Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Dirge
Lost Empyrean
Demo

In Autumn
Greyerg
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/12/18
WITCHING HOUR
...And Silent Grief Shadows the Passing Moon

21/12/18
JON SCHAFFER`S PURGATORY
Purgatory

21/12/18
BLOOD FEAST
Chopped, Diced and Sliced

21/12/18
IN SHADOWS AND DUST
Enlightened By Darkness

23/12/18
ICE WAR
Manifest Destiny

23/12/18
MALVENTO/THE MAGIK WAY
Ars Regalis

23/12/18
BOLTHORN
Across the Human Path

24/12/18
BEATEN TO DEATH
Agronomicon

30/12/18
FERAL
Flesh for Funerals Eternal

04/01/19
LEGION OF THE DAMNED
Slaves Of The Shadow Realm

CONCERTI

18/12/18
A PERFECT CIRCLE
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

19/12/18
A PERFECT CIRCLE
PALALOTTOMATICA - ROMA

21/12/18
METHEDRAS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

21/12/18
SPLEEN FLIPPER
OFFICINE SONORE - VERCELLI

21/12/18
AMTHRYA + DANNATI + EFYD
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

22/12/18
METHEDRAS
L'ANGELO AZZURRO - GENOVA

22/12/18
NANOWAR OF STEEL
EXENZIA DER CLUB - PRATO

22/12/18
DEWFALL + FYRNIR
EVILUTION CLUB - ACERRA (NA)

22/12/18
NATIONAL SUICIDE + ADVERSOR + UNORTHODOX
THE FACTORY - VERONA

22/12/18
PARMA METALHEADZ FESTIVAL
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

Warrant - Louder Harder Faster
27/05/2017
( 1208 letture )
Gli anni ottanta stanno ritornando in auge di brutto? Non possiamo giurarlo o affermarlo con aritmetica certezza, ma molti dei lavori usciti in questo primo frangente di 2017 strizzano fortemente l’occhio a quel periodo, senza pudore, pubblicando dischi che tentano di ripercorrere quel mood unico, e probabilmente irripetibile. Però tutti ci provano, in maniera forsennata. I Warrant sono proprio una costola di quegli anni lussureggianti e stracolmi di trucco, lustrini, paillettes e groupie scollacciate, ed eccoli nuovamente qui a tirare fuori il capino. Inutile fare la storia del quintetto, che vanta 8 milioni di copie vendute in tutto il mondo, due album come Dirty Rotten Filthy Stinking Rich, che spaccò le classifiche con singoli come Down Boys, Sometimes She Cries, e Heaven, e il celeberrimo Cherry Pie, prodotto da Beau Hill (Alice Cooper, Winger, Europe, Ratt), che consacrò la band facendo loro vivere stagioni eccezionali nella Billboard Top 40, piazzando, complessivamente, 5 video in cima alle classifiche di Mtv. Poi la scomparsa dell’uomo simbolo, quel Jani Lane, singer e songwriter amatissimo dai fans e la probabile fine del combo, silenzio che è perdurato per tempo immemore, poi la risalita, la voglia di non smettere e di tentare di continuare a fare musica senza il frontman che, in molti, avevano individuato con il gruppo, e collocato tra gli insostituibili. E allora ecco arrivare Robert Mason, ex voce dei Lynch Mob, che subentra nel 2008 e con i Warrant pubblica Rockaholic, tre anni dopo. Sicuramente un netto passo in avanti rispetto al precedente e poco convincente Born Again, con Jamie St. James (Black ‘N Blue) dietro al microfono e primo atto di vera rinascita degli americani.

