Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
LIVEKILL
Turned To Grey

28/09/18
RIVERSIDE
Wasteland

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
ANAAL NATHRAKH
A New Kind Of Horror

28/09/18
EVILON
Leviathan

28/09/18
NECRONOMICON (GER)
Unleashed Bastards

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Secret Sphere - The Nature of Time
26/06/2017
( 2092 letture )
È un discorso che abbiamo già affrontato spesso, anche in tempi recenti. Quando si ha a che fare con un genere ampiamente codificato come il power/prog, per produrre un buon lavoro si hanno generalmente solo due scelte. Tentare di battere strade nuove, inserendo elementi inconsueti in un tessuto musicale che difficilmente ne accetta, o puntare sulla professionalizzazione estrema dei diversi aspetti riguardanti la produzione di un nuovo album, nobilitando il tutto con la classe, ove posseduta. La prima strada è percorsa davvero da pochi e con risultati spesso criticabili, la seconda è quella scelta da tempo dai Secret Sphere. Dopo l’inserimento di Michele Luppi, ormai avvenuto da tempo, e le ultime uscite che avevano riguardato la riedizione di A Time Never Come ed il live One Night in Tokio, serviva un nuovo album che dimostrasse le reali potenzialità di questo gruppo, principalmente legate alla capacità di presentare un lavoro curato sotto ogni aspetto, che imponesse la band in modo definitivo ed indiscutibile. Eppure, anche nel quadro di una scrittura non certo d’avanguardia, nel loro nuovo CD si ravvisa anche l’inserimento di elementi relativamente inconsueti.

The Nature of Time colpisce innanzitutto proprio per la professionalità che contraddistingue ogni aspetto legato alla sua edizione, a partire dalla copertina, la cui resa deve essere valutata in relazione al concept narrato. L’album si basa su una vicenda personale vissuta da Aldo Lonobile, riguardante una giovanissima ragazza entrata in uno stato di coma profondo a seguito di un incidente. Partendo da questo spunto iniziale, i Secret Sphere affrontano il tema del ritorno alla vita, con la ragazza che passa dallo stato vegetativo al recupero vivendo un viaggio interiore di rinascita, implementando nel concept stesso l’analisi di sette sentimenti la cui considerazione viene spesso relegata sullo sfondo della quotidianità. Il tutto con uno sguardo all’impatto che la vicenda può avere sulle persone che circondano l’interessata, arrivando alla fine a capire il significato di certi aspetti dell’esistenza attraverso il risveglio finale e un nuovo inizio. Una ricerca del sé e dell’impatto che ognuno di noi può avere sulle esistenze altrui. Ogni singolo brano ed ogni intermezzo che lega il tutto deve quindi essere considerato sotto questa luce. Ciò sia nel rapporto musica/testi/interpretazione, che nelle scelte produttive. Se le musiche sono da ascrivere a Lonobile, il quale le ha composte come tracce strumentali concepite come stati d’animo in note, è Michele Luppi ad essersi occupato delle liriche e delle melodie vocali, inserendosi credibilmente all’interno di una vicenda che era ben conosciuta da tutti i membri dei Secret Sphere ed assumendosi il ruolo di tradurre i sentimenti di Lonobile. Il tutto con l’unica eccezione di Honesty, firmata dal solo Luppi e ferma restando la maggiore collaborazione generale nella costruzione del prodotto finale rispetto al disco precedente. Anche Simone Mularoni, poi, ha messo il suo zampino. Dato che lo abbiamo appena citato, la sua produzione “multistrato” è da valutare ancora una volta come eccellente, se inquadrata all’interno della necessità di chiarezza ed intimità del tema affrontato. Ciò anche in riferimento alla gestione delle ampie digressioni prog ed a quella delle orchestrazioni, inserite in modo oculato. Queste ultime avrebbero reso molto di più se eseguite da una orchestra vera e propria, ma qui entriamo in un discorso prettamente economico che lascia il tempo che trova. Infine, anche l’assenza di Pastorino non si sente più di tanto, dato