOLA (TA)

19/07/19
YAWNING MAN + ELEPHARMERS + COSMIC SKYLARK
SET TO SUN FESTIVAL c/o TORRE DI BARI' - BARI SARDO (NU)

Hate - Tremendum
26/05/2017
( 982 letture )
Una realtà storica e solida, quella degli Hate. Storica in quanto il combo polacco, in attività da oltre 25 anni, taglia con questo Tremendum l’importante traguardo dei propri primi dieci full-length, risultato capace di far gola a ben più d’una formazione del genere. Solida in quanto, nonostante lo scossone legato alla prematura scomparsa di Sławomir "Mortifer" Arkhangelsky e una line-up rivoluzionata nell’ultima manciata di anni per tre quarti dei suoi componenti, la formazione di Varsavia è ancora qui, pronta non solo a dare alle stampe un nuovo platter, ma a farlo con il fresco intento di rinnovarsi, come dichiarato ai nostri microfoni dallo stesso Adam the First Sinner, senza calcare troppo i sentieri già battuti in passato.

In questo Tremendum, il cambiamento di rotta è innegabile, seppur non rivoluzionario. I nostri, sempre a cavallo di quel black/death, death/black marchiato indelebilmente in maniera personale, in quest’occasione sembrano voler concedere maggiore spazio alla fiamma nera rispetto al passato recente, mettendo assieme tre quarti d’ora oscuri e malvagi, senza tuttavia perdere il lato possente ed energico della componente death più pura. I colori si fanno dunque più scuri, le atmosfere più tenebrose, i temi dei testi, sempre scorretti e provocatori, più tetri, rivisitati in quella arcana chiave pagana a tratti mistica già riscontrabile nel videoclip pubblicato per la centrale traccia Numinosum, ispirato dall’antica ritualità del mondo slavo di cui le tracce al giorno d’oggi sono quasi tutte oramai andate perdute.

Il risultato?

Un disco che, pur non riuscendo a reggere il paragone con i capolavori di metà carriera dei polacchi, ancor oggi inarrivabili, cerca si svincolarsi dai paragoni, sia con le ultime release che con altri celebri connazionali nomi del metal estremo, che da sempre hanno messo -non sempre a ragione- in ombra gli Hate. Ecco quindi Adam the First Sinner, colonna portante della formazione e mastermind del gruppo dai suoi esordi, rimanere fil rouge mai deludente e mai banale, con il suo distinguibile growling, in grado di farci da guida lungo questa produzione, nella quale pur non mancano gli elementi chiave ormai familiari a chi ‘mastichi’ di black/death polacco, denota un approccio maggiormente cupo dei nostri al loro stile, dove a blast beat si affiancano maggiori passaggi d’atmosfera, così come il riffing solido e graffiante viene a tratti smorzato da dissonanze e più o meno riuscite melodie. Quanto ne consegue sa di parziale incompiuta, in quanto se la tecnica esecutiva certo non manca, la band pecca forse un po’ troppo di maturità e controllo, non riuscendo a far esplodere e sfociare al massimo con spontaneità il potenziale racchiuso (ed evidentemente presente) nelle proprie composizioni, le quali, così frenate, tendono a rincorrersi in maniera fin troppo fluent e a tratti ripetitiva, in attesa di un climax che ancora non arriva.
Ecco dunque pezzi chiaramente riusciti in toto, quali l’arcigna Svarog’s Mountain o la conclusiva Walk Through Fire, dove la “nuova anima” a marchio Hate riesce compiutamente a mostrarsi, in parte opposti alle tracce maggiormente brutali e tecniche in grado di guardare più al passato e meno alla fresca varietà, più studiate e meno emozionali quali la marziale opener Asuric Being o Into Burning Gehenna, dove a farla da padrone, su tutti e tutto, è il talento alle pelli di Pavulon, quanto mai meticoloso nella sua esecuzione.

Promettente, questo Tremendum: è elemento fuori dubbio. La massiccia release dimostra infatti come gli Hate, nonostante i numerosi rinnovamenti interni, siano ancora non solo vivi e vegeti, ma pronti a riproporre al proprio pubblico tanta carica e rabbia, pur non per questo tralasciando dettagli eleganti ed atmosferici o testi ricercati, con una cura in questa sede un po’ troppo maniacale. Pertanto, con un occhio già puntato al futuro, è possibile comunque già ora godersi quest’album che in parecchi potranno definire “di transizione”, in grado, nonostante debolezze e qualche scelta discutibile, di rappresentare un passo avanti rispetto al passato recente, nonché un buon punto di (ri)partenza per Adam e soci. Da tenere ancora d’occhio.



