Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Esoteric
A Pyrrhic Existence
Demo

Prysma
Closer To Utopia
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

11/12/19
ETERNAL SILENCE
Renegades

11/12/19
THE RIVER
Vessels into White Tides

12/12/19
ALASTOR
Šumava

13/12/19
NIGHTBEARER
Tales of Sorcery and Death

13/12/19
VOLTUMNA
Ciclope

13/12/19
SATYRICON
Rebel Extravaganza (rimasterizzato)

13/12/19
STONE SOUR
Hello, You Bastards

13/12/19
COMANDO PRAETORIO
Ignee Sacertà Ctonie

13/12/19
ARKONA (PL)
Age Of Capricorn

13/12/19
GLI ATROCI
Metal Pussy

CONCERTI

08/12/19
CORELEONI
DRUSO - RANICA (BG)

08/12/19
AGENT STEEL + FINGERNAILS + MESSERSCHMITT
TRAFFIC LIVE - ROMA

11/12/19
MUNICIPAL WASTE + TOXIC HOLOCAUST + ENFORCER + SKELETAL REMAINS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

11/12/19
LAST IN LINE
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

12/12/19
SKINDRED + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

12/12/19
MARILLION
AUDITORIUM DELLA CONCILIAZIONE - ROMA

12/12/19
MONKEY3 + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

13/12/19
MARILLION
GRAN TEATRO GEOX - PADOVA

13/12/19
GWAR + VOIVOD + CHILDRAIN
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

13/12/19
SCALA MERCALLI
BUFFALO GRILL - CIVITANOVA MARCHE (MC)

Queensryche - Hear in the Now Frontier
10/06/2017
( 2221 letture )
Il decennio degli anni Novanta è stato quello decisivo per i Queensrÿche: dopo aver consegnato al mondo un capolavoro senza tempo come Operation: Mindcrime (1988) ed aver raggiunto il top delle vendite col successivo Empire (1990), la band originaria di Bellevue intraprese per la prima volta un tour da headliner. Ben diciotto mesi in giro per il mondo, per un totale di quasi duecento concerti; la riproposizione dal vivo dell’album Operation: Mindcrime, suonato per intero, nonché lo stesso Empire suonato quasi per intero; date in tutta Europa, nel Nord e Sud America ed in Asia (con ben cinque tappe consecutive in Giappone). Inevitabile che, dopo una prova di forza del genere, i Queensrÿche decidessero di staccare la spina per un po’. Così accadde. Per tornare a parlare di loro dobbiamo arrivare al 1994, quando venne pubblicata la quinta prova in studio, Promised Land, un’altra perla di rara bellezza che però, in un primo momento, non venne accolta con lo stesso entusiasmo dei precedenti due dischi. I tempi stavano cambiando, la musica anche, e per molte band heavy metal non furono anni tanto felici. Fu così che il seguente capitolo di Tate e soci segnò per certi versi la fine di un’era. Della loro era. Hear in the Now Frontier fu l’ultimo album con Chris DeGarmo in formazione (lo ritroveremo nel 2003 in occasione delle registrazioni di Tribe, ma il suo nome non sarà ulteriormente legato a quello dei Queensrÿche), e a livello sonoro il disco virò notevolmente dalla produzione precedente della band, mancando soprattutto in termini d’incisività. Come definire un album come Hear in the Now Frontier? Heavy metal? Non del tutto. Prog? Solo in parte. Sperimentale? Sicuramente, ma anche controverso, apparentemente fruibile all’ascolto, ma in realtà più complesso del previsto da analizzare nel dettaglio e per poterlo comprendere fino in fondo. Una cosa è certa: i Queensrÿche stavano cambiando. Cambiando pelle, forma e sostanza, intaccando il proprio status quo per evolversi -o involversi?- in qualcosa di nuovo, qualcosa di diverso.

