Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Hamferd
Támsins likam
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/01/18
APOPHYS
Devoratis

22/01/18
ROTHEADS
Sewer Fiends

23/01/18
ENEMYNSIDE
Dead Nation Army

25/01/18
VORACIOUS SCOURGE
Our Demise

26/01/18
REBELLION
A Tragedy In Steel Part II: Shakespeares King Lear

26/01/18
AN EVENING WITH KNIVES
Serrated

26/01/18
LABYRINTH
Return To Live

26/01/18
LIONE-CONTI
Lione-Conti

26/01/18
STRAY BULLETS
Shut Up

26/01/18
VICTORIUS
Dinosaur Warfare - Legend Of The Power Saurus

CONCERTI

23/01/18
ACCEPT + NIGHT DEMON + IN.SI.DIA
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

25/01/18
LUNARSEA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/01/18
COMEBACK KID
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/01/18
COMEBACK KID
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/01/18
ELVENKING
ROCK TOWN - CORDENONS (PN)

27/01/18
DARK QUARTERER + IL SEGNO DEL COMANDO
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

27/01/18
HIEROPHANT
OBSCENE - MODENA

27/01/18
DAMNATION GALLERY + OVERWHELM
ANGELO AZZURRO - GENOVA

27/01/18
HEAVENFALL + CHRONOSFEAR
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/01/18
LUCKY BASTARDZ
MEPHISTO ROCK CAFE - LU MONFERRATO (AL)

Spidergawd - IV
10/07/2017
( 291 letture )
Aria di rivoluzione in casa Spidergawd, il prolifico side-project (4 dischi in 4 anni !) della sezione ritmica dei Motorpsyco: Bent Sæther e Kenneth Kapstad infatti hanno deciso di dividere le loro strade, con il drummer che si dedicherà al 100% a questo progetto lasciando la band madre, con il bassista che ha invece scelto la strada opposta, sostituito in questa release dal nuovo entrato Hallvard Gaardløs. Un cambiamento non da poco, che infatti sembra aver portato qualche novità nel sound degli svedesi. Lo stile degli Spidergawd infatti evolve, pur mantenendosi ancorato ai gloriosi seventies, nella loro versione sporca da garage (c’è tanto Iggy in questa release) e in quella più vicina all’heavy dei Lizzy e addirittura dei primi Priest.

Diventa preponderante rispetto al passato il gusto melodico e l’accessibilità delle composizioni, che mantengono un elevato tasso tecnico, ma sono decisamente più facili, con grande spazio a ritornelli che si ricordano facilmente. Strizzando l’occhio all’alternative moderno di EODM, Foo Fighters e un briciolo di Mastodon portato dal drumming incessante e ricco di ghost notes di Kapstad. Questo IV è un disco che si ascolta tutto d’un fiato, non richiede troppa attenzione perché scorre liscio senza picchi, ma nemmeno grandi scivoloni. Alcuni arabeschi tendenti al prog del passato non ci sono più, rendendo la fruizione più immediata, ma probabilmente anche meno affascinante e personale. Esempio lampante di tutto ciò l’opener: This Love...? con un terremotante pattern ritmico che coinvolge immediatamente e accompagna verso l’esplosione del refrain che si stampa nel cervello in modo indelebile. La voce di Per Borten dimostra la sua versatilità mescolando l’aggressività con la melodia. Come sempre a rendere interessanti e diverse le composizioni degli svedesi ci pensano le incursioni del sax di Rolf Martin Snustad che fa sempre capolino quando meno ce lo si aspetta, aggiungendo frizzantezza e incisività a un po’ tutte le canzoni del disco
Un riff di basso di stampo Motorheadiano, guida I Am The Night che dopo l’inizio esaltante si spegne nella parte centrale un po’ anonima, risorgendo nell’acido solo della chitarra; LouCille è più spiccatamente seventies a stelle e strisce appoggiata sulle rullate e giri sui tom di Kapstad con un ritornello da stadio che quasi strizza l’occhio ai Kiss della prima ora. Un’atmosfera cara a Josh Homme permea Ballad Of A Millionaire (Song For Elina), non propriamente una ballad come suggerisce il titolo, ma una song molto più lenta e incentrata sulla malinconia psichedelica con in primo piano il sax dissonante. Si rimette il piede sul gas con What You Have Become vincente nel ritornello e nel lavoro di chitarra; Heaven Comes Tomorrow si appoggia su con un riff raddoppiato che avrebbe gradito assai Phil Lynott, mentre la conclusiva Stranglehold ha un quid di atmosfera ottantiana ricordando un po’ la più celebre Look That Kills di casa Crue.

IV riflette in pieno i cambiamenti che la formazione svedese ha subito prima di questa uscita, insieme a Bent Sæther si è dileguata in modo evidente la parte più psyc e prog del sound dei dischi precedenti, lasciando lo spazio all’anima più melodica e moderna del sound. La qualità, soprattutto tecnica, delle composizioni non si è abbassata, semplicemente si persa un po’ di raffinatezza e distintività in favore di una maggiore accessibilità. Esperimento riuscito, anche se è probabilmente innegabile che la personalità degli Spidergawd stava anche un po’ nel legame sonoro con la band “principale”. Per questo il disco sta un gradino abbondante sotto il precedente, ma è comunque un ascolto piacevole nel suo complesso. Ovviamente, appuntamento al prossimo anno per V.



VOTO RECENSORE
69
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Crispin Glover Records
Hard Rock
Tracklist
1. This Love...?
2. I Am The Night
3. LouCille
4. Ballad Of A Millionaire (Song For Elina)
5. What You Have Become
6. The Inevitable
7. Heaven Comes Tomorrow
8. Stranglehold
Line Up
Per Borten (Voce, Chitarra)
Hallvard Gaardløs (Basso)
Kenneth Kapstad (Batteria)
Rolf Martin Snustad (Sassofono)
 
RECENSIONI
80
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]