che Lonobile compone da tempo pensando i brani direttamente per una sola chitarra. Passando all’ascolto, i vari brani devono essere valutati in funzione della profondità interiore del concept ed il cambiamento stilistico (non rivoluzionario, ma percepibile) che porta il gruppo verso lidi più vari, con l’inserimento di un tappeto progressive a volte evidente, va inquadrato sotto questa luce. Se consideriamo un maggiore tasso di melodia, unitamente agli inserti prog ed ai tipici arrangiamenti vocali AOR-oriented di Luppi (Kindness ha un sapore praticamente pop, anche per quelle chitarre sature di delay), ne traiamo un quadro generale riguardante un album mediamente meno aggressivo, ma più maturo e personale. A proposito di varietà, da segnalare gli accenti funky-jazz di Commitment, a testimoniare la costruzione di un prodotto che rispecchia sia una serie di stati d’animo privati, che la voglia di esprimere in pubblico i propri gusti, talvolta molto lontani dal metal in quanto tale, ma assolutamente rispettabili. Molto sentiti, infine, gli assoli di chitarra ed inappuntabili le prove dei musicisti non espressamente citati.

The Nature of Time non è un disco perfetto. A tratti è prevedibile, con arrangiamenti che seguono progressioni regolari sconfinando addirittura nel manieristico ma che, semplicemente, sono quelli che ci vogliono. La prestazione di Luppi, poi, è assolutamente “luppiana”, se così si può dire. Priva di sorprese, se volete, ma solo perché siamo poco abituati a valutare come si deve chi fa le cose esattamente come vanno fatte; anche a scapito della spettacolarità. La sua tipica interpretazione molto regolare, con la gestione perfetta dello strumento-voce sempre in primo piano, con le tipiche sovraincisioni nei suoi cori e l’esclusione preventiva di eccessi magari incisivi, ma non adeguati al mood di questo CD, lo fanno risultare a tratti apparentemente poco emozionale per un disco prettamente power metal. Ma è proprio questo il punto: questo non è un disco power. O almeno, non solo. La necessità di veicolare un sentire interiore, una serie di stati d’animo e la scelta di lasciar fluire la musica così come è sgorgata dalla penna di chiunque sia intervenuto nella scrittura, esige infatti una chiarezza espositiva ed un rispetto di ogni singola nota che può essere compreso solo valutando il pacchetto The Nature of Time nella sua interezza. Dalla fase di prima gestazione dell’idea base alla visione del CD sullo scaffale dei negozi. E l'opera non sorprende quasi mai per l’originalità delle soluzioni adottate -il lavoro di produzione è comunque molto più massiccio di ciò che appare- bensì per l’assoluta naturalezza dello scorrere dei pezzi. The Calling, Faith, Courage e tutte le altre canzoni sono semplicemente come devono essere. Scorrevoli, fluide, a volte leggere ed a volte massicce nei riff. Più spesso intime, quasi private, ma ingiudicabili come singole entità in quanto tessere di un puzzle da considerare solo nel suo complesso, intermezzi compresi. Disco da assimilare lentamente e dopo decine di ascolti per apprezzarne le sfumature e l’intenzione, The Nature of Time è un album forse poco power in senso stretto, per certi versi poco Secret Sphere, ma assolutamente eccellente; e forse proprio per queste ragioni.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
59.22 su 18 voti [ VOTA]
lux chaos
Domenica 6 Agosto 2017, 23.22.11
30
Grande @vincenzo 60, tu si che ne capisci di musica, anche per me cd dell'ano
vincenzo 60
Domenica 6 Agosto 2017, 23.20.04
29
sono daccordo con rush cd capolavoro per me è un bel 100 dico aaquelli che anno dato voto 63 e tarzan e a quello che a detto che e cd noioso ecc eccche non capiscono un cazzo di musica cd dellanno
Rush 1981
Martedì 25 Luglio 2017, 16.24.49
28
Quanto è bella la recensione di raven .... concordo pienanente.... ma il voto ...dopo un mese di ascolti pure 90.. 😉 disco perfetto...dove tutto scorre divinamente .. dove tutto è al posto giusto !!! Capolavoro...