A sei anni di distanza giunge il nuovo paragrafo dei Warrant, il qui presente Louder Harder Faster, che sin dal titolo mostra la voglia di fare casino e recuperare le origini vere del gruppo che, con i presenti nuovi undici brani, prodotti da quella vecchia volpe di Jeff Pilson (Dokken), vogliono tornare a lanciare messaggi di big rock. Mixato da Chris “The Wizard” Collier, questo CD, sostenuto dai quattro membri storici a parte Robert Mason, veleggia tra hard rock sagace e spedito, song anthemiche, spaccati blues e siringate immarcescibili di sano rock’n’roll. Tante diverse anime, tenute insieme da un collante che si chiama voglia di suonare, unita all’esperienza, e tutto ciò si evince sin dall’apertura della title track, dove le sei corde di Joey Allen e Erik Turner si fanno sentire, la sezione ritmica bussa forte con i veterani Jerry Dixon e Steven Sweet e il singer dimostra di avere tutti gli attributi appuntiti per ricoprire il ruolo alla grande, mentre cori massicci incendiano la memoria richiamando la L.A. degli eighties. Devil Dancer, pezzo con un tiro invidiabile, molto a stelle e strisce, prende per il collo l’ascoltatore e non lo molla più con lascivia e crudeltà. Up-tempo per Perfect con il basso di Dixon che striscia più volte sugli ampli, chitarre spezzate, un bel clima e ritornello che si fa apprezzare al pari della vocalità di un professionista bravo, versatile e capace come Robert Mason e del solismo della coppia di chitarristi breve ma molto intenso; giunge poiOnly Broken Heart che si dimostra subito traccia bella carica e possente con un solismo delle due asce molto brillante, U In My Life svolta su una ballad pianistica suggestiva che continua la tradizione dorata del gruppo in tal senso, uno squisito cioccolatino che si incastona benissimo in questa album list, sprigionando sensazioni benefiche e pedigree musicale indubbio. La seconda parte della release prende piede dagli echi blues di Music Man, brandello che sa di polvere, vento e riff a martello, cantilenanti, con Mason che sfoggia la sua caratura vocale con tonalità e intonazioni diverse, per una performance da sottolineare in matita rossa: un singer duttile con una voce solidissima, come dimostra anche nella seguente Faded, il capolavoro di questo disco: un pezzo solare, incalzante con un chorus corale e armonizzazioni vocali che un po’ richiamano gli Stryper, lavorata con un tessuto di primissimo ordine, sorprendente per immediatezza e qualità. Da ascoltare assolutamente a tutti i costi. La scavezzacollo New Rebellion mostra come i cinque sappiano ancora suonare veloce, diretto e pesante, Big Sandy detona effervescenza da party, mentre il finale è affidato a una doppietta luminosa, Choose Your Fate catrama senza ritegno sulla strofa, seppellendo ogni dubbio dall’alto di riff quasi zeppeliniani, e Let It Go serra i giochi con linee melodiche e chitarre solide.

Louder Harder Faster rimette prepotentemente sotto l’occhio di bue i Warrant, una release che i fans fedeli attendevano da tanto tempo. La formazione è rodata, pesta alla grande, c’è affiatamento e Mason ormai è un ingranaggio importante nell’economia delle sette note di questi ragazzi, un bel disco in questo anno prodigo di tante belle novità per il genere. Welcome back guys, i Warrant sono tornati a far danni, beato chi se li potrà vedere in tour dall’altra parte dell'oceano.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
74 su 5 voti [ VOTA]
Andy
Martedì 22 Agosto 2017, 1.06.51
5
....questo album per un fan come me dei Warrant che furono non dice proprio niente....il sound dell'ottima band di los angeles se n'e' andato con la morte del principale songswriter e singer JANI LANE!!!...un vero talento incompreso!....i ragazzi potevano comodamente cambiare nome!!!!....magari big cock come la band del nuovo cantante...lo stile e' quello!!!!
Todbringer83
Mercoledì 28 Giugno 2017, 0.20.48
4
Io l'ho trovato abbastanza piatto e monocorde. Nessun cambio di passo, nessun brano capace di prender per mano l'intero lavoro e fargli fare il salto di qualità. Compassato! 60 e mi sono pure allargato.
tpr
Giovedì 1 Giugno 2017, 1.04.58
3
non troppo veloce da essere monotono , non troppo lento da annoiare , ma fresco per piacere e molto.
Metal Shock
Domenica 28 Maggio 2017, 10.44.19
2
Devo fare pubblica ammenda, perche` ho criticato i brani usciti nelle scorse settimane, dettato forse piu` dalla delusione di Born again e dalla morte di Jamie che dall`effettivo valore della musica (anche i migliori sbagliano!!!). Una volta ascoltato per intero il disco si rivela essere infatti un`ottimo lavoro, magari non proprio come Cherry Pie o Dog eat dog, ma un gradevole numero di canzoni hard rock, condite dall`ottima voce di Mason. La titletrack, energicissima, introduce al meglio il lavoro, che ha come apici Devil Dancer, New rebellion, Big Sandy, Choose your fate e Music man oltre alla citata titletrack. In certi punti e` veramente trascinante. 80 se lo merita tutto!!!.
Hard & heavy
Sabato 27 Maggio 2017, 16.26.43
1
gran bel disco
INFORMAZIONI
2017
Frontiers Records
Hard Rock
Tracklist
1. Louder Harder Faster
2. Devil Dancer
3. Perfect
4. Only Broken Heart
5. U In My Life
6. Music Man
7. Faded
8. New Rebellion
9. Big Sandy
10. Choose Your Fate
11. Let it Go
Line Up
Robert Mason (Voce)
Joey Allen (Chitarra)
Erik Turner (Chitarra)
Jerry Dixon (Basso)
Steven Sweet (Batteria)
 
RECENSIONI
77
60
57
82
89
86
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]