Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

10/04/21
LANDMVRKS + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

Lost In Grey - The Grey Reams
04/06/2017
( 859 letture )
Formati nel 2013, i Lost In Grey hanno esordito nel panorama symphonic metal internazionale con The Grey Realms, che saputo almeno in parte dimostrare come il gruppo finlandese non si voglia soltanto rifare alla ormai famosa corrente capitanata dai conterranei Nightwish, ma miri -tramite un sound magniloquente- a generare nell'ascoltatore un forte impatto sonoro. Per raggiungere concretamente questo obiettivo, i Lost In Grey imbevono quel loro symphonic powereggiante con atmosfere folk e fantasy, alle volte esageratamente cinematografiche, oltre che con spunti più aggressivi ed incalzanti presi in prestito dal altri sottogeneri del metal più feroci.
Su queste coordinate musicali si svolge la storia della protagonista di questo concept album, perché The Grey Realms è anche la narrazione della vicenda di Lilian, giovane donna che tenta di sfuggire dagli orrori e dalla crudeltà del mondo reale per rifugiarsi in un posto immaginario e paradisiaco, The Grey Realms appunto. E al giorno d'oggi effettivamente non è difficile cercare conforto nei paesaggi musicali creati da questa band per sottrarsi, per almeno una manciata di minuti, al mondo materiale.

Spostandoci verso la sostanza del disco, veniamo accolti dall'opener, Waltz Of Lillian, la quale sembra riassumere gran parte degli elementi che costituiscono le sonorità dei Lost In Grey: non si può infatti non notare come il sound sia enfatico e solenne. Non solo le orchestrazioni e i momenti corali contribuiscono a questa sensazione, ma anche il riffing di chitarra e il drumming, entrambi davvero incalzanti -a volte quasi rabbiosi-, accrescono l'impatto sonoro della traccia. Procedendo con i brani diventa chiaro come i Lost In Grey mirino appunto a creare un muro sonoro che lasci ben poco respiro all'ascoltatore, tanto che ogni traccia trasuda epicità, merito anche dell'avvicendarsi al microfono di ben tre cantanti, due donne e un uomo, che danno varietà alle canzoni e le drammatizzano ulteriormente, passando da un timbro femminile forte e sicuro in cantato moderno, al solenne del cantato lirico, mescolando di tanto in tanto anche qualche harsh vocals di Harri Koeskela.
Passando per le reminiscenze folkeggianti e medievaleggianti di Road To Styx e New Horizon -echi che comunque si diffondono per l'intero album-, si giunge rapidamente alla parte conclusiva del disco con la suite e titletrack e Silence Falls, la prima traccia di questa coppia nei suoi ben dodici minuti riesce a riunire perfettamente tutti gli elementi salienti del ricco sound dei Lost In Grey, mescolando folk, musica da cinema e classica, ma forse patisce un po' troppo per la dilatazione delle idee, rimanendo non troppo digeribile proprio alla fine del disco.

Per concludere, The Grey Realms è sicuramente un full-length ben confezionato: oltre alla bravura dei musicisti anche la produzione è riuscita -nonostante il ricco sound- a creare un equilibrio dei numerosi elementi presenti, creando un platter compatto e piacevole. Le canzoni infatti scorrono facilmente una dopo l'altra, merito anche dell'andamento incalzante di ogni brano. Dunque gli appassionati delle sonorità imponenti e allo stesso tempo evocative rimarranno ampiamente soddisfatti da questa prima prova, sarà comunque interessante vedere i futuri sviluppi di questa band e scoprire se riuscirà a maturare ulteriormente distaccandosi ancora di più da certi echi (principalmente Nightwish ed Ensifurum del periodo Unsung Heroes) che si rincorrono all'interno del disco. In definitiva, i Lost In Grey si rivelano per gli appassionati di symphonic, che vivono i dischi come la colonna sonora di un film. Un gruppo decisamente da tenere d'occhio.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
NoiseArt Records
Symphonic Metal
Tracklist
1. Walzt Of Lillian
2. Road To Styx
3. Dark Skies
4. Revelation
5. The Order
6. New Horizon
7. The Grey Realms
8. Silence Falls
Line Up
Anne Lill (Voce)
Emily Leone (Voce, Violino)
Harri Koskela (Voce, Tastiera)
Miika Haavisto (Chitarra)
Aapo Lindberg (Basso)
Joonas Pykäläaho (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]