Quasi a voler confermare le nostre impressioni, l’album si apre con una canzone dal titolo Sign of the Times. I ritmi sono fin da subito blandi, le sfuriate di chitarra appena accennate, la voce di Tate si staglia pulita e leggiadra senza però lasciare più di tanto il segno del proprio passaggio. Cuckoo’s Nest è il naturale proseguimento dell’opener e per iniziare a trovare qualcosa di davvero interessante dobbiamo attendere la terza traccia, Get a Life, che pure dimostra una certa pacatezza di fondo, ma perlomeno possiede un ritornello dalla maggior presa e degli stacchi abbastanza movimentati. Arrivati alla quarta traccia, sappiamo ormai già cosa aspettarci e difatti ci troveremo di fronte al più classico dei down-tempo, una semi-ballad leggera e innocente, che si rivelerà comunque più piacevole del previsto. I Queensrÿche non sono degli sprovveduti, non lo sono mai stati (anche se gli eventi degli ultimi anni ci dicono forse il contrario) e sanno come si compone una canzone. Il fatto che questi pezzi non siano all’altezza della produzione precedente non vuol dire che siano da disprezzare ad occhi chiusi o che vadano sottovalutati. Prendendo l’album per quello che è, ovvero come un disco rock che spazia solo ogni tanto in territori prog e heavy, ci si potrà rendere conto del suo vero valore. In quest’ottica, pezzi come Some People Fly e Saved si rivelano essere due tra gli estratti migliori del disco, con un Tate in splendida forma e una base strumentale a dir poco interessante in suo supporto. Allargandoci potremmo includere anche la successiva You, pezzo assai movimentato in grado di mantenere viva la nostra attenzione per tutta la sua durata. Di conseguenza, la lentissima Hero dovrebbe farci ritornare in uno stato cosiddetto di “normalità”, invece nel suo piccolo riesce a farsi apprezzare e a convincere. Altri brani significativi sono la frizzante Reach, ma soprattutto All I Want, un jazz-rock davvero di classe, impreziosito dal piano di Matt Rollings. La (pre)potenza delle seguenti Hit the Black e Anytime / Anywhere ci consegna i Queensrÿche nella loro versione più “cattiva”, con le distorsioni a farla da padrone e un’atmosfera pesante sullo sfondo, così come la conclusiva sp00L ci accompagna al termine dell’ascolto lasciando da parte la serenità avvertita ad inizio disco, dall’alto di una cupezza molto ben percepibile.

Dopo la pubblicazione di Hear in the Now Frontier, come sappiamo, la storia dei Queensrÿche virò significativamente. L’arrivo del chitarrista e produttore discografico Kelly Gray (che già aveva suonato insieme a Geoff Tate nei Myth), in sostituzione del defezionario Chris DeGarmo, e il passaggio alla Atlantic Records furono il preambolo a Q2K, un nuovo album sulla falsariga di Hear in the Now Frontier e quindi incapace di reggere il confronto coi precedenti lavori. Fu un periodo complicato per la band statunitense, reso tale anche dalla bancarotta della EMI americana, che costrinse i Queensrÿche ad autofinanziare il tour in supporto al nuovo album, e dalle condizioni di salute di Tate, che causarono la cancellazione di molte date. A fronte di tutto ciò, Hear in the Now Frontier resta un disco di un certo rilievo, apprezzabile soprattutto se preso a sé stante, senza tener troppo conto delle infinite potenzialità che una band di questo calibro aveva dimostrato di possedere e che, per un motivo o per l’altro, non sempre è riuscita a mettere in pratica. Ascoltato oggi, a distanza di vent’anni esatti dalla sua uscita, qualche sensazione positiva la trasmette ancora. E alla fine è questo ciò che più conta.



