Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Summoning
With Doom We Come
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/01/18
FACELESS BURIAL
Grotesque Miscreation

19/01/18
ARKONA
Khram

19/01/18
UNSHINE
Astrala

19/01/18
RISE OF AVERNUS
Eigengrau

19/01/18
VERHEERER
Maltrér

19/01/18
WALKING PAPERS
WP2

19/01/18
DEATHLESS LEGACY
Rituals of Black Magic

19/01/18
SONIC PROPHECY
Savage Gods

19/01/18
XENOSIS
Devour and Birth

19/01/18
PERFECT BEINGS
Vier

CONCERTI

17/01/18
ARCH ENEMY + WINTERSUN + TRIBULATION + JINJER
ALCATRAZ - MILANO

17/01/18
KREATOR + VADER + DAGOBA
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/01/18
BANCO DEL MUTUO SOCCORSO + HAMNESIA + LA STANZA DI IRIS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

20/01/18
FATES WARNING + METHODICA
LEGEND CLUB - MILANO

20/01/18
VEXOVOID + EXPLORER + SHENANIGANS
CASEIFICIO LA ROSA - POVIGLIO (RE)

20/01/18
AMRAAM + A TASTE OF FEAR + TRACTORS
ALVARADO STREET - ROMA

20/01/18
SAIL AWAY + GUESTS
PADIGLIONE 14 - COLLEGNO (TO)

20/01/18
RAW POWER + TRUTH STARTS IN LIES
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

20/01/18
ALEA JACTA + METHEDRAS + CRUENTATOR
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

21/01/18
FATES WARNING + METHODICA
ORION - CIAMPINO (RM)

Municipal Waste - Slime and Punishment
27/06/2017
( 1107 letture )
I Municipal Waste sono oggi una realtà affermata. La band statunitense, formatasi nell’ormai lontano 2001, gode di un diffuso seguito, concretizzato attorno ad un’offerta musicale consolidata ed ampiamente rodata. I ragazzi di Richmond sono una di quelle classiche band – pensate a Sodom o Agnostic Front ad esempio – il cui giudizio oscilla tra due estremi: chi ne loda la coerenza da un lato e chi le accusa di piattezza musicale e compositiva dall’altro. Onde evitare la spinosa questione, basti dire che l’album qui recensito va inserito in un contesto preciso, quello appunto dei Municipal Waste. L’ascolto di Slime and Punishment non riserva infatti grandi sorprese stilistiche. La qualità del lavoro è beninteso tutt’altra faccenda.

L’album in questione, il primo che vede il nuovo chitarrista Nick Poulos al fianco di Ryan Waste, succede a The Fatal Feast, uscito ben cinque anni fa. Un periodo lungo, considerando la frequenza media mantenuta della band in passato. Se conoscete un minimo i Municipal Waste, non vi sarà difficile intuire il contenuto dell’ultimo nato: thrashcore, tiratissimo ed agguerrito. Slime and Punishment – titolo d’improbabile dostoevskijana memoria – è composto da una quindicina di assalti sonori, cui nessuno supera la soglia dei tre minuti di durata. Pur così brevi, i brani si presentano strutturalmente articolati e ricchi di cambi di tempo. Generalmente molto veloci, le canzoni sono spesso e volentieri spezzate da momenti cadenzati e tritaossa. L’impostazione massicciamente thrash metal dei brani, riscontrabile soprattutto nei riff e nella tecnica utilizzata, è largamente contaminata dall’hardcore punk: ne sono prova la diffusa presenza di cori e gang vocals, ma anche la durata esigua delle canzoni e la loro velocità ed immediatezza. Il suono generale è irruento e – come il genere vuole – volutamente becero, benché inframezzato qua e là da finezze tecniche e musicali. Ne è un esempio la sorprendente Under the Waste Command, breve perla strumentale dove emergono, oltre alle solite influenze thrash e HC, anche delle reminiscenze heavy metal – in certi passaggi sembra addirittura di sentire i primi Iron Maiden.
La prova dei musicisti è maiuscola, specialmente per quello che riguarda la sezione ritmica. La voce del singer Tony Foresta è sguaiata e declamata, prossima in certi punti a quella di Tom Araya. La produzione dinamizza e dopa il suono dell’album, nel quale ogni strumento è valorizzato e trova il giusto spazio. L’ottima resa sonora contribuisce a fare di Slime and Punishment un lavoro compatto e – possibilmente – ancora più violento dei predecessori. La compattezza dell’album, combinata con la sua esigua durata, lo rende un prodotto da assimilare per intero. Risulta per questo difficile indicare dei brani specifici, anche perché il livello si mantiene generalmente omogeneo. Particolarmente riuscite, a causa della perfetta unione tra thrash e HC, sono Excessive Celebration ed Enjoy the Night.