enrico86
Giovedì 6 Luglio 2017, 14.05.02
27
concordo pienamente con te JC
JC
Mercoledì 5 Luglio 2017, 15.51.23
26
Per carità, va bene tutto, ma il disco é perfetto come sound e composizione e Luppi canta in modo celestiale. Premesso ciò, il disco può non piacere o non smuovere nulla a livello emotivo, ma la qualità é oggettivamente alta.
Le Marquis de Fremont
Lunedì 3 Luglio 2017, 17.23.53
25
Non mi ha per niente preso. Forse troppo "plasticato" nella perfezione che hanno voluto metterci ma anche i brani sono deboli. Forse Kindness si eleva un po' sopra il resto. Non sono quelli dei primi album. Tra l'altro, in un'altra recensione si parla dei Sólstafir che si sono fatti più easy. Well, se paragoniamo i due album, dal punto di vista del songwriting e della intensità dei brani, la differenza è enorme. A questi Secret Sphere, manca indubbiamente la capacità di fare brani incisivi. Ho paura che le idee e l'ispirazione si siano annacquati. Au revoir.
Radamanthis
Domenica 2 Luglio 2017, 23.57.29
24
L'ho ascoltato anche io oggi e devo dire che quoto lux. Peccato perché ci contavo su sto disco. Musicalmente bello e vocalmente superbo, Luppi è sempre mostruoso ma qui mancano in generale di quella marcia in piu che fa alzare l'asticella. La sufficienza la prende, tanto mestiere e tanta classe ma al servizio di poco sto giro. Mi aspettavo di piu. Voto 63
bregor
Domenica 2 Luglio 2017, 22.55.11
23
Pienamente d'accordo con Lux Chaos...Dopo A Time Nevercome solo una lenta parabola discendente...
lux chaos
Sabato 1 Luglio 2017, 15.23.01
22
Risentito tutto oggi pomeriggio....niente da fare, per me rimane ai limiti dell'ascoltabile, ad un certo punto mi prende il nervoso da tanto è piatto e prevedibile...peccato, per me è un no gigante come una casa
HeroOfSand_14
Giovedì 29 Giugno 2017, 20.19.01
21
Per me è un signor disco, veramente di classe e, in molti punti, ricercato. Capisco come sempre comunque le (possibili) critiche alle linee vocali di Luppi, è vero che in alcune parti risultano già sentite, ma in questo contesto, analizzando il disco per intero come concept, funzionano. Per il resto, disco molto soft, leggero ma complesso, articolato bene e con una bella storia. Luppi ottimo ma lo preferisco ancora di più quando canta pulito (come nei VD), da qualche anno ormai le note alte le sporca e per mio gusto personale avrei preferito più parti "pulite". Comunque, come dice bene Raven, ci sta che non faccia cose fuori dal normale considerando la musica del disco e la storia: infatti, non si sentono acuti spaccatimpani o saliscendi particolari, lui canta (ovviamente benissimo) come sa fare ed emoziona in molte parti. Kindness è uno degli apici, brano quasi pop di grande impatto che, come ho letto in qualche intervista, potrebbe sfondare come Lie To Me. Courage e la closer sono di ottima presa, e The Calling, vista nell'insieme dell'album, assume molto più valore che come singolo. Ah, sezione ritmica fenomenale: ascoltare il brano strumentale per capire: unico musicista limitato forse è Lazzarini, che lo trovo spettacolare nelle parti tirate, ma qui ce ne sono poche. Infine, capisco anche le critiche alla produzione con la voce in primo piano, ma bisogna capire la band: Luppi è un cavallo di razza e con il talento che ha trovo che sia corretto valorizzarlo se possibile. Certo, in questo disco penso anche io che a volte il divario di volume è fin troppo evidente..