VOTO RECENSORE
76
VOTO LETTORI
64.30 su 13 voti [ VOTA]
Masterburner
Domenica 12 Maggio 2019, 19.14.52
36
Mah a me sembra un discaccio
Aceshigh
Domenica 7 Aprile 2019, 11.11.40
35
Era un po' che volevo riascoltarmelo. Quando uscì per me fu una mezza tragedia, come per tanti; ormai era praticamente un'altra band, che faceva un'altro tipo di musica (Fa pensare il fatto che 13 pezzi su 14 sono firmati DeGarmo, che poi avrebbe mollato la band). A distanza di anni - e preso atto che dal 1997 al 2011 i Queensryche sono questi qui, diciamo "alternativi" e stop - riesco ad essere un filo più razionale. Che la band fosse cambiata era già palese da Promised Land: solo che quello era un capolavoro, questo in esame (e pure i successivi) è molto lontano dall'esserlo. Alterna pezzi del tutto riusciti (The Voice Inside, Spool, All I Want) ad altri che non dicono molto (ma l'unico pezzo che veramente non sopporto è Get A Life). Col senno di poi, tenendo conto di quanto fatto in questa fase complessivamente lunga 15 anni, HITNF per me "ora" - a freddo - rimane un album discreto. Voto 73
JC
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 17.51.27
34
Area, per molti tutto quello che non è facilmente classificabile o incorpora elementi diversi è "prog". I Queensryche hanno anche elementi prog ma hanno avuto una lunga e diversificata carriera. Sono partiti da un classico Heavy americano come i Fates Warning e hanno sempre più incorporato elementi diversi. A partire da Promised Land (capolavoro) di Heavy sempre meno e sempre più elementi prog, alternative, ecc. In questo disco ci può stare anche il grunge, l'epoca era quella. Comunque una band che ha fatto la storia. Quando hai scritto Operation Mindcrime e Promised Land poi hai diritto a vivere di rendita per sempre.
Area
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 16.37.48
33
@nonchalance, é proprio questo il punto, io di questo disco non ho ascoltato nemmeno una nota, perché oltre a non averlo mai comprato fisicamente, non l'ho nemmeno cercato sulle piattaforme LEGALI, semplicemente mi é tornato in mente poco prima di commentare sto fatto che avevo letto su una rivista Metal Italiana (mi pare fosse Metal Maniac) oggi scomparsa... ma parliamo del 2005 tipo
nonchalance
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 15.00.02
32
Una punta di grunge ci può essere..come anche nei "mai esistiti" Skunkworks! Ma, è stato più un tentativo di adeguarsi al momento. Lascia stare chi te li ha "descritti" così! Tu dove ce li senti i richiami al genere? Altrimenti, nella loro magniloquenza, ci possono entrare anche i Savatage..
Area
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 14.30.42
31
@nonchalance, mah alla fine mica avete risposto alla mia domanda. Io i Queensryche li conosco poco, giusto il loro album più famoso (Operation mindcrime) e tutti me li hanno sempre descritti Prog Metal.... ma non é questo il punto...
nonchalance
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 14.00.00
30
Per me loro non han mai fatto quel genere lì..ma, solo del buon heavy "americano"! Il prog è decisamente un'altra cosa.
Area
Mercoledì 20 Febbraio 2019, 12.44.38
29
Non mi é mai piaciuto il Prog Metal... ma é vero che in questo disco provarono ad ispirarsi agli Alice In Chains? A me la copertina me li ricorda tantissimo.
Andrew Lloyd
Lunedì 8 Gennaio 2018, 14.14.51
28
