Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Hamferd
Támsins likam
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/18
VORACIOUS SCOURGE
Our Demise

26/01/18
LOUDNESS
Rise To Glory

26/01/18
LABYRINTH
Return To Live

26/01/18
LIONE-CONTI
Lione-Conti

26/01/18
VICTORIUS
Dinosaur Warfare - Legend Of The Power Saurus

26/01/18
PORTAL
ION

26/01/18
VARGRAV
Netherstorm

26/01/18
MACHINE HEAD
Catharsis

26/01/18
REBELLION
A Tragedy In Steel Part II: Shakespeares King Lear

26/01/18
MIKE LEPOND`S SILENT ASSASSINS
Pawn And Prophecy

CONCERTI

25/01/18
LUNARSEA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/01/18
COMEBACK KID
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/01/18
COMEBACK KID
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/01/18
ELVENKING
ROCK TOWN - CORDENONS (PN)

27/01/18
DARK QUARTERER + IL SEGNO DEL COMANDO
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

27/01/18
HIEROPHANT
OBSCENE - MODENA

27/01/18
DAMNATION GALLERY + OVERWHELM
ANGELO AZZURRO - GENOVA

27/01/18
HEAVENFALL + CHRONOSFEAR
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/01/18
LUCKY BASTARDZ
MEPHISTO ROCK CAFE - LU MONFERRATO (AL)

27/01/18
HIGHLORD + GUESTS
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

Agathocles - Mincer
16/06/2017
( 336 letture )
Mincer. Tritacarne. Quale titolo più azzeccato di questo per un album degli Agathocles? Paladini di quello che non a caso è stato da loro ribattezzato mincecore, i tre componenti del gruppo belga si rifanno al grindcore delle origini, quello che non si risparmia dal puntare il dito contro a tutti i tipi d'ingiustizia e di corruzione che contaminano il mondo. Non è certo un caso se l'album che farà seguito al qui analizzato Mincer prenderà emblematicamente il nome di Grind Is Protest (2008).

Dicono le cose come stanno, gli Agathocles e in quanto a cattiveria non conoscono il principio del risparmio. Si eviti fin da subito, però, di cadere in una possibile trappola: le sonorità del gruppo non sono fra le più estreme del settore, essendo assai distanti dalla potenza devastante di band quali Brutal Truth o Napalm Death. E' un sound diverso, grezzo e saturo di tutto (volutamente tale, naturalmente), che molto fa pensare a una piccola band di quartiere, con a disposizione un altrettanto piccola attrezzatura spinta al limite, dentro a una minuscola sala prove in un torrido pomeriggio d'agosto. Insomma, una vera chicca per tutti i nostalgici della prima ondata hardcore punk, con la quale i Nostri hanno parecchio da condividere. Vediamo ora dettagliatamente ciò che passa attraverso il tritacarne...

Tra suoni macinati e schegge di rabbia, è facile intuire quale sia il cardine attorno al quale ruota incessante l'odio degli Agathocles. Il loro mincecore dispiega le armi contro l'ipocrisia dei potenti, di chi abusa del proprio potere finendo così per opprimere i ceti socialmente meno abbienti. A tale scopo, la traccia d'apertura Dethrone the Tyrant subito si schiera dalla parte dei più deboli, degli emarginati, dando voce a chi solitamente non ne possiede. A vestire la maschera del tiranno sono gli USA, visti come nemico assoluto per colpa del sistema capitalistico che da decenni li rende noti globalmente. Una fama che, a seconda dei punti di vista, può essere intesa come del tutto positiva o come estremamente negativa, ma che inevitabilmente finisce per lasciare il segno. Segno che talvolta prende a essere un solco buio e profondo, dentro al quale precipitano ancora una volta gli innocenti. Il mostro a stelle e strisce avanza mosse strategiche dal fortissimo impatto sociale...lasciando la lista dei danni da pagare! Per commettere crimini simili, i governi si avvalgono di una burocrazia lenta e caotica, perfetta per mascherare sotterfugi e azioni dalla dubbia legalità; ecco allora che in Maze of Papers incontriamo l'aspra critica a un sistema fatto di carte su carte, dagli iter infiniti, che strozzano l'onesto e incoronano il corrotto: “papers for this, papers for that / mountains of files, piles of crap / everyone's drowing in a paper-filled bath / administration kills”. Ancora non basta, il gruppo individua ogni tentacolo dell'inquinante macchina governativa e riporta tutto alla luce del sole. La critica rivolta ai sistemi di sicurezza dei vari Stati è fortissima, accusati di presentare falle ovunque, come è possibile facilmente constatare dagli atroci fatti avvenuti negli ultimi anni e che stanno ancora accadendo, addirittura moltiplicandosi con sorprendente rapidità. Inoltre, la strumentalizzazione tecnologica a favore dello stato sembra aver tolto qualsiasi parvenza di privacy agli individui che, come in quell'avveniristico film con Jim Carrey, sembrano essere sorvegliati a vista, catalogati come merce e dati in pasto alle fauci del sistema economico. Questo è quanto viene cantato in Archives and Files.

In conclusione di quanto detto fin qui, urge sottolineare nuovamente il fatto che sia ben che palese che la musica degli Agathocles provenga di peso dai movimenti punk più estremizzati. In loro non incontriamo quei moti macabri e densi di sarcasmo che caratterizzano altre forme di grindcore. Ma del resto il loro mincecore segue proprio questa direzione: ampli a palla, distorsori saturi, rabbia e nervi scoperti. Tecnicismi? No, grazie, rivolgersi al prossimo sportello e addio.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2006
Displeased Records
Grindcore
Tracklist
1. Dethrone the Tyrant
2. Matadores Del Livertad
3. Maze of Papers
4. Empty Frame
5. War Fetisjists Kill
6. Carved Face Fashion
7. Forced to Masturbate
8. Ergos - Thanatos
9. Archives And Filed
10. Yuppie Career Freak
11. Diary of White Trash
12. Bass the Gabbers
13. Kurose
14. Expendable Goods
15. Class War Necessity
16. Logical Exodus
17. Misery = Destiny
18. Pricks At Gigs
19. Goredom - Boredom
20. Where It Belongs
21. Mincer
Line Up
Jan (Voce, basso)
Dirk (Chitarra, Voce)
Roel (Batteria)
 
RECENSIONI
68
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]