Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Destrage
The Chosen One
Demo

E.G.O
Everything Goes On
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

26/06/19
BLOODY HAMMERS
The Summoning

26/06/19
ROB MORATTI
Renaissance

26/06/19
H.E.A.T
Live at Sweden Rock Festival

27/06/19
ORDER OF THE EBON HAND
VII: The Chariot

28/06/19
ASHBRINGER
Absolution

28/06/19
VICTIMS
The Horse And Sparrow Theory

28/06/19
DREAMS IN FRAGMENTS
Reflections Of A Nightmare

28/06/19
DENIAL OF GOD
The Shapeless Mass

28/06/19
HOLY TIDE
Aquila

28/06/19
HE IS LEGEND
White Bat

CONCERTI

27/06/19
SLIPKNOT + AMON AMARTH + TESTAMENT + TRIVIUM + LACUNA COIL + ELUVEITIE + GUESTS TBA
ARENA PARCO NORD - BOLOGNA

27/06/19
ELUVEITIE
SONIC PARK - BOLOGNA

27/06/19
KADAVAR (GER) + THE OBSESSED + GUESTS TBA
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

29/06/19
GODS OF MEL
LOCALITA' PIAN DEL TORO - MEL (BL)

29/06/19
SABOTAGE
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FIRENZE)

29/06/19
STRANA OFFICINA + RANCHO BIZZARRO
PARCO FERRI - VAIANO (PO)

02/07/19
KISS
IPPODROMO SNAI SAN SIRO - MILANO

04/07/19
CROWBAR + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

05/07/19
ROCK THE CASTLE (day 1)
CASTELLO SCALIGERO - VILLAFRANCA (VR)

05/07/19
VOMITORY (CANCELLATO!)
FUCKSIA - ROMA

Rhapsody of Fire - Legendary Years
22/06/2017
( 4239 letture )
I Rhapsody of Fire sono certamente una delle band più importanti mai partorite dal nostro Paese: il loro power metal epico, evocativo ed in qualche modo “cinematografico”, che ha fatto coniare per loro la curiosa definizione di cinematic metal, ha fatto guadagnare loro molti consensi sia in Italia (dove per la verità non sono mai mancate anche critiche feroci), sia all'estero. Negli ultimi anni, tuttavia, i fan del gruppo non hanno avuto vita facile, giacché si sono dovuti districare prima fra Rhapsody of Fire e Luca Turilli's Rhapsody, progetto dell'ex chitarrista, per poi assistere all'ulteriore abbandono di Fabio Lione ed Alex Holzwarth, unitisi proprio a Luca Turilli per un discusso tour d'addio targato sempre Rhapsody. Confusi? Effettivamente questi ragazzi non hanno brillato per particolare chiarezza, benché almeno apparentemente i rapporti fra loro siano rimasti sempre più che cordiali.

A tal marasma si aggiunge ora anche questa raccolta della band madre che, a tutti gli effetti, porta ancora il glorioso nome dei Rhapsody of Fire, dopo il “rimpasto” costituito dagli ingressi del cantante Giacomo Voli e del batterista Manuel Lotter. Al di là di ciò che si può legittimamente pensare sulle mosse operate dai musicisti negli ultimi tempi, non si può non riconoscere ad Alex Staropoli ed ai suoi compagni di avventure la voglia di continuare sulla propria strada e di ripartire nonostante le importantissime defezioni, con qualcuno che li ha impietosamente definiti una cover band. Legendary Years, che contiene le ri-registrazioni di brani appartenenti alla Emerald Sword Saga, altro non è che un modo per ricominciare la corsa e per presentare ai fan la nuova line-up dei Rhapsody of Fire.
Nonostante operazioni del genere lascino spesso il tempo che trovano, Legendary Years è comunque una raccolta gradevole: innanzitutto, per ovvi motivi, la qualità del suono è in parecchi casi sensibilmente migliore rispetto ai brani originali; come detto, i pezzi ri-registrati provengono tutti dai primi cinque album del gruppo, all'epoca ancora denominato solamente Rhapsody e, come tali, sono per forza di cose più puliti rispetto alle loro controparti originali. Qualcuno potrà legittimamente obiettare che proprio questa minor pulizia costituiva parte del fascino originale delle canzoni e, tutto sommato, si tratta di una obiezione condivisibile, ma è altrettanto vero che una Dawn of Victory o una Emerald Sword in versione moderna offrono comunque molti spunti interessanti. Come è naturale, i riflettori sono puntati in particolare sul nuovo singer, Giacomo Voli, che ha l'ingrato compito di sostituire Fabio Lione, un vero e proprio pilastro del metal tricolore; la prestazione dell'ex concorrente di The Voice è eccellente e, benché si avverta un po' la mancanza del timbro e del pathos di Lione, possiamo sicuramente promuoverla; come detto non si trattava di una prova semplice ed il buon Giacomo, oltre ad una tecnica invidiabile, mette in mostra anche la chiara, giustissima voglia di non imitare il suo pur illustre predecessore. Il resto, naturalmente, è questione di gusti personali e di “feeling”. Semmai, in alcuni punti desta qualche perplessità la scelta della band di sommergere letteralmente la voce del proprio cantante sotto un'overdose di cori, sempre presenti ma fin troppo in primo piano nel prodotto conclusivo. Va meglio, infatti, sotto questo punto di vista, quando si ha la possibilità di ascoltare il solo Voli, come accade ad esempio in Legendary Tales o nelle strofe di Holy Thunderforce. Quanto al nuovo batterista, anche lui atteso al varco, Manuel Lotter si mostra a sua volta eccellente rimpiazzo di Alex Holzwarth. Anche la tracklist, che pesca in maniera tutto sommato uniforme dai cinque album (tranne per Symphony of Enchanted Lands, omaggiato con ben cinque estratti), è condivisibile e non mancherà di regalare momenti piacevoli agli ascoltatori.

