Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Kansas
The Absence of Presence
Demo

Northern Crown
In a Pallid Shadow
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

08/08/20
STEVE VON TILL
No Wilderness Deep Enough

11/08/20
SEASON OF DREAMS
My Shelter

12/08/20
WITHIN DESTRUCTION
Yōkai

14/08/20
ROBBY KRIEGER
The Ritual Begins at Sundown

14/08/20
NUG
Alter Ego

14/08/20
WARKINGS
Revenge

14/08/20
CHASTAIN
For Those Who Dare – 30th Anniversary Edition

14/08/20
KAMELOT
I Am The Empire - Live From The 013

14/08/20
PRIMITIVE MAN
Immersion

14/08/20
HAVUKRUUNU
Uinuos Syömein Sota

CONCERTI

08/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

09/08/20
SUMMER METAL 2020
LONCA DI CODROIPO (UD)

11/08/20
BAD RELIGION
FESTIVAL DI RADIO ONDA D'URTO - BRESCIA

12/08/20
BAD RELIGION (SOSPESO)
FESTIVAL DI MAJANO - MAJANO (UD)

19/08/20
PALAYE ROYALE
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

26/08/20
GRAHAM BONNET & ALCATRAZZ + GIRLSCHOOL + ASOMVEL
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

27/08/20
WOLFMOTHER + HARDCORE SUPERSTAR (SOSPESO)
PIAZZA DUOMO - PRATO

04/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA (SALA SINOPOLI) - ROMA

05/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
2DAYS PROG - VERUNO (NO)

06/09/20
VAN DER GRAAF GENERATOR
POLITEAMA GENOVESE - GENOVA

Theatre of Tragedy - Musique
26/05/2017
( 1318 letture )
I'm gonna make a perfect line
Gonna make it stick to your mind
I won't give up that magic rhyme
Got to hear it just one more time


Dichiarazioni d'intenti chiare e alla luce del sole.
Non tradimenti, non improvvise -ed inopportune- richieste del mercato discografico, ma una normale e comprensibile voglia di cambiare.
Un desiderio -a quanto pare- abbastanza diffuso nella scena gothic di fine millennio. Non furono infatti solo i Paradise Lost a cambiare strada, dirigendosi verso un inaspettato uso della musica elettronica (a partire da One Second), ma anche i Theatre of Tragedy seguirono un percorso analogo. Due band, tra le più importanti per la nascita del gothic metal come lo conosciamo oggi, che abbracciarono quell'approccio elettronico che da anni mieteva successi a livello mondiale in tutte le sue più svariate ibridazioni.
Se però la band inglese utilizzò un approccio un po' più graduale al nuovo strumento, i Theatre of Tragedy calcarono invece parecchio la mano, rivoluzionando non solo il loro stile ma anche la formazione, che rispetto ad Aégis perse il secondo chitarrista e addirittura il bassista. Ovviamente non si trattò di una scelta casuale, visto che la semplificazione del lato metal del sound fu pressoché totale. Musique si potrebbe dunque definire come un disco di rock elettronico che in alcuni brani strizza quasi l'occhio al synth pop e sono loro stessi a dirlo all'interno di testi decisamente più essenziali rispetto al passato.

Timbre and tone, I want it synthetic
Knobs and sliders, no button pushing matrix
Dadaistic, nothing too profound
Electric music resounding all around


