Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Uriah Heep
Living the Dream
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/09/18
TO END IT ALL
Scourge of Woman

25/09/18
SINATRAS
God Human Satan

26/09/18
OSSUARY ANEX
Holy Blasphemition

27/09/18
STELLAR DESCENT
The Future is Dark

28/09/18
WOLFHEART
Constellation of the Black Light

28/09/18
RIVERSIDE
Wasteland

28/09/18
BONEHUNTER
Children of the Atom

28/09/18
ANAAL NATHRAKH
A New Kind Of Horror

28/09/18
EVILON
Leviathan

28/09/18
RUNNING WILD
Pieces Of Eight - The Singles, Live and Rare 1984 – 1994"

CONCERTI

28/09/18
HOUR OF PENANCE
ENJOY CLUB - VICENZA

28/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
ZONA BRONSON - BOLOGNA

28/09/18
THE SECRET + GUESTS
KRAKATOA FEST - TPO - BOLOGNA

28/09/18
EDU FALASCHI
DEFRAG - ROMA

28/09/18
SVLFVR + GUESTS
EXENZIA - PRATO

29/09/18
GRAVEYARD + BOMBUS
BLOOM - MEZZAGO (MI)

29/09/18
EDU FALASCHI + ACID TREE + GUESTS
ARCI TOM - MANTOVA

29/09/18
TORCHIA
KRACH CLUB - MONASTIER (TV)

29/09/18
NWOIBM FEST
GARAGESOUND - BARI

29/09/18
GO! FEST
CSOA SPARTACO - ROMA

Dew-Scented - Inwards
08/07/2017
( 533 letture )
Inwards, quarta fatica dei tedeschi Dew-Scented, è un disco che potrebbe definirsi senza troppi giri di parole una vera e propria mazzata. Come descrivere diversamente quest'album di poco più di 35 minuti di durata e composto di dieci tracce portatrici sane di headbanging sfrenato? Primo lavoro uscito sotto Nuclear Blast, Inwards rappresenta a tutti gli effetti il biglietto da visita per la band oltre i patrii confini; se fino ad allora i ragazzi erano rimasti "rinchiusi" in Germania, ora la label aveva le possibilità per renderli più visibili, e non a caso i Nostri si impegneranno in un'intensissima attività live che li porterà per la prima volta a calcare anche i palchi statunitensi.

Avere una major simile alle proprie spalle ha i suoi vantaggi, e non solo dal lato strettamente promozionale: infatti la produzione venne affidata a Andy Classen, un peso massimo del mixer che ha saputo dare al full length il sound ottimale per colpire dritto in faccia chiunque si fosse messo all'ascolto del medesimo, calibrando al meglio tutti gli strumenti in un mix che non rinuncia alla modernità pur restando rispettoso di alcuni dettami che hanno fatto la storia dei generi death e thrash. Come detto il disco è un assalto sonoro durissimo e senza vie di mezzo, qui si pesta dall'inizio alla fine senza nemmeno un attimo per riprendere fiato: bando quindi a ballad o mid tempo, il panzer targato Dew-Scented passa inarrestabile sui timpani dell'ascoltatore con il suo carico di death/thrash degno di un plotone d'esecuzione. Le mitragliate sono assicurate da Uwe Werning, che spara con la doppia cassa senza pietà in ogni singolo brano, a volte sconfinando addirittura verso lidi quasi black grazie a passaggi di blast beat impressionanti, vedi Reprisal e ancor più Degeneration, il brano più violento dell'intero lotto. La matrice death metal che percorre il platter è chiaramente caratterizzata dall'apporto di Leffe Jensen, il cui vocalism cavernoso e al tempo stesso abrasivo ben si presta a rendere al meglio i testi rabbiosi da lui stesso composti. Per quanto riguarda la chitarra, Florian Müller dà sfogo al proprio talento sfornando riff serratissimi che non nascondono la sua ammirazione per i Maestri Slayer cui così spesso, a torto o a ragione, i Dew-Scented sono stati accostati agli esordi insieme a The Haunted e At the Gates: la ritmica può ricordare quella che caratterizzava i lavori dei losangelini degli anni 90 (tra l'altro, per riemenere in tema, nel 2010 la Metal Mind editerà una ristampa dell'album in oggetto con l'aggiunta della cover proprio di War Ensemble) ma non mancano neppure assoli di buonissima fattura; del resto la prova dei crucchi, presi uno per uno, è assolutamente impeccabile sia dal punto di vista compositivo che da quello meramente tecnico.

Se c'è un limite nell'album è il fatto che la ricerca di tanta furia ha partorito alcune sonorità che rendono i brani poco vari e talvolta piuttosto ripetitivi, ma ciò non toglie che questo disco sia stato quello che a tutti gli effetti fece fare il cosiddetto salto di qualità alla band; non è necessariamente il miglior lavoro dei Dew-Scented (tale titolo spetta probabilmente al successivo Impact) ma, pur con i suoi difetti, rappresenta uno dei picchi della produzione dei tedeschi e sa regalare una buona mezz'ora di sano, ignorantissimo, incontrollabile scapocciamento: provare per credere.



VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
39 su 1 voti [ VOTA]
Undercover
Sabato 8 Luglio 2017, 11.23.31
1
Con tutta probabilità il mio preferito, furioso, incazzato, perennemente pestato e con un'ottima prova di Leffe dietro al microfono.
INFORMAZIONI
2002
Nuclear Blast
Death / Thrash
Tracklist
1. Bitter Conflict
2. Unconditional
3. Life Ending Path
4. Inwards
5. Blueprints of Hate
6. Locked in Motion
7. Degeneration
8. Terminal Mindstrip
9. Feeling Not
10. Reprisal
Line Up
Leffe Jensen (Voce)
Florian Müller (Chitarra)
Patrick Heims (Basso)
Uwe Werning (Batteria)
 
RECENSIONI
78
ARTICOLI
03/12/2013
Live Report
DEATH ANGEL + EXTREMA + DEW-SCENTED + ADIMIRON
Tempo Rock, Gualtieri (RE), 30/11/2013
21/03/2013
Live Report
TESTAMENT + DEW-SCENTED + BLEED FROM WITHIN
Tempo Rock, Gualtieri (RE), 16/03/2013
09/02/2011
Live Report
NILE + MELECHESH + DEW-SCENTED + ZONARIA + DARKRISE
Treviso/Roma, 28/01-04/02/2011
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]