Cosa manca, insomma, a Legendary Years? Un'operazione come questa, per sua stessa natura, lascia come detto un po' il tempo che trova: se la band ha tutte le ragioni per volersi lasciare il passato alle spalle e presentare la nuova line-up che (salvo ulteriori sorprese) porterà in giro per il mondo il nome dei Rhapsody of Fire negli anni a venire, è altrettanto vero che difficilmente le nuove versioni potranno sostituire nel cuore degli appassionati i pezzi originali. Quel feeling, quelle emozioni sono difficilmente ripetibili, a prescindere dalla bravura dei musicisti coinvolti e dalle ottime prove dei nuovi “acquisti”. Semplicemente, dunque, la raccolta va presa per quello che è: non v'è la volontà di “cancellare” il passato, ma di omaggiarlo per poi ripartire verso il futuro. In tal senso, la prova del nove sarà ovviamente costituita dal futuro album in studio e, a tal proposito, forse sarebbe stato meglio inserire in questa raccolta almeno un brano inedito, giusto per offrire qualcosa di nuovo ai propri disorientati fan.



VOTO RECENSORE
65
VOTO LETTORI
94.69 su 143 voti [ VOTA]
JC
Mercoledì 5 Luglio 2017, 15.41.30
24
Ottimo disco: trattasi di compilation dei pezzi che tutti vogliamo sentire dei Rhapsody in una versione (giustamente) forse fin troppo rispettosa dell'originale. Volo dimostra di essere un cantante tecnicamente molto dotato, a me non fa rimpiangere Lione (che é un talento purissimo ma che é anche molto migliorato negli anni). Non vedo l' ora di vederli a Borgo Priolo!
JC
Mercoledì 5 Luglio 2017, 15.41.29
23
Ottimo disco: trattasi di compilation dei pezzi che tutti vogliamo sentire dei Rhapsody in una versione (giustamente) forse fin troppo rispettosa dell'originale. Volo dimostra di essere un cantante tecnicamente molto dotato, a me non fa rimpiangere Lione (che é un talento purissimo ma che é anche molto migliorato negli anni). Non vedo l' ora di vederli a Borgo Priolo!
Le Marquis de Fremont
Lunedì 26 Giugno 2017, 13.38.59
22
Sono d'accordo con alcuni dei commenti qui sotto e sottolineo la buona recensione, soprattutto per lo sforzo di essersi mantenuta "neutra". Si tratta indubbiamente (come tutte le compilation) di una operazione commerciale. Staropoli vive di questo mestiere (lo sottolineava anche Sala nella sua intervista) e quindi produce prodotti da mettere sul mercato. Trovo invece di cattivo gusto mettere il nuovo cantante su brani vecchi (e stra-noti!) in una registrazione in studio. Il confronto con Lione è poco elegante e, vincente o perdente, poco rispettoso per entrambi. Sarebbe stato più giusto, utilizzare la sede live, magari con una "interpretazione" dei vecchi brani, da parte del nuovo gruppo e nuovo cantante. Quindi, operazione in fondo non positiva e un po' patetica. Salvo solo la bella copertina, molto suggestiva. Ma i "Legendary Years", appunto perché "legendary", non si possono ripetere. Au revoir.
lux chaos
Domenica 25 Giugno 2017, 13.40.06
21
Esatto @Tevildo75, vedremo penso proprio che in parte faranno un percorso di adattamento allo stile di Giacomo! Curiosità a palla
MH
Domenica 25 Giugno 2017, 12.16.00
20
Il gruppo più ridicolo della storia della musica... come se già non facesse abbastanza ridere avere 50 e passa anni ed ancora star lì a menarla con draghi, elfi, maghi e stocazzo... pure insistono ad andare avanti con questa farsa di 3 gruppi (che messi insieme, non ne fanno UNO serio), trovando i polli brufolosi e irreparabilmente nerd che sborsano pure soldi per le loro "opere". Ma dai, ma un minimo di decenza e buon gusto (a parte che aspettarselo da gente che si definisce Hollywood Metal...)
Tevildo75
Domenica 25 Giugno 2017, 11.58.02
