Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ghost
Prequelle
Demo

SpellBlast
Of Gold and Guns
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/06/18
HAENESY
Katrusza

22/06/18
MARTYR LUCIFER
Gazing at the Flocks

22/06/18
HAKEN
L-1VE

22/06/18
WOLFEN RELOADED
Chaiging Time

22/06/18
KHEMMIS
Desolation

22/06/18
ARSTIDIR
Nivalis

22/06/18
THE HERETIC ORDER
Evil Rising

22/06/18
GAEREA
Unsettling Whispers

22/06/18
THE SEA WITHIN
The Sea Within

22/06/18
IMPENDING ROOM
The Sin And Doom Vol. II

CONCERTI

19/06/18
MARILYN MANSON + GUEST TBA
IPPODROMO SAN SIRO - MILANO

19/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ORION - ROMA

19/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
ZONA ROVERI - BOLOGNA

20/06/18
MESHUGGAH + DESTRAGE
ESTRAGON - BOLOGNA

20/06/18
UNDEROATH + CROSSFAITH
MAGAZZINI GENERALI - MILANO

21/06/18
ANAL VOMIT + FINGERNAILS + ASPHALTATOR
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/06/18
PEARL JAM
I-DAYS FESTIVAL - RHO (MI)

22/06/18
ANAL VOMIT + LECTERN + GUEST
CIRCUS - SCANDICCI (FI)

22/06/18
17 CRASH + LET ME KILL THE MISTER + STINS
EXENZIA - PRATO

23/06/18
ANAL VOMIT + DAEMUSINEM + LECTERN
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

Cephalic Carnage - Lucid Interval
( 4873 letture )
Ammazza che supergruppo esagerato questo!

La Relapse di questi tempi è proprio ciò che cercavo: una label attenta, capace e con un rooster da far paura alla Nuclear Blast! Eh sì, perchè gruppi come Origin, Dillinger Escape Plan, Nile, Suffocation, Dying Fetus, Mortician, Skinless e anche questi Cephalic Carnage chi li tira fuori se non la Relapse? Il gruppo in questione è fautore di un avant-grind bellissimo, psicotico, affascinante e brutale, con degli spunti jazz veramente notevoli e con una tecnica generale elevatissima. Il batterista John è un mostro, capace di assalti al limite del brutale ma anche di azzeccatissime basi jazz, come all'inizio di Arsonist Saviour, ultima traccia e, secondo me, anche la migliore del lotto. L'accoppiata Zak-Steve alle chitarre è fenomenale quanto fresca e originale, i riff che creano sono pazzeschi, un misto di melodia, atonalità, gran padronanza di tutti i generi. Difatti in Black Metal Sabbath ci sono frequenti dosi di riff neri, in altre canzoni puoi sentire del death come del jazz, o ancora hardcore o thrash... il tutto condito da una vena psicotica invidiabile! Le highlights di questo disco sono sicuramente la title track e Arsonist Saviour, la prima è pazza, terribilmente fuori dai canoni e terribilmente accattivante, potente e chirurgica! La seconda è la più completa, infatti qui si può ascoltare tutta la vena creativa, tutto il genio e le influenze di questa grandiosa band! Uno stacco jazz, sfuriate grindcore-brutal, per poi arrivare al terzo minuto in cui un basso dal sapore molto carcassiano a la Symphonies Of Sickness ci introduce ad un botto che più death metal di così non si può, e qui i nostri prendono in prestito sonorità e riff tipiche degli Obituary per tornare ancora ad un sano gnd con riff monumentali! Un particolare abbastanza interessante è la presenza di una hidden-track, una traccia nascosta che viene dopo Arsonist Saviour, per dire la verità però è un pò troppo prolissa e ridondante, si tratta comunque di puro jazz! Alla fine reputo questo un grandissimo album, sono sicuro che il loro sound darà una svolta esponenziale al mondo del death metal ampliandone -e di parecchio- i confini!

Grandi Cephalic Carnage!



VOTO RECENSORE
85
VOTO LETTORI
38.41 su 48 voti [ VOTA]
spin
Giovedì 18 Agosto 2011, 16.02.49
2
disco che mi lascia senza parole fap*fap*fap*fap
He_Who_Sleeps
Mercoledì 30 Aprile 2008, 16.49.20
1
una band molto ma molto particolare, che nonostante proponga musica di difficilissima assimilazione, in questi ultimi anni si è guadagnata una grande notorietà diventando un istituzione del metal sperimentale, un brutal death poliedrico talmente assurdo e sconnesso da far impazzire. Lucid Interval è uno degli album più riusciti nelle sperimentazioni, brutale e completamente fuori da ogni possibile classificazione musicale (definirli un gruppo brutal è giusto, ma anche limitativo). insieme ad Anomalies decisamente il disco più intrigante dei Cephalic Carnage. non è musica per tutti... 75/100
INFORMAZIONI
2002
Relapse
Grindcore
Tracklist
1 - Scolopendra cingulata
2 - Fortuitous oddity
3 - Anthro emesis
4 - The isle of California
5 - Pseudo
6 - Friend of mine
7 - Rebellion
8 - Zzuno gyakusatsu
9 - Black metal Sabbath
10 - Cannabism
11 - Lucid interval
12 - Misguided
13 - Redundant
14 - Arsonist saviour
Line Up
Lenzig - Vocals
Zak - Guitar
John - Drums
Steve - Guitar
Jawsh - Bass
 
RECENSIONI
80
85
ARTICOLI
10/06/2013
Live Report
SUFFOCATION + CEPHALIC CARNAGE + HAVOK + FALLUJAH + altri
Il Blogos, Casalecchio di Reno (BO), 05/06/2013
29/10/2011
Live Report
EXHUMED + CEPHALIC CARNAGE + BEYOND MURDER + HELLVATE
Traffic Club, Roma, 19/10/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]