Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Exilium - Heavy Metal Demon
11/07/2017
( 711 letture )
Storia relativamente curiosa quella degli Exilium. Partiti nel 2008 come gruppo thrash/death e fattisi così un discreto nome, arrivano nel 2010 a pubblicare il demo A Black Vicious Path, registrato come duo. Nel 2012, però, una svolta musicale profonda che porta il gruppo verso territori molto più classici, nel segno della N.W.O.B.H.M. della prima ora. Assestata finalmente la formazione, Heavy Metal Demon costituisce la prima testimonianza concreta della loro nuova carriera. Questo, almeno, se si eccettua l’inclusione di un loro pezzo nella compilation Beat the Poser Down.

Il prodotto presentato dagli Exilium si fa notare innanzitutto per la cura della confezione, dato che dietro la cover troviamo un buon booklet di otto pagine contenente i testi. Una completezza che non sempre gli autoprodotti sono in grado di vantare, essenzialmente per ragioni economiche. Passando all’ascolto, le sette tracce presenti, per un totale di circa trenta minuti di musica, sembrano concepite e registrate attorno al 1982 e, come dicono le note di accompagnamento al CD, si caratterizzano per il loro proporre brani “senza alcuna influenza post ottantiana”. Registrato in maniera coerente con il tipo di musica suonata, Heavy Metal Demon è un convinto omaggio ad un’epoca apparentemente morta e sepolta, che invece non solo non si decide a passare a miglior vita, ma sembra godere di una insospettabile vitalità. Sette pezzi mediamente non velocissimi, tutti basati sull’efficacia di quei cori tipici del metal primi anni 80, sulle armonizzazioni, sulle ritmiche semplici ed immediate e sugli assoli di chitarra, assolutamente immancabili in un simile ambito. Per quanto riguarda il canto, incombenza assunta dal chitarrista Marco, è proprio questa la nota dolente. Almeno dal punto di vista squisitamente tecnico. In varie occasioni, infatti, si notano difficoltà di intonazione ed un palese sforzo per seguire le evoluzioni della melodia. L’impressione finale è, pur all’interno di un genere in cui certe cose hanno un senso anche se lasciate allo stato grezzo in quanto in linea con la filosofia dello stile, che una superiore cura del cantato avrebbe conferito un maggiore impatto ad Heavy Metal Demon. Il tutto vale anche per i cori. La titletrack e Heavy Metal Mad i pezzi più riusciti, pur in un quadro generale piuttosto compatto, da bere tutto d’un fiato, per così dire.

Limitato dai difetti vocali prima segnalati, il demo analizzato rende comunque bene la passione per “la musica strana” che gli Exilium mostrano di possedere, ed è proprio questa la qualità migliore che il mini album all’attenzione possa vantare. I sette pezzi in scaletta, se presi singolarmente, risultano tutti piacevoli, passionali, fatti di riff taglienti, sudore e birra esattamente come devono essere. Se posti nel contesto generale, però, non possono che suonare altrettanto normali, densissimi di rimandi al lavoro di centinaia di gruppi venuti prima dei veneziani e inesorabilmente già sentiti in altrettante occasioni. Con qualche variazione ed altrettanti aggiustamenti, ma già sentiti. Il modo migliore per usufruire di Heavy Metal Demon, quindi, è quello di ascoltarlo isolandolo dal contesto e considerandolo per quello che è, ossia un sincero, irriducibile omaggio alla musica che ha dato vita a tutto il resto. Senza aspettarsi capolavori o spunti originali di sorta, ma puntando al semplice, sano divertimento tramite headbanging alcolico e nel culto degli early days.



VOTO RECENSORE
62
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Dany71
Venerdì 18 Agosto 2017, 10.50.40
6
Ringrazio io voi fratello. Continuate così.
Marco
Venerdì 18 Agosto 2017, 7.21.33
5
Grazie Dany! Effettivamente il cd è un tributo alla musica che più ci piace! Le registrazioni come per la maggior parte delle band ora sono state fatte nei giorni di riposo e purtroppo non sempre con i tempi da noi desiderati! Grazie ancora per il commento! In Metal We Trust!!!
Dany71
Venerdì 18 Agosto 2017, 3.40.04
4
Devozione. Devozione per l'unico dio giusto: Metal God. Qui in queste sette tracce c'è devozione. Stop.Derivativi ma non copia incolla. Riff taglienti e batteria dall'ottimo gusto. Complimenti, veramente. Considerato che il tutto sarà fatto in ritagli di tempo dopo una giornata passata a fare un lavoro di merda con uno stipendio merda.....magari eh.....grazie Metal God che oltre alle top band ci grazi di questi giovani (dentro) sanguigni e volenterosi che ci fanno scapocciare e trovare le energie per affrontare la giungla della vita.
Marco
Venerdì 4 Agosto 2017, 22.47.15
3
Grazie Rik e Rettiliano!
rik bay area thrash
Lunedì 17 Luglio 2017, 18.54.51
2
Non li conoscevo, ma si può rimediare ... Quello che non comprendo è perché una millenial band non può suonare la musica che più gli piace? E in questo caso il traditional heavy metal early 80. Ho avuto un piacevolissimo scambio di opinioni con un amico di questa web metal zine proprio ieri sera relativamente a un disco di old school thrash !! Ma è proprio questa la musica che questi ragazzi vogliono suonare !! Così come loro si sentono di suonarla !!! A chi non piace questo disco basta solo che giri per il web e troverà di tutto e di più. Ragazzi siete ammirevoli.
Il Rettiliano
Lunedì 17 Luglio 2017, 18.09.50
1
Continuate così ragazzi!!!
INFORMAZIONI
2017
Autoprodotto
Heavy
Tracklist
1. Heavy Metal Demon
2. Everything Dies
3. Line of Sacrifice
4. Holy Lies
5. Heavy Metal Mad
6. The New Dionysius
7. Burn Alive
Line Up
Marco Exilium (Voce, Chitarra solista)
Matteo Biff (Chitarra ritmica)
Ricky Coera (Basso, Cori)
Furio Fud (Batteria)
 
RECENSIONI
50
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]