Rimarrà sempre un mistero la svolta sonora di questo disco Anche se anni dopo le cause saranno note a tutti quelli che seguivano in modo maniacale la band e poco hanno a che fare con la musica vera e propria. Eravamo abituati male. Ad uanband infallibile e ad un approccio diverso per ogni album che aveva riscritto i canoni e le convenzioni dell'heavy metal. Ma che bisogno c'era nel 1997 di far suonare così il disco? Al tempo pensai che come per Promisde Land sarebbe stata solo questione di "capire" la nuova direzione. Invece lasciò solo tanti punti interrogativi a dispetto della recensione a pieni voti di Metal Shock. Lasciò anche il genio Degarmo che quanto pare fu l'artefice di questo cambio di direzione. Certo, oggi in parte l'ho rivalutato: Sp00l è un capoalvoro ( la milgiore del lotto e degna del loro passato), Sign of the Times ( profetica...) You, Hero, All i Want sono OTTIME. "Some People Fly" e Saved fanno gridare quasi al miracolo fino al ritorello. Discrete/Buone The voice inside, Hit the Black. Affrettate e frettolose Get a Life, Miles Away e Reach. Sembrano delle incompiute. Inascoltabile Cuckoo’s Nest. Anonima Anytime / Anywhere. La sensazione perene di un album incompiuto e non curato come ci si aspettava da una band del loro livello Ci sono da dire un paio di cose: 1) Con 8/10 pezzi parleremmo di un altro disco. Non certo un capolavoro ma di una buona prova generale 2 ) I pezzi dal vivo hanno avuto una resa DIVERSA e prendendo ipoteticamente le migliori di questo full-legth e del successivo Q2K, verrebbe fuori un OTTIMO disco. Up the Ryche sempre e comunque !!!
Alessio
Mercoledì 21 Giugno 2017, 12.10.43
27
Sono d'accordo che anche "Spool" era un buon pezzo ma comunque non sufficiente a salvare un album così tanto di rottura rispetto allo stile precedente... Mi sono sempre chiesto come De Garmo abbia potuto essere ancora parte integrante di quel triste naufragio !
alifac
Giovedì 15 Giugno 2017, 17.14.34
26
Invogliato dalla recensione me lo sono riascoltato... e niente da fare, non mi va giù; meglio Q2k e, a mio parere, ancora meglio Tribe!
P2K!
Giovedì 15 Giugno 2017, 16.20.27
25
Q2K proseguiva lo stesso stile di "Hear in the Now Frontiers", ma con un approccio più mirato verso un rock/pop alla U2 (basti ascoltare il suono e le parti di alcune chitarre con arpeggi effettati da massicce dosi di delay). Alcune cose gradevoli gli sono uscite fuori (Leggasi "Secred Ground", "Liquid Sky") ma diversi colpi a vuoto (Specie la PESSIMA "Beside You"). Il colpo di coda finale con "The Right Side of My Mind", uno dei pezzi più belli mai scritti dai Queensryche (non penso di esagerare) alza di molto le quotazioni di un disco altrimenti basse. Anche le due bonus track editate nella ristampa ("Until There Was You", "Howl") non aiutano molto la valutazione di un disco non sempre messo a fuoco.
Diego
Giovedì 15 Giugno 2017, 14.47.00
24
@InvictuSteele prima di scrivere il commento sono andato a riascoltarlo, proprio come ho fatto con HITNF...cosa devo dirti? Questi non sono i QR che ho idolatrato fino a PL. Non si tratta della reazione di un fan tradito, ho amato i cambi stilistici di tanti gruppi, purchè fatti a dovere. Dov'è la maestosità delle canzoni? La ricerca dei suoni? Le armonizzazioni delle chitarre? La dipartita di DeGarmo ha dato pieni poteri a Tate e alle sue idee, il gruppo ha mestamente seguito in silenzio per poi esplodere. Non parliamo poi di Kelly Gray, che avrebbe fatto meno danni stando solo dietro la console. American Soldier e OP II sono gli ultimi sussulti di una ex grande band (non male però il comeback con LaTorre)
InvictuSteele
Giovedì 15 Giugno 2017, 12.04.05
23
@Diego ti consiglio di riascoltare Q2K... quale nettamente inferiore? Quello è un gran bel disco, questo qui no, assolutamente no.
Diego
Giovedì 15 Giugno 2017, 9.58.53
22
Purtroppo il successivo Q2K è nettamente inferiore a questo, a tal punto da rivalutarlo...
P2K!
Martedì 13 Giugno 2017, 15.20.06
21
Ieri, invogliato dalla recensione, ho provato a riascoltare il disco, e il mio giudizio con il passare degli anni non è cambiato. Disco con troppi filler ("Heroes", "Miles Away", "Some People Fly", "Cuckoo’s Nest", "All I Want"), qualche timida alzata di testa ("Get a Life", "Saved"). Buoni pezzi ce ne sono ("Sign of the times", "You", "Reach"), e proprio alla fine mettono un bel trittico con "Hit the Black" e "Anytime/Anywhere" che aprono la strada a quel capolavoro di "spOOl". La classe nelle vocals della band comunque emerge qua e la, e forse è questo che stona in un genere più grezzo. Oltre alla produzione dove la batteria di Scott suona secca e poco incisiva. Insomma l'intenzione c'era, ma poco focalizzata...
