Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Paradise Lost
Obsidian
Demo

Black Pestilence
Hail the Flesh
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

06/06/20
KULT MOGIL
Torn Away the Remains of Dasein

08/06/20
DIVINE WEEP
The Omega Man

12/06/20
MICHAEL ANGELO BATIO
More Machine than Man

12/06/20
VEGA
Grit Your Teeth

12/06/20
STINKY
Of Lost Things

12/06/20
VALDRIN
Effigy of Nightmares

12/06/20
THE OTHER
Haunted

12/06/20
BPMD
American Made

12/06/20
ELM
The Wait

12/06/20
VISION DIVINE
Send Me an Angel (ristampa)

CONCERTI

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

17/06/20
SOCIAL DISTORTION + GUEST TBA
CARROPONTE - SESTO SAN GIOVANNI (MI)

18/06/20
GLORYHAMMER
ALPEN FLAIR - BOLZANO

21/06/20
INFECTED RAIN + ANKOR + TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Totengott - Doppelgänger
05/07/2017
( 695 letture )
Totengott: il Dio dei Morti, rappresentato in questo Pantheon di morbosità da tre bellimbusti del nord della Spagna, ciascuno accompagnato dalla sua bella foto promozionale con tanto di candelabri e teschio di caprone; tutti insieme ad intonare a inno di gloria tre diluitissimi brani di musica infernale.

Tre volte tre. Adorniamoci delle vesti rituali e invochiamo lui: Tom Gabriel Warrior, vivo, in carne, manifestamente umano e idolo di tutti noi. Bastano poche note per comprendere come l'unico fine dei nostri sia quello di scimmiottare quanto di buono e di letale abbia creato il vate dei Grigioni, dagli albori sino ai giorni nostri. Qualche interminabile minuto di stucchevole intro porta alla luce un sound tra lo sludge più digitale e il war metal meno sfrenato, laddove un paio di banali e statici riff in D-beat fanno il verso agli Hellhammer impoveriti di carica demoniaca. Tutto ciò ripetuto per oltre sette minuti. A seguire, un po' di doom primitivo, tanto minimale quanto corale, in cui la voce fornisce una discreta imitazione al sopracitato maestro e i palm-muting si fanno più rocciosi, ma con poche idee. Quattordici minuti di traccia, molto spezzettati e intervallati da pause, inframezzi eterei e arpeggi. L'infosheet che accompagna il promo parla di “the experimentation of early Pink Floyd with the riffing mastery of Candlemass”. Inutile aggiungere altro. A chiudere l'opera troviamo la title-track e i suoi soffertissimi ventuno minuti contrassegnati da chitarre avvolgenti, ritmiche cadenzate e tappeti di tastiere.

Nel complesso, qualcosa in grado di risollevare l'album ed il giudizio ad esso assegnato, ma poca roba rispetto al costante evolversi ed estremizzarsi dei filoni più funerei e abissali del metal composto sotto i 60 bpm. Le chitarre si conformano a partiture e frequenze più attuali, portandoci alla mente i Conan o i monolitici Triptykon (e chi altro sennò?). Tre minuti finali di accordi scanditi a loop e assoli per distogliere la mente da questo Doppelgänger e farci ricapitolare: zero assoluto in termini di originalità; trascurabili gli spunti vincenti; Satana alle nostre spalle: neanche l'ombra.



VOTO RECENSORE
49
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Xtreem Music
Death / Doom
Tracklist
1. Delusion of Negation
2. Satan Beside You
3. Doppelgänger
Line Up
Chou Saavedra (Voce, Chitarra)
Nacho Void (Basso)
José Mora (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]