Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
Ozzy
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

CONCERTI

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

24/11/17
6TH COUNTED MURDER + KALIAGE
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/11/17
UFOMAMMUT + GUESTS
EREMO CLUB - MOLFETTA (BA)

25/11/17
THE MODERN AGE SLAVERY + DESPITE EXILE + AMBER TOWN
LA TENDA - MODENA

25/11/17
COUNCIL OF RATS + NIDO DI VESPE + MALLOY
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

Ozzy Osbourne - Ozzmosis
16/06/2017
( 1609 letture )
Ozzmosis è, probabilmente, il disco che più ha diviso i fan all'epoca della sua uscita: chiamato a succedere al pluripremiato No More Tears, un fardello non proprio di poco conto, venne tacciato di eccessiva commercialità e poca durezza sonora, infarcito com'era di atmosfere più distese e meno aggressive del solito. Ciò è fondamentalmente dovuto al periodo che stava attraversando allora Ozzy Osbourne: sembra infatti che gli venne erroneamente diagnosticato il morbo di Alzheimer e il MadMan, pensando all'imminente ritiro -e il No More Tours avvalorerebbe questo fatto- aveva messo in musica il proprio stato d'animo tirando fuori un album oscuro, intimo e personale. Se si pensa a tutto ciò il platter va visto sotto un'ottica diversa; non si può ad esempio rimanere indifferenti a un testo come quello di My Little Man:

"Don't you know I love you more than life itself,
Don't you know that you're my pride
And I would not have you walking through this world.
Without me by your side /
I'd like to keep you with me all your life,
But I know I can't do that
So I must try to teach you wrong from right,
To keep the vulture from your back
Go to sleep my little man
Don't you weep my little man
And when you're dreaming you can talk to angels,
So wipe the tears from your eyes
And if there's demons that try to steal you breath away
You can't believe that, know my spirit will be standing by your side"


A proposito di quest'ultima, va sottolineato che venne scritta -insieme ad altre canzoni che non vennero poi pubblicate- con il contributo di Steve Vai, il quale avrebbe anche dovuto suonare in veste di ospite sul disco, ma alcune divergenze con Ozzy gli fecero abbandonare il progetto; ma non è il solo Steve ad aver messo la propria impronta su Ozzmosis, essendo See You on the Other Side frutto della collaborazione con Lemmy Kilmister, e fa un certo effetto ascoltare oggi le lyrics di questo stupendo brano.
Il disco è contraddistinto da un sound potente ma cupo, come detto si percepisce nettamente un'aura di malinconia nelle sue tracce, e il fatto che uscisse sul finire del periodo d'oro del grunge forse può aver avuto un qualche ascendente; comunque sia la produzione -affidata a Michael Beinhorn- è a dir poco bombastica, addirittura esplosiva, nitida e poderosa: inizialmente questa doveva essere appannaggio di Michael Wagener, già all'opera su No More Tears, ma la label decise per un cambio di rotta, nonostante alcune song fossero addirittura già state completate. La formazione di Ozzmosis (a proposito, titolo geniale) è a dir poco stellare: oltre al confermato Zakk Wylde -che però abbandonerà il suo mentore alla fine delle registrazioni- troviamo un certo Rick Wakeman (Yes) alle tastiere -coadiuvato in questo anche proprio da Beinhorn- e una sezione ritmica da paura, che vede alle pelli il talentuosissimo Deen Castronovo, mentre il basso è affidato nientemeno che allo storico compagno d'avventure Geezer Butler... e scusate se è poco! L'apertura di tastiere di Wakeman ha un che di mistico, e appena entrano in scena Zakk e Geezer Perry Mason deflagra in tutta la sua potenza, così come pesantissimo è l'incipit di Thunder Underground, con la Gibson di Wylde che sembra essere stata accordata all'inferno tanto le sue note sono soffocanti e il sound limaccioso. Ozzy dona con la propria ugola magnificamente sgraziata quel quid inconfondibile ad ogni traccia, portando brani come See You on the Other Side o Ghost Behind My Eyes a veri highlight del platter, ma è con I Just Want You che sfioriamo il capolavoro: questa canzone ha tutto, melodia, atmosfera, ispirazione, rabbia e potenza, probabilmente una delle vette compositive raggiunte nella seconda parte della carriera solista da Ozzy Osbourne in cui tutta la band dà il meglio di sé (il cambio di tonalità al terzo minuto ha un che di esaltante) e, particolare marginale, pure il videoclip è un piccolo gioiello. L'epilogo del full length, affidato a Old L.A. Tonight, chiude il sipario con una vena di malinconia che arriva dritta nel profondo dell'anima, arricchita dallo splendido assolo di Zakk.

Chiaramente non ci ritroviamo di fronte al capolavoro definitivo di Mr.Osbourne, per quelli bisogna guardare agli anni '80, ma rimane uno degli ultimi -l'ultimo?- grandi album della sua discografia mentre con il successivo Down to Earth si evidenzierà un nettissimo calo ispirativo, sebbene più avanti il MadMan tornasse a rialzare la testa con lavori come Black Rain e in parte Scream; in ogni caso Ozzmosis è un disco che per lungo tempo è stato sottovalutato, mentre a un ascolto approfondito sa dare molto, in termini emotivi, a chiunque vi si avvicini con il giusto stato d'animo.