Gabriele
Lunedì 12 Giugno 2017, 20.31.40
20
Non ho ancora trovato il coraggio di riascoltarlo. Dubito che ci riuscirò mai.
Alessio
Lunedì 12 Giugno 2017, 13.57.22
19
A parte l'unico pezzo decente "YOU", per me un album da dimenticare. Purtroppo l'inizio della fine di una gloriosa carriera !
Hellion
Domenica 11 Giugno 2017, 16.20.42
18
Un disastro su tutta la linea.
Hard & heavy
Domenica 11 Giugno 2017, 13.05.39
17
''Hear in the Now Frontier'' è un ottimo album ricordo che quando usci metal shock gli diete il massimo dei voti 5 teschi. A me è sempre piaciuto come album le mie preferite sono Sign of the Times, The Voice Inside, sp00L, Hit the Black.
Maurizio 76
Domenica 11 Giugno 2017, 11.38.30
16
solo sufficiente... ma nulla più
Max1
Domenica 11 Giugno 2017, 11.06.49
15
Una mazzata inaspettata!! Che delusione: lo presi ovviamente senza pensarci due volte ma mi lascio' letteralmente basito per quanto mi deluse! Dopo l'indegno DTC sicuramente il peggiore dei Q. (Thr Right Side of My Mind" è un capolavoro!!)
P2K!
Domenica 11 Giugno 2017, 9.56.12
14
Si Ayreon, "The Right Side of my Mind" è una perla degna dei classici storici della band. Peccato che fu l'unico episodio a quel livello (il resto della tracklist si muoveva tra pochi episodi di buona fattura e altri mediocri)
ayreon
Domenica 11 Giugno 2017, 9.45.54
13
in q2k "the other side of my mind" da sola valeva tutto il disco
P2K!
Domenica 11 Giugno 2017, 9.09.48
12
Uhmmmmm.. ricordo che quando uscì questo disco ero reduce da ascolti ripetuti di "PROMISED LAND", l'album che reputo un'OPERA magistrale. Quindi le aspettative erano alle stelle. Questo non giocò a favore al giudizio di questo disco. Mettiamo pure che questo fu il primo album dove la band approcciò un suono "Alternative Rock", che spiazzò notevolmente i loro fan. Aggiungiamo che la tracklist era fin troppo generosa, dove almeno la metà dei brani suonava stanca (leggasi filler). Sommiamo qualche tensione interna (che porterà all'abbandono di Chris). Insomma 'sto disco nasceva con PESSIMI presupposti. E infatti risultò male. Certo ripetuti ascolti mi aiutarono a rivalutare molti brani, specie i tre in chiusura, con "spOOl" come splendido colpo di coda (splendido esempio dell'innata classe della band). Altri seminati qua e la ("Sign of the Times", "The Voice Inside", "Saved", "Get a Life", "You" e "Reach"). Non un disco riuscito pienamente ma alla fine qualche cosa di buono riusciì a trovarla... su questo genere il meglio lo raggiungeranno con "Tribe" ("Q2K' era ancor meno focalizzato).
Flight 666
Sabato 10 Giugno 2017, 18.40.29
11
@ nonchalance: si tratta della EMI americana infatti, non ho pensato di specificarlo subito, ma in effetti andava fatto. Grazie
sadwings
Sabato 10 Giugno 2017, 17.01.00
10
Non lo trovo cosi disastroso. Alcuni pezzi come sign of the times, you e le ultime quattro le trovo riuscite, discreta la canzone hero. Tuttavia forse una delle migliori canzoni di questo periodo è stata messa come bonus track e nel best of cioè chasing blue sky che secondo me è davvero molto riuscita. I difetti sono nella produzione non all'altezza, nei tanti brani riempitivi. Non trovo questo album un segno di un tradimento poichè gia con promise land ci fu un distacco netto con il metal . 73
ayreon
Sabato 10 Giugno 2017, 16.42.35
9
a parte "spool" non si salva niente, ecatombe pura
nonchalance
Sabato 10 Giugno 2017, 15.30.49
8
Sistemerei la frase in cui si parla della "bancarotta" della EMI.. Non sono esattamente al corrente di come siano andate le cose ma, di sicuro, si tratta della EMI americana che, poi, passò nelle mani della Virgin.