19
@Lux, sono d'accordissimo con il paragone di Deris e va aggiunto che gli Helloween, hanno anche parzialmente adattato il loro stile sulla sua voce, resta da vedere se anche i Rhapsody faranno lo stesso
Silvia
Domenica 25 Giugno 2017, 0.20.15
18
@lux, non so come sia tecnicamente Giacomo Voli perche' l'ho sentito solo in questo confronto e in realta' non ho seguito il programma cui ha partecipato. Pero' si' Fabio e' un gigante incredibile, un cantante molto "naturale" e questa e' una delle cose che mi piace molto di lui. Secondo me non c'e' nessuno come lui (nel genere) che varia il registro cosi', perche' riesce a salire molto in alto ma a dare anche aggressivita' e calore ai toni medi/bassi. Non so se hai visto sul tubo i video del Farewell Tour... fantastico come interpreta i pezzi, mi ha sorpreso soprattutto Symphony of Enchanted Lands dove da' prova davvero di grande versatilita' . E poi vabbe' proprio mi piace il timbro (anche quando parla, hahaha!) al di la' delle elucubrazioni
lux chaos
Sabato 24 Giugno 2017, 22.43.50
17
Si @Silvia, concordo assolutamente sul discorso personalità, versatilità e timbro...Fabio è un gigante. Anche perchè penso che probabilmente dal punto di vista puramente tecnico di gestione della voce Giacomo sia superiore, ma Fabio è Fabio, una potenza disaarmante
Silvia
Sabato 24 Giugno 2017, 21.03.27
16
@lux chaos, esatto, il confronto con Deris nella stessa situazione calza a pennello! Anche se credo che la differenza fra Fabio e Voli non sia cosi' tanta, da un punto di vista puramente tecnico. Pero' la personalita' eh, la versatilita' di registro e il timbro sono cio' che rende Fabio unico e inimitabile, almeno x me. Quindi ribadisco che Voli deve costruirsi la sua personalita' e non impuntarsi nel confronto . In bocca al lupo, la potenzialita' c'e'
lux chaos
Sabato 24 Giugno 2017, 16.32.51
15
Si ha vinto @Rob! Detto questo, ottima recensione, misurata e chiara, per me condivisibile soprattutto nelle ultime righe! Per me la voce del bravo Voli non regge minimamente il confronto col gigante Fabione nazionale, quindi il disco risulta un po un autogol clamoroso come presentazione del nuovo cantante...un po come se per partire con Deris gli Helloween avesser riregistrato i pezzi di Kiske ...per me è no. Ma sono curioso di sentirlo, come hanno detto in tanti, su canzoni cucite su misura per lui....vedremo. Anche se la magia non sarà mai più la stessa senza Fabio...penso...spero di essere smentito
Silvia
Sabato 24 Giugno 2017, 15.37.02
14
Naturalmente sono quindi d'accordo con la chiusura della recensione e spero che Giacomo (su cui puntano gli occhi di tutti, aiuto! ) trovi la sua strada fuori dal confronto con Fabio
Silvia
Sabato 24 Giugno 2017, 15.30.33
13
Via Fabio, via Luca resta solo Alex. Non era meglio cambiare nome e progetto? Poi presentare il nuovo cantante sui pezzi del vecchio non lo trovo carino perche' porta subito ad un confronto impari, dato che il timbro e la versatilita' di Fabio sono inimitabili e sono nel cuore dei fans. Se Sala e' un accademico, un musicista e un ospite TV beh, chapeau
Rob Fleming
Sabato 24 Giugno 2017, 15.23.48
12
E ha pure vinto, mi pare.
lux chaos
Sabato 24 Giugno 2017, 13.18.03
11
La pupa e il secchione
Andy90
Sabato 24 Giugno 2017, 10.15.00
10
Rob Fleming che partecipazioni televisive ha fatto Alex Sala?
Rob Fleming
Sabato 24 Giugno 2017, 9.36.03
9
A pelle Giacomo Voli mi sta simpatico anche proprio per il suo passato "talent". Ecco perché non vorrei che per lui (e per Alessandro Sala che ha tutta la mia ammirazione per come è riuscito a coniugare studi accademici e studi musicali e partecipazioni televisive) finisse come per i Litfiba o i Genesis di Ray Wilson.