Slime and Punishment si colloca quindi comodamente nella traiettoria discografica dei cinque di Richmond, con forse la sola differenza che l’ultimo nato si scosta leggermente dalle tematiche gore e demenziali dei precedenti capitoli discografici. Per concludere, si tratta di un lavoro nel quale il consolidato thrashcore targato Municipal Waste è particolarmente ben riuscito e brilla per irruenza ed aggressività. Senza inventare nulla, la band riesce a rendere fresco un genere ad alto rischio di stagnazione. Questo è quanto di meglio i Municipal Waste hanno da offrire: chi li conosce e li apprezza non rimarrà deluso, per tutti gli altri si tratta comunque di un discreto pugno sui denti.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
82.5 su 4 voti [ VOTA]
Mulo
Mercoledì 26 Luglio 2017, 13.59.48
7
Noia totale,non c'è un pezzo che si ricordi e faccia venire voglia di rimetterlo a fine ascolto. Non basta tupa-tupa e riff stoppati,senza canzoni valide serve a nulla tutto ciò (vale x il 99% delle band "nei thrash").
lisablack
Sabato 8 Luglio 2017, 21.31.13
6
Mi piace molto, mi è arrivato oggi finalmente, album molto immediato, veloce, forse solo 28 minuti son pochi..ma non importa, thrash come è sempre piaciuto a me..ehi Rik te lo consiglio!
D A X
Giovedì 6 Luglio 2017, 13.57.25
5
@jeffwaters Io invece ci esco matto per Massive! Penso sia il mio preferito loro giusto sotto i primi demo, Waste 'em All e Hazardous!
jeffwaters
Mercoledì 5 Luglio 2017, 18.57.39
4
Gran album, lo reputo inferiore solo a the art of partying, che tra l'altro non è nemmeno recensito, e ne prende anche molti spunti...grandi MW e grande Tony Foresta...mitico...p.s io reputo un bel disco anche Fatal Feast, il meno entusiasmante del lotto, per me, è Massive Aggressive
D A X
Mercoledì 28 Giugno 2017, 14.07.58
3
Finalmente un disco con gli attributi, di molto superiore allo scialbo 'Fatal Feast'. Ovviamente è un mio parere Sembra un ritorno alle origini!
FABRYZ
Martedì 27 Giugno 2017, 18.11.58
2
Ottimo disco... hanno recuperato l'immediatezza degli esordi, soprattutto di hazardous mutation, miscelandola con l'impatto thrash dei cd successivi...grande ritorno x il crossover thrash...ora aspetto con curiosita' le nuove uscite di 2 gruppi della new school che mi esaltano: i dr. living dead e i siberian meat grinder..se si riconfermeranno alla grande, insieme a quest'ultimo dei municipal, il 2017 si prospetta una grande annata x il crossover thrash
lisablack
Martedì 27 Giugno 2017, 13.00.49
1
Purtroppo non mi è ancora arrivato..comunque avendo letto la recensione, penso che mi piacerà senz'altro!
INFORMAZIONI
2017
Nuclear Blast
Thrash Core
Tracklist
1. Breathe Grease
2. Enjoy the Night
3. Dingy Situations
4. Shrednecks
5. Poison the Preacher
6. Bourbon Discipline
7. Parole Violators
8. Slime and Punishment
9. Amateur Sketch
10. Excessive Celebration
11. Low Tolerance
12. Under the Waste Command
13. Death Proof
14. Think Fast
Line Up
Tony Foresta (Voce)
Ryan Waste (Chitarra)
Nick Poulos (Chitarra)
Land Phil (Basso)
Dave Witte (Batteria)
 
RECENSIONI
65
80
ARTICOLI
23/06/2017
Intervista
MUNICIPAL WASTE
Speed metal punk!
05/07/2016
Live Report
MUNICIPAL WASTE + CRIPPLE BASTARDS + GAME OVER
Circolo Magnolia, Milano, 29/06/2016
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]