entropy
Sabato 10 Giugno 2017, 15.11.08
7
Anche io mi sentii tradito. a parte la conclusiva spool non mi piacque per nulla, nonostante i numerosi tentativi. Certo non lo ascolto da tantissimo tempo, ma per me al massimo un 60
Sandro70
Sabato 10 Giugno 2017, 14.17.23
6
L'inizio della fine. Voto 6 politico.
Red Rainbow
Sabato 10 Giugno 2017, 14.14.58
5
Quoto Metal Shock, stesso impatto traumatico da fan traditissimo, purtroppo mai superato con gli anni. E alla domanda cruciale di Flight ("si stavano evolvendo o involvendo in qualcosa di nuovo ?") mi schiero anche oggi con la seconda delle opzioni. Peccato, perchè il cambiamento poteva essere gestito moooolto diversamente (Promised Land docet... e con quali esiti !) e soprattutto con ben altro coraggio sul versante dell'ispirazione (se mi si passa il parallelo, prendiamo Chameleon, nella storia degli Helloween).
InvictuSteele
Sabato 10 Giugno 2017, 13.00.27
4
Ho sempre amato i Queensryche e sinceramente non ho mai capito le mille critiche post-Promised Land. Io adoro album come Tribe e Q2K, per me bellissimi, magari non dei capolavori, ma ottimi e coraggiosi, capaci di mettere in chiaro la voglia di sperimentare e di non fossilizzarsi mai (di cui mi piacerebbe leggere le recensioni). Poi i Queensryche sono tornati al classico con lo stupendo Operation II, dopodiché non li ho più seguiti, si sono spenti e vabbè, ma fino al 2006 sono stati impeccabili. L'unico che non sono mai riuscito ad apprezzare è stato proprio questo Hear in the now frontier, non per la virata grunge anzi, ma perché troppo moscio, troppo lungo, con poche canzoni memorabili. Un disco poco ispirato, ma di certo la band non ha mai fatto un disco uguale all'altro, è sempre stata avanti 10 anni. Voto 60 o forse anche 55.
d.r.i.
Sabato 10 Giugno 2017, 11.51.05
3
Per me questo il 76 lo vede con il telescopio, manco il binocolo. Noioso, inutile, di un gruppo che non sono i Queensryche ma di omonimi solo di nome. Per me max 50
Metal Shock
Sabato 10 Giugno 2017, 11.46.24
2
Una delle mie band preferite di sempre, fino a Promise land un monumento del metal. Quando invece ascoltai questo disco rimasi shockato: dove era finita la band di Operation mindcrime ed Empire?? Per la prima volta non erano loro ad imporre un sound ma subivano l`influsso del grunge, creando purtroppo un disco che, ahime`, definisco brutto, l`inizio della fine della band, ripresasi solo con l`ingresso di Todd La Torre alla voce. Chitarre simil grunge, un Tate spento ed un songwriting pessimo sono alla base di un disco venuto fuori male. Io neanche col tempo sono riuscito ad accettarlo, insufficiente......sigh sigh!
Diego
Sabato 10 Giugno 2017, 11.21.08
1
Per me che ho ascoltato OM alla sua uscita, e adoravo ogni nota dall' EP omonimo a PL, fu alto tradimento. Provai in tutti i modi a farmelo piacere, ma solo anni dopo e col senno delle uscite successive, ho potuto trovarne qualcosa di buono. I Ryche fino a PL erano una band monumentale e di riferimento, poi si è autoridimensionata fino al triste epilogo. Nel 1997 avrei votato 55, nel 2017, dopo averlo riascoltato per intero, voto 65.
INFORMAZIONI
1997
EMI
Heavy/Prog
Tracklist
1. Sign of the Times
2. Cuckoo’s Nest
3. Get a Life
4. The Voice Inside
5. Some People Fly
6. Saved
7. You
8. Hero
9. Miles Away
10. Reach
11. All I Want
12. Hit the Black
13. Anytime / Anywhere
14. sp00L
Line Up
Geoff Tate (Voce)
Chris DeGarmo (Chitarra, Cori)
Michael Wilton (Chitarra, Cori)
Eddie Jackson (Basso, Cori)
Scott Rockenfield (Batteria, Percussioni, Tastiere)

Musicisti Ospiti:
David Ragsdale (Violino)
Steve Nathan (Tastiere nella traccia 14)
Matt Rollings (Piano nella traccia 11, Tastiere nella traccia 14)
 
RECENSIONI
75
76
40
79
84
50
76
97
88
100
88
87
77
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]