Salvo
Venerdì 23 Giugno 2017, 14.30.19
8
In genere per me dischi del genere sono inutili...ma ho voluto comunque dargli una possibilità visto che si tratta di uno dei miei gruppi preferiti. Niente da dire sull'esecuzione, ogni musicista ha svolto egregiamente il compito. Bravo anche il nuovo cantante. La produzione...preferisco quella originale. Globalmente, se ascolto i pezzi in quest'uscita l'emozione e il coinvolgimento stanno a zero. Tutto il contrario se rimmetto i cd originali. Questo per me é ció che conta. Disco inutile. Aspetto il nuovo lavoro.
Metal Shock
Venerdì 23 Giugno 2017, 0.28.37
7
Disco dall`utilita` pari a zero, un disco nuovo e` quel che ci vuole per presentare la nuova formazione, ma a meno di grisse sorprese una cosa si sa` gia`: i Rhapsody sono finiti.l
Cristiano Elros
Giovedì 22 Giugno 2017, 21.55.43
6
A me queste versioni nuove non suonano poi molto più pulite delle originali, anzi, mi sembra che le originali, seppure più vecchie, abbiano una produzione migliore.
Testamatta ride
Giovedì 22 Giugno 2017, 18.08.27
5
Naoto#4: ahahahahah ottimo commento
naoto
Giovedì 22 Giugno 2017, 17.23.08
4
Finalmente una recensione che non parla del recensore. Bravo.
Tevildo75
Giovedì 22 Giugno 2017, 15.21.32
3
Recensione assolutamente perfetta, voto compreso.
Barry
Giovedì 22 Giugno 2017, 15.09.12
2
Grazie per i complimenti e per la segnalazione
Tiradipiuunpelodifiken
Giovedì 22 Giugno 2017, 15.05.38
1
Bhe cosa aggiungere alle ultime 12 righe? Puro vangelo. Unica cosa è che per me la voce di Voli, pur bella, vale 100 volte meno di un Lione per potenza, espressività, colore, range...ed è troppo sottilina per il genere...cmq vedremo il futuro disco, vero banco di prova. Segnalo forse un piccolo errore di battitura su "lasciare il tempo che prova"...bella rece, semplice ed esaustiva
INFORMAZIONI
2017
AFM Records
Power/Symphonic
Tracklist
1. Dawn Of Victory
2. Knightrider Of Doom
3. Flames Of Revenge
4. Beyond The Gates Of Infinity
5. Land Of Immortals
6. Emerald Sword
7. Legendary Tales
8. Dargor, Shadowlord Of The Black Mountain
9. When Demons Awake
10. Wings Of Destiny
11. Riding The Winds Of Eternity
12. The Dark Tower Of Abyss
13. Holy Thunderforce
14. Rain Of A Thousand Flames
Line Up
Giacomo Voli (Voce)
Roberto De Micheli (Chitarra)
Alex Staropoli (Tastiere)
Alessandro Sala (Basso)
Manuel Lotter (Batteria)
 
RECENSIONI
65
76
66
77
81
50
s.v.
70
ARTICOLI
08/02/2019
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Alex Staropoli ci presenta il nuovo album
27/10/2017
Live Report
ORDEN OGAN + RHAPSODY OF FIRE + UNLEASH THE ARCHERS
New Age, Roncade (TV), 24/10/2017
04/08/2017
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + THEODASIA + FIST OF RAGE
Trieste Summer Rock Festival, Castel San Giusto (TS), 29/07/2017
16/06/2017
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Più vivi e vegeti che mai
14/12/2015
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Into the Legend!
03/05/2012
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Prima e dopo Luca Turilli
15/04/2012
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + KALEDON + BEJELIT
New Age, Roncade (TV), 14/04/2012
06/09/2011
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Fabio Lione ci parla della band
05/03/2011
Live Report
RHAPSODY OF FIRE + VISIONS OF ATLANTIS + VEXILLUM
Roma/Milano, Atlantico/Alcatraz, 26-28/02/2011
08/05/2010
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Il futuro dell'Hollywood Metal
14/09/2006
Intervista
RHAPSODY OF FIRE
Parla Alessandro Staropoli
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]