Raven
Giovedì 29 Giugno 2017, 20.10.10
20
Una curiosità senza vena polemica? La hai osservata qui o trai la tua opinione dopo averla vista altrove?
Tarzan
Giovedì 29 Giugno 2017, 20.06.45
19
Copertina davvero pessima, il disco dopo vari ascolti non mi dice nulla, per carità, lavoro super professionale, ma la sostanza lascia a desiderare.
Fabio
Mercoledì 28 Giugno 2017, 17.58.50
18
Non è un capolavoro ma mi piace , voto 80 , soddisfatto di aver comprato il cd.......supportiamo le bands Italiane che meritano.......
Sandro70
Mercoledì 28 Giugno 2017, 8.58.07
17
Il mio album preferito dei secret sphere è il debutto mistress of shadowlight. Conteneva dei veri gioiellini di epic power metal.
Tiradipiuunpelodifiken
Mercoledì 28 Giugno 2017, 8.56.27
16
Mamma che fatica arrivare alla fine di sto disco...Luppi è veramente come il sesso tra una coppia sposata da 50 anni....NOIOSO!!!!! Sempre tutto uguale, strofe uguali, melodie uguali, ritornelli uguali...che piattume!!!! peccato...
Sandro70
Mercoledì 28 Giugno 2017, 8.54.03
15
B
Rush 1981
Martedì 27 Giugno 2017, 23.02.21
14
Quanta severità ..a par mio album molto bello... 80!!!
draKe
Martedì 27 Giugno 2017, 20.34.51
13
personalmente, al di là del genere proposto che non riesce più a colpirmi da alcuni lustri, trovo esageratamente sbilanciato il rapporto tra voce e strumenti, come già detto da Gokronikos, al punto tale da skippare senza pensarci due volte l'intero album a favore di qualcos'altro...non capisco il senso di questa scelta...
lux chaos
Martedì 27 Giugno 2017, 18.20.37
12
Concordo con Invictusteele, di loro apprezzo il capolavoro A time nener come, ma poi stop...da quando è arrivato Luppi inoltre hanno smesso di piacermi definitivamente, questo forse è ancora più noioso del precedente, tutto formalmente perfetto, ma manca la scintilla, la cazzimma, l'ispirazione vera, il piattume regna totale e la scelta di alcuni ritornelli mi risulta addirittura irritante nella riproposizione delle solite cazzo di melodie "Luppiane"...basta!!!...cmq sia onore come al solito alla rece di Raven, ben fatta e seria, ma anche per me è 59
InvictuSteele
Martedì 27 Giugno 2017, 17.55.57
11
@D. quello anche per me è un ottimo album... parlo dell'originale con l'altro vocalist
D.
Martedì 27 Giugno 2017, 17.06.16
10
@InvictuSteele beh per me A Time never come è un grande album, poi sono gusti...
InvictuSteele
Martedì 27 Giugno 2017, 16.40.45
9
Band che non mi ha mai detto nulla... è esatto come scrive qualcuno che, specie in un genere così inflazionato, o hai la scintilla oppure risulti piatto. A me questa band è sempre sembrata di un piattume totale. Mi spiace demolire una band, italiana tra l'altro, ma mentre in altre band simili, tipo Labyrinth, ho colto un grosso potenziale sin dall'inizio, anche se poi sono solo due i dischi che mi hanno conquistato, qui vedo poca roba.
entropy
Martedì 27 Giugno 2017, 14.02.31
8
sottoscrivo la recensione, solo che devo ammettere che la prestazione "luppiana" ,che nei vision divine e nel precedente album avevo amato, mi comincia un po' a venire a noia(nel senso che è si elegante, ma troppo "spotenziante" ). è vero che il disco richiede molti ascolti e nel tempo acquisisce maggior spessore, ma è anche vero che non sempre mi viene voglia di premere il tasto play.