È importante notare come il termine “elettronico” in questo caso riassuma al suo interno diverse sfumature e significati. L'album è sì orientato e costruito su ritmi e melodie programmati dalla coppia Raymond I. Rohonyi/Lorentz Aspen, ma ha al suo interno brani con caratteristiche molto diverse tra di loro.
Se l'apertura con Machine chiarisce fin da subito che la chitarra di Frank Claussen si limiterà ad un riffing abbastanza lineare e a mero scopo di accompagnamento, scopriremo poi che quest'ultimo avrà però diverse intensità, come esemplificato da Crash/Concrete (il brano più rock del disco) o da Reverie, dove verranno abbozzate anche delle piccole parti soliste proprio della sei corde. Se brani come Radio presentano una struttura “quadrata” e dei suoni al limite della musica dance, altri come i due conclusivi Reverie e Space Age, dischiudono una dimensione quasi psichedelica che un po' contrasta con l'atmosfera più diretta del resto dell'album.
L'elemento forse più sacrificato -in termini di arrangiamento- è probabilmente invece la batteria, incisa dall'immancabile Hein Frode Hansen, che deve condividere il suo ruolo con le ritmiche programmate da Rohonyi, senza chiaramente mai poter elaborare parti troppo complesse che avrebbero altrimenti scombinato delle strutture così definite. Grandissima importanza hanno invece i sintetizzatori e in questo senso Lorentz Aspen si è sbizzarrito, da un lato mantenendo tutti quegli elementi più d'atmosfera che caratterizzavano da sempre le sue composizioni (archi in particolare), ma da un altro iniziando ad approfondire maggiormente le potenzialità dell'uso di suoni meno convenzionali, perdendosi tra oscillatori e sample vari.
La maggior definizione della struttura dei brani ha tra l'altro anche portato ad una maggior separazione nei ruoli delle voci di Rohonyi e Liv Kristine. Se il primo con Musique completa totalmente l'abbandono delle harsh vocals (già iniziato in Aégis), la seconda si concentra perlopiù sui ritornelli, cercando di costruire ogni volta la linea vocale più catchy possibile, senza però mai sacrificare il timbro squillante ed etereo che è sempre stato il suo marchio di fabbrica (e che ha mantenuto anche nei dischi pop da lei prodotti nel resto della sua carriera). Rohony invece si limita a delle parti narrate volutamente “piatte” nelle armonie ma interpretate in modo sicuramente adeguato al contesto, anche grazie ad uso puntuale, ma non troppo spinto, di vari filtri.

L'approccio alla registrazione di Musique fu per forza di cose molto diverso da quanto fatto in precedenza dalla band di Stavanger. La componente elettronica del sound è infatti piuttosto preponderante, sia per quanto riguarda l'impiego più classico dei synth (choirs ed archi) che per quello più sperimentale, con lead più “sintetici” che però finiscono spesso per andare in conflitto con le frequenze di una chitarra già molto contenuta negli arrangiamenti. C'è poi da considerare la difficile integrazione tra la componente ritmica sintetica e quella reale: si trova qualche difficoltà nel distinguere cosa del basso sia sintetizzato e cosa sia stato magari inciso da un membro della band non creditato (come può sembrare in City of Light). La batteria vera appare peraltro parecchio penalizzata in questo senso, non tanto per “presenza”, quanto per una compressione veramente pesante di tutti i suoi componenti (probabilmente per coerenza accanto ai beat elettronici) e sia per dei suoni non perfetti, tra cui un rullante particolarmente vuoto e spento.

Molte sono le cose che si potranno dire su Musique, ma -contestualizzando- è probabile immaginare che ascoltarlo ai tempi dell'uscita e con le orecchie di un fan dei Theatre of Tragedy reduce dal trittico Theatre of Tragedy, Velvet Darkness They Fear e Aégis, non sia stata un'esperienza facile. Il cambiamento fu profondo, repentino e le avvisaglie poche se non nulle.
Sarebbe però sbagliato declassare Musique ad esperimento fallito o a volgare tradimento della propria fanbase. Il disco infatti di per sé funziona e -considerato nel suo genere e non rispetto al passato- risulta piacevole all'ascolto, oltre che valido nell'ossessiva ricerca della melodia, in quella dei suoni elettronici e soprattutto nella varietà delle canzoni che lo compongono. Non si tratta quindi probabilmente di un lavoro all'altezza dei dischi più “classici” dei Theatre of Tragedy, ma ci troviamo davanti ad uno di quei casi in cui qualche anno di “prospettiva” ha aiutato, contribuendo a far apprezzare maggiormente i punti positivi di quella che resta comunque la legittima scelta stilistica di una band che ha fatto la storia di un genere.