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
86.4 su 15 voti [ VOTA]
Andrew Lloyd
Venerdì 23 Giugno 2017, 13.47.55
18
Perry Mason è senza dubbio un pezzo da Novanta. Quel che ne ricavai al tempo fu di un album molto più dedole di No More Tears e dal songwriting generale in calando...
bls furlan chapter
Giovedì 22 Giugno 2017, 0.11.04
17
Album splendido che ho rivalutato negli anni. Ha un solo difetto: essere stato preceduto da No More Tears, uno dei capolavori di Ozzy. All'epoca ricordo che non apprezzai il sound di Zakk e la sceltadi usate una LP Junior anzché le classiche Standard. Gli anni mi hanno insegnato ad apprezzalo anche se non sono fra chi ritiene gli album successivi dei mezzi fallimenti.
Salvo
Mercoledì 21 Giugno 2017, 21.27.27
16
Purtroppo, a parte il pezzo di apertura, il resto non mi ha mai deto molto in questo disco.
AL
Lunedì 19 Giugno 2017, 16.16.47
15
concordo con Matocc. anche per me 80. Thunder underground la mia preferita. e che formazione! con il mitico baffone!
Nullatenente
Lunedì 19 Giugno 2017, 14.44.53
14
Non ricordo bene, ma mi pare che il mastering di sto disco fosse un pò grezzo, nel senso che se lo mettevi a palla distorceva un pò. Ricordo male?
lisablack
Lunedì 19 Giugno 2017, 14.01.26
13
Bell'album davvero, l'ultimo di Ozzy, poi un calo definitivo..ma sotto di poco a No More tears che è stupendo.
Screamforme77
Domenica 18 Giugno 2017, 16.51.04
12
Album meraviglioso, il mio preferito di Ozzy solo dopo i primi due. Penso di essere uno dei pochi che lo preferisce di gran lunga la tanto decantato precedente "No More Tears"
Metal4ever
Domenica 18 Giugno 2017, 16.00.30
11
Ottimo disco veramente! Le prime due già valgono l'acquisto, senza contare la sabbathiana "Tomorrow". Senz'altro l'ultimo grande disco solista di Ozzy.
duke
Domenica 18 Giugno 2017, 13.29.29
10
buon disco......uno come ozzy non delude mai!
Morlock
Sabato 17 Giugno 2017, 19.52.42
9
Grandissimo disco,Perry Mason e Tomorrow 2 capolavori!!
manaroth85
Sabato 17 Giugno 2017, 18.51.09
8
finalmente! invocato più volte! grandissimo album il primo che ascoltai del Madman, che dire?amore a prima nota!per me capolavoro! ora attendo con ansia rece di Down to earth!
Metal Shock
Sabato 17 Giugno 2017, 16.29.46
7
@Rob: c'ero anch'io al quel concerto, proprio di fianco al palco e vidi arrivare l'accendino molto bene, gente idiota!!! Comunque ero lì più per i Fear Factory!!! Il disco per me è discreto, Perry Mason gran canzone ma il resto non mi ha mai entusiasmato.
InvictuSteele
Sabato 17 Giugno 2017, 15.12.36
6
Disco molto criticato e ciò è inspiegabile, io lo considero tra i migliori di Ozzy. Potente e con pezzi da novanta. Voto 80
Rob Fleming
Sabato 17 Giugno 2017, 15.01.52
5
Perry Mason è un'autentica perla, ma tutto l'album non delude. Lo andai a vedere in concerto a Milano per il tour (quello in cui il chitarrista era Joe Holmes). Iniziò benissimo, poi qualche "genio" pensò bene di tirargli addosso un accendino. Dopodiché fu un concerto in cui Ozzy timbrò il cartellino. Ma era incazzato duro e, malgrado la professionalità di Geezer, non vedeva l'ora di andarsene. Un vero peccato.77
nonchalance
Sabato 17 Giugno 2017, 12.04.05
4
Finalmente! Io, questo disco, lo trovo un unicum: il classico disco che non ti aspetteresti mai dal "nostro". Proprio perché, li manca quella "spenseriatezza" di fondo che ha sempre caratterizzato i suoi dischi.. Qui, invece, si sente proprio la fievolezza dell'animo dell'artista. Quindi, tutto puo' essere che un disco banale o scarso..anche rispetto ai precedenti! Ma, soprattutto, se paragonato a quello che verrà dopo: non più all'altezza del nome.
Enri sixx
Sabato 17 Giugno 2017, 11.47.54
3
Album bellissimo e oscuro ma il vero ultimo stupendo album di ozzy dopo poco o niente
ayreon
Sabato 17 Giugno 2017, 11.20.30
2
gran bel disco,troppo sottovalutato,al tour che passò da milano ricordo che fece solo "i just want you " o "perry mason",peccato perchè a me sarebbe piaciuto sentire altra roba tipo "la tonight" ( con wakeman alle tastiere in studio),io gli avrei dato 85
lux chaos
Sabato 17 Giugno 2017, 9.06.32
1
Bella rece Matocc, concordo con te, per me è l'ultimo grande album di ozzy, poi la mediocrità con qualcosa che si salva in down, ma qui ci sono veri e propri inni straordinari come perry mason, see you, old l.a. e la mia preferita, il capolavoro i just want you
INFORMAZIONI
1995
Epic
Heavy
Tracklist
1. Perry Mason
2. I Just Want You
3. Ghost Behind My Eyes
4. Thunder Underground
5. See You on the Other Side
6. Tomorrow
7. Denial
8. My Little Man
9. My Jekyll Doesn't Hide
10. Old L.A. Tonight
Line Up
Ozzy Osbourne (Voce)
Zakk Wylde (Chitarra)
Rick Wakeman (Tastiera)
Michael Beinhorn (Tastiera)
Geezer Butler (Basso)
Deen Castronovo (Batteria)
 
RECENSIONI
70
81
80
81
80
88
80
79
81
86
91
ARTICOLI
27/09/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + KORN
Palasharp, Milano, 22/09/2010
14/07/2010
Live Report
OZZY OSBOURNE + LABYRINTH
Villa Contarini, Piazzola Sul Brenta (PD), 05/07/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]