Cure
Martedì 27 Giugno 2017, 13.41.57
7
La verita' e' che come per altri generi metal o piu' in generale per la musica tutta, o si hanno colpi di genio ( sentire ultimo Solstafir ) se parliamo di produzioni recenti, opure e' veramente calma piatta... Si sa, a volte e' meglio non rischiare e affrontare il mare calmo che provare ad osare con il rischio di ritrovarsi nella tempesta Album appena sufficiente e niente piu' 60, anzi 59!!
D.
Martedì 27 Giugno 2017, 13.28.20
6
Ascoltato un po' distrattamente, ma non mi ha detto granchè. Tutto ben fatto, ma non mi ha coinvolto.
enrico86
Martedì 27 Giugno 2017, 12.59.36
5
sicuramente la band ha voluto puntare sul sicuro a livello stilistico, quindi non ci sono rosse innovazioni. Pero mi è piaciuto molto. confermo il voto della recensione
Raven
Martedì 27 Giugno 2017, 10.53.40
4
La produzione è quella pianificata. Ovviamente poi può piacere o meno al pubblico, ma non è approssimativa, è quella che la band ha deciso di avere.
Gokronikos
Martedì 27 Giugno 2017, 10.24.51
3
Il disco è molto carino, anche se un po' prevedibile, quello che proprio non ho digerito è la produzione, voce e cori troppo alti, pare la produzione di un disco di Laura Pausini, e peggio ancora, chitarre e batteria troppo basse! Nei ritornelli più decisi la chitarra si sente a stento, peccato!
Raven
Martedì 27 Giugno 2017, 8.59.13
2
Tralasciamo che sia solo la tua opinione, peraltro non supportata da alcuna spiegazione e che non vedo perché accostare i due dischi. Il resto del tuo ragionamento è totalmente arbitrario e inoltre non hai letto bene. C'è scritto DECINE di ascolti, non UNA DECINA. Del nome che portano non mi può interessare meno, come per tutti i gruppi dei quali scrivo e da ultimo un consiglio: i commenti da fan danneggiano i gruppi che si vogliono difendere, specialmente se completamente avulsi dal contesto. A proposito, perché 59 e non 60?
KTM
Martedì 27 Giugno 2017, 8.45.24
1
Ok, tralasciamo il fatto che l'ultimo labyrinth sia di gran lunga superiore, ma perchè 79 e non 80? e poi , una decina di ascolti: vuol dire che sto disco proprio non ti è piaciuto, e che non lo hai voluto "criticare" per via del nome che portano. IIl mio voto? 60........anzi....59
INFORMAZIONI
2017
Frontiers Records
Power/Prog
Tracklist
Chapter I - Genesis
1. Intermission
Chapter II - The Seven Virtues
2. The Calling
3. Love
4. Courage
5. Kindness
6. Honesty
7. Faith
8. Reliance
9. Commitment
Chapter III - The New Dawn
10. The Awakening
Chapter IV - The Way
11. The New Beginning
Line Up
Michele Luppi (Voce)
Aldo Lonobile (Chitarre)
Gabriele Ciaccia (Tastiere)
Andrea Buratto (Basso)
Marco Lazzarini (Batteria)
 
RECENSIONI
80
79
85
86
65
83
77
90
ARTICOLI
13/04/2017
Live Report
SECRET SPHERE + DGM + TRICK OR TREAT + SKELETOON
The Triumvirate Tour - Officine Sonore, Vercelli - 08/04/2017
29/11/2016
Intervista
SECRET SPHERE
Ritratto dal Sol Levante
26/02/2015
Intervista
SECRET SPHERE
Intervista alla band italiana
17/04/2012
Intervista
SECRET SPHERE
Prima e dopo Roberto Messina
02/12/2010
Live Report
ELVENKING + SECRET SPHERE + ALL MY FAITH LOST
Deposito Giordani, Pordenone, 27/11/2010
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]