VOTO RECENSORE
72
VOTO LETTORI
88.72 su 11 voti [ VOTA]
Mrsleaze
Domenica 5 Luglio 2020, 8.14.34
7
Bel disco, coraggioso ed ancora suona fresco. Preferisco però il successivo Aasembly. 80
L'ImBONItore
Venerdì 10 Aprile 2020, 12.06.02
6
Eeeeeeee questo misto di gotico e elettghonica eeeeeeee mi ghicoghda il pghimo album dei Curve, Doppleganger ! Anche li, eeeeeeee vi egha un sound eeeeee oscugho mischiato ad un eeeeeeee atmosfegha elletghonica ! Tale band, influenzeghà i Garbage. Scerto, eeeeee non è paghagonabile ad un quadgho dalle tinte ghottesche di un Squillantini, scerto eeeeeeeeeeeeeeee non è paghagonabile ad una dipinto ghomantico/oscugho come un Hayez. Quei lavoghi li, quelle opeghe, sono di un altgho livello ! Eeeeeeee ma davvegho cghedete che acquistando tale album, potghete gheallizaghe un patghimonio da gheghalaghe ai vostghi eghedi ? Ma davvegho pensate che un Gastone Biggi o un Renato Mambor siano paghagonabili a tali album ? EEEEEEEEE non fatemi ghideghe !
Screwface
Giovedì 9 Aprile 2020, 18.11.12
5
Lo presi ai tempi dopo aver visto da qualche parte il video di "Image". Non avevo ascoltato i dischi precedenti del gruppo, l'album in sè mi piaceva ma ricordo come tremenda la voce maschile. Non lo ascolto più da anni ormai, dovrei ripescarlo. Ricordo che però trovai più convincente il successivo "Assembly".
Beta
Sabato 27 Maggio 2017, 15.23.25
4
Tutt'ora non saprei dare un giudizio a questo disco. Quando l'ho ascoltato per la prima volta (abituata ad A Hamlet for a Slothful Vassal e Der Tanz der Schatten) ho detto "ma che ...?", però poi, ascoltandolo bene, qualche pregio mi è saltato fuori: melodie accattivanti, brani ben strutturati e il coraggio di mettersi in gioco facendo una cosa inaspettata. Crash/Concrete è una di quelle che mi piaceva di più. Nel complesso non mi fa impazzire e ho smesso di ascoltarlo dopo pochi mesi, ma si tratta di gusti personali. Non mi sento di dare un voto, ma penso che i ToT abbiano saputo fare un buon lavoro anche su melodie totalmente diverse dal gothic. E non è da tutti.
Tevildo75
Sabato 27 Maggio 2017, 14.23.23
3
disco di rottura come un Host o Deep kind of slumber e come nella maggior parte dei casi il suo valore esce fuori con il passare degli anni. Voto 80
terzo menati
Sabato 27 Maggio 2017, 13.26.46
2
Per me un disco pazzesco e coraggioso. 80 senza dubbio
Rob Fleming
Sabato 27 Maggio 2017, 9.42.24
1
La metamorfosi è completa. Aegis resterà, a mio avviso, insuperato, ma anche questo disco ha svariate frecce al suo arco: su tutte Image e l'oscura e bellissima Retrospective. 75
INFORMAZIONI
2000
Nuclear Blast
Gothic
Tracklist
1. Machine
2. City of Light
3. Fragment
4. Musique
5. Commute
6. Radio
7. Image
8. Crash/Concrete
9. Retrospect
10. Reverie
11. Space Age
Line Up
Liv Kristine Espenæs (Voce)
Raymond I. Rohonyi (Voce, Programming)
Frank Claussen (Chitarra)
Lorentz Aspen (Sintetizzatore)
Hein Frode Hansen (Batteria)
 
RECENSIONI
64
60
70
72
78
80
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]