Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Hamferd
Támsins likam
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/18
APOPHYS
Devoratis

22/01/18
ROTHEADS
Sewer Fiends

23/01/18
ENEMYNSIDE
Dead Nation Army

25/01/18
VORACIOUS SCOURGE
Our Demise

26/01/18
REBELLION
A Tragedy In Steel Part II: Shakespeares King Lear

26/01/18
AN EVENING WITH KNIVES
Serrated

26/01/18
LABYRINTH
Return To Live

26/01/18
LIONE-CONTI
Lione-Conti

26/01/18
STRAY BULLETS
Shut Up

26/01/18
VICTORIUS
Dinosaur Warfare - Legend Of The Power Saurus

CONCERTI

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

21/01/18
ASTRAL FIRE + STINS
BIRRERIA HB - PISTOIA

23/01/18
ACCEPT + NIGHT DEMON + IN.SI.DIA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/01/18
LUNARSEA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/01/18
COMEBACK KID
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/01/18
COMEBACK KID
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/01/18
ELVENKING
ROCK TOWN - CORDENONS (PN)

27/01/18
DARK QUARTERER + IL SEGNO DEL COMANDO
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

27/01/18
HIEROPHANT
OBSCENE - MODENA

27/01/18
DAMNATION GALLERY + OVERWHELM
ANGELO AZZURRO - GENOVA

Running Death - DressAge
25/06/2017
( 653 letture )
I giovani Running Death, provenienti dalla difficilmente pronunciabile cittadina bavarese di Kaufbeuren, tornano a due anni di distanza dal debutto che li aveva fatti conoscere anche sulla lunga distanza in più ampia scala. Nonostante la copertina ed un monicker spigoloso in regola con l'immaginario thrash, i nostri partono da una base di metal classico di chiara derivazione ottantiana, risultando così per certi versi più vicini allo speed che al thrash vero e proprio. Sia ben chiaro, le sterzate verso accelerazioni e passaggi più graffianti non mancano, avvalendosi anche del buon lavoro dietro alle pelli di Jakob Weikmann, ma fin da subito la forte presenza di melodie ed armonizzazioni donano alle composizioni in generale un taglio peculiare rispetto ai soliti canoni thrash.

Passando al contenuto dell'album – che non tratta di disciplina equestre, a dispetto del titolo – le influenze heavy/speed emergono prepotentemente, tanto che il riff di apertura dell'iniziale Courageous Minds rimanda fin da subito a We Burn degli Helloween per poi svilupparsi in evidenti richiami maideniani; la voce, che rievoca vagamente Blaze Bayley, dà inoltre a tutta canzone la parvenza di uno scarto proveniente dalle sessioni di Virtual XI. Per quanto riguarda invece il versante più thrash, la principale ispirazione pare provenire in particolare dai Megadeth degli anni '90 (per intenderci: periodo Countdown to Extinction, Youthanasia e Cryptic Writings) come si evince specialmente da Delusive Silence, Duty of Beauty o dalla conclusiva Refuse to Kill, per citare le più palesi, nelle quali intere parti strumentali e non sembrano prese in prestito dai sopraccitati album. Sebbene la sezione ritmica e melodica si presenti in fin dei conti piuttosto omogenea e ben calibrata, ferma restando la forse troppo eccessiva imitazione dei modelli ispiratori di cui sopra, la vera nota dolente dell'intero lavoro risulta essere la voce sgraziata di Simon Bihlmayer, che scimmiotta ad alternanza il già citato Blaze Bayley (oltre che in Courageous Minds, nella lenta Safety Seconds) e Dave Mustaine, entrambi i quali non famosi di certo per una voce estremamente duttile. Da questo punto di vista la composizione più riuscita risulterebbe quindi Anthem of Madness, per il semplice fatto che si tratta di una strumentale, e che quindi non vi è il problema di dover sopportare la voce del cantante.