VOTO RECENSORE
73
VOTO LETTORI
80 su 1 voti [ VOTA]
Arkan
Sabato 30 Giugno 2018, 19.21.16
5
Inferiore a quei capolavori di 'Erebos' e 'Crusade zero', ma resta pur sempre un album valido, come da tradizione quando si tratta di questi ragazzi. Insieme a Behemoth e Lost Soul, la migliore macchina tritacarne proveniente dalla Polonia.
Undercover
Venerdì 26 Maggio 2017, 20.40.35
4
@Pink Christ puoi anche non leggere i commenti e dedicare il tuo tempo solo a scrivere ciò che pensi del disco, non attendo mica che tu sia d'accordo con me e del resto non è che me ne importi più di tanto, ho scritto solo quello che penso dato che li seguo da una vita e se permetti sono rimasto nuovamente deluso. Poi a te piacciono, mi fa piacere, non piacessero a nessuno non pubblicherebbero più nulla, si vede che non sei il solo.
Pink Christ
Venerdì 26 Maggio 2017, 15.38.19
3
Di più???? Ma cosa volete voi dalle band, il sangue? Non siete praticamente mai contenti. Sono al decimo album, non son mai stati ne ripetitivi,ne prolissi pur senza apportare cambiamenti drastici nel loro sound e le unioche cose che sapete dire quali sono? Le solite 4 parole trite e ritrite : Potrebbero far di più; non son più come una volta...per arità, io lo trovo un bell'album, non da 100 ma un 80 se lo merita tutto. Anche perchè fanno un genere che ha più di 30 anni e ormai è difficile rivoluzionare il sound, soprattutto in generi estremi come il death o il black. 80
lisablack
Venerdì 26 Maggio 2017, 12.34.32
2
Mah..non è poi così male, ho ascoltato roba peggiore. Anche per me il voto è 65, una band che potrebbe fare di più, forse adesso è un po' spenta..ma capita.
Undercover
Venerdì 26 Maggio 2017, 12.25.32
1
"In questo Tremendum, il cambiamento di rotta è innegabile, seppur non rivoluzionario. I nostri, sempre a cavallo di quel black/death, death/black marchiato indelebilmente in maniera personale". A titolo ovviamente personale: 1) Non ho ascoltato nessun cambiamento di rotta, al massimo han proseguito nell'annerire e infoltire atmosfericamente la proposta con risultati a mio avviso tutt'altro che soddisfacenti. 2) Parlare di personalità degli Hate è un po' come asserire che Mosconi non bestemmiava. Pur amandone i dischi degli anni '90 e avendoli acquistati fino da "Anaclasis" (2005), ai polacchi in questione, e soprattutto di quel periodo, si potrebbe riconoscere tutto — attitudine, conoscenza del genere, blasfemia, buona composizione — tranne che una personalità definibile propria/definita. Voto per questo 65, ma il fesso son io che ancora gli vado dietro sperando producano qualcosa di meglio.
INFORMAZIONI
2017
Napalm Records
Death / Black
Tracklist
1. Asuric Being
2. Indestructible Pillar
3. Svarog's Mountain
4. Numinosum
5. Fidelis ad Mortem
6. Into Burning Gehenna
7. Sea of Rubble
8. Ghostforce
9. Walk Through Fire
Line Up
Adam the First Sinner (Voce, Chitarra)
Domin (Chitarra)
Apeiron (Basso)
Pavulon (Batteria)
 
RECENSIONI
70
67
ARTICOLI
15/02/2019
Live Report
DIO DRONE NIGHT: HATE & MERDA + NUDIST + TIBIA
Wishlist Club - Roma - 09/02/2019
12/12/2018
Live Report
KREATOR + DIMMU BORGIR + HATEBREED + BLOODBATH - THE EUROPEAN APOCALYPSE
Alcatraz, Milano - 06/12/2018
15/05/2018
Live Report
EYEHATEGOD + GUESTS
10/05/2018, OZ, Bologna
05/03/2018
Live Report
NATIONAL SUICIDE + HATEWORLD
Ziggy Club, Torino (TO), 03/03/2018
22/10/2017
Live Report
BELPHEGOR + ENTHRONED + HATE + NERVOCHAOS
Circolo Colony, Brescia, 19/10/2017
26/09/2017
Live Report
CELESTE + HATE&MERDA + NAGA + GUESTS
Trecentosessanta Gradi, Roma, 22/09/2017
26/05/2017
Intervista
HATE
Eredità e ispirazioni
08/03/2017
Live Report
WAR ZONE III: NATIONAL SUICIDE + HATEWORLD + ASHMODAI
Padiglione 14, Collegno (TO), 4/3/2017
09/02/2017
Live Report
DESTRAGE + WHATTAFUCK!? + THE BIG SOUTH MARKET + LOTUS HATERS
Bari, Demodé Club, 04/02/2017
11/05/2016
Live Report
NOVEMBRE + ALBA DI MORRIGAN + PROLIFERHATE + AWAKE THE SUN + ALNEA + PLATEAU SIGMA
El Barrio, Torino, 07/05/2016
13/11/2015
Live Report
FIL DI FERRO + HATEWORLD
Border, Torino (TO) , 06/11/2015
12/01/2015
Intervista
DOMINHATE
A tu per tu con Alex
24/02/2014
Live Report
HATEBREED + NAPALM DEATH
Orion Live Club, Ciampino (RM), 19/02/2014
07/02/2014
Intervista
HANDFUL OF HATE
La musica è un'arma letale
06/01/2014
Intervista
HATESPHERE
Introspezione sull’atto delittuoso
19/11/2013
Live Report
VOMITORY + HATEFUL + GUEST
Traffic Live, Roma, 15/11/2013
19/05/2011
Live Report
HATE ETERNAL + OBSCURA + BENEATH THE MASSACRE + DEFILED
Rock N' Roll Arena, Romagnano sesia (NO), 13/05/2011
17/09/2010
Intervista
HANDFUL OF HATE
La voce del black metal nazionale
26/04/07
Intervista
HATESPHERE
Parla Jacob
09/02/2007
Live Report
SICK OF IT ALL + WALLS OF JERICHO + HATEBREEDERS + CRUSHING CASPARS
La data a Trezzo D'Adda
09/04/2006
Intervista
HANDFUL OF HATE
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]