Probabilmente con un cantante da un'impostazione vocale diversa il disco prenderebbe una piega ben differente, nonostante la proposta risenta in parte anche della carenza di originalità, ma siccome il buon Bihlmayer è di fatto il leader fondatore del progetto, sarà ben difficile sperare in un cambiamento di vocalist. L'album confezionato non si presenta quindi brutto in toto, bensì fortemente intaccato da alcuni limiti compositivi (forse, ma non necessariamente, imputabili alla giovane età dei componenti) e soprattutto dalla voce, che inevitabilmente svaluta anche composizioni di egregia fattura.
Finché i Running Death avranno le ali tarpate dai difetti evidenziati, rimarranno a un livello di "vorrei ma non posso" oltremodo svilente, nonostante le qualità tecniche degli altri componenti non manchino affatto. Parafrasando una delle frasi più gettonate dai docenti: "i ragazzi hanno la potenzialità, ma non si applicano".



VOTO RECENSORE
58
VOTO LETTORI
76.33 su 3 voti [ VOTA]
LAMBRUSCORE
Martedì 27 Giugno 2017, 0.59.40
9
@Lizard, dovresti conoscere ormai le mie sparate, ahah
Mulo
Lunedì 26 Giugno 2017, 23.00.24
8
Rimandi ai Megadeth evidenti? Ottimo,me lo procuro
PaulThrash
Lunedì 26 Giugno 2017, 22.26.13
7
Un bell'album, rimandi ai Megadeth decisamente evidenti, ma brani ben strutturati e soprattutto suonati con tutti i crismi! La voce tende a stancare, vero, ma tutto sommato nell'insieme riesce quasi a passare in secondo piano... per me 70/100 tutto
jek
Lunedì 26 Giugno 2017, 20.33.52
6
Io mi trovo invece in linea con il recensore, poi magari musicalmente una sufficienza la do ma qua di tocco personale non c'è traccia e la voce per i miei gusti è inascoltabile.
Lizard
Lunedì 26 Giugno 2017, 20.27.46
5
@Lambruscore: da un lettore "anziano" come te certi commenti non li aspetto, dai... È un non argomento.
LAMBRUSCORE
Lunedì 26 Giugno 2017, 19.47.23
4
Non diventeranno tra i miei preferiti, ma almeno la sufficienza la meritano, meglio far recensire il genere a chi l'ha vissuto, non ai ragazzini, dai...
Undercover
Lunedì 26 Giugno 2017, 18.44.44
3
Ma non erano tre i commenti? Uno è stato rimosso? Mah... comunque io mi accodo a rik bay area thrash, non l'ho trovato così brutto, derivativo sì, vocalmente non perfetto pure, ma comunque non insufficiente, diciamo poco più che sufficiente, da 65-67
rik bay area thrash
Lunedì 26 Giugno 2017, 8.58.38
2
Saranno anche derivativi, e molto probabilmente è proprio ciò che vogliono essere, però non si può dire che non sappiano suonare. I riferimenti ai megadeth sono evidenti, e anche a certo speed metal ottantiano americano. La produzione non è plasticosa e la batteria suona 'quasi' vera. Il singer non avrà una grande estensione vocale, per qualcuno potrà essere monocorde, ma non inficia il prodotto finale. Una volta entrati nel 'mood' del disco, questo si fa apprezzare.Tutti quelli che cercano innovazione ( in ambito thrash) stiano alla larga da questo disco. Chi invece vuol fare un viaggio nei bellissimi anni 80 in pieno bay area style ci faccia un pensierino. (Imho).
Riccardo
Domenica 25 Giugno 2017, 23.32.58
1
La Punishment sta prendendo una bruttissima china... peccato
INFORMAZIONI
2017
Punishment 18 Records
Thrash
Tracklist
1. Courageous Minds
2. Dressage
3. Delusive Silence
4. Heroes of the Hour
5. Duty of Beauty
6. Numbers
7. Beneath the Surface
8. Anthem of Madness
9. Safety Second
10. Refuse to Kill
Line Up
Simon Bihlmayer (Voce, Chitarra)
Daniel Baar (Chitarra)
Andrej Ramich (Basso)
Jakob Weikmann (Batteria)
 
RECENSIONI
ARTICOLI
21/06/2017
Live Report
RUNNING DEATH + SWEEPING DEATH + LES LIBETH
Padiglione 14, Collegno (TO), 16/06/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]