Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ne Obliviscaris
Urn
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

17/11/17
NIGHT OF SUICIDE
Broken

17/11/17
DESPITE EXILE
Relics

17/11/17
ETERNAL FLIGHT
Retrofuture

17/11/17
UNMASK
One Day Closer

17/11/17
THE ADICTS
And It Was So!

17/11/17
ELECTRIC WIZARD
Wizard Bloody Wizard

17/11/17
HUMANASH
Reborn from the Ashes

17/11/17
IMPERIOUS
ales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part II: From Hades To Ithaca

17/11/17
IMPERIOUS
Tales Of Woe - The Journey Of Odysseus - Part I: From Ilion To Hades

17/11/17
OBLIVION
The Path Towards

CONCERTI

17/11/17
KOBRA AND THE LOTUS + SECRET RULE + RAVENSCRY
CIRCOLO SVOLTA - ROZZANO (MI)

17/11/17
ELECTRIC BALLROOM + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

17/11/17
PANDEMIA + TALES OF DELIRIA + GUESTS
MAT LABORATORIO URBANO - TERLIZZI (BA)

17/11/17
BAFFODORO + UMBRA NOCTIS + TULPA
CIRCOLO ARCI DALLO' - CASTIGLIONE DELLE STIVIERE (MN)

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

Marilyn Manson - Smells Like Children
29/07/2017
( 1036 letture )
Ci sono album che ci fanno aggrottare le sopracciglia, richiedendo qualche approfondimento per essere apprezzati. La perplessità si trasforma spesso poi felicemente in compiacenza. Ma non è questo completamente il caso, per un disco come questo. Smells Like Children odora inconfondibilmente di Marilyn Manson, e nasce deviato già da titolo: che qualcosa suoni male alle nostre orecchie sarà una sensazione frequente. Sedici brani eclettici e caotici in modo disarmante formano difatti il corpus di un disco che difficilmente recupereremo in futuro. Smells Like Children ha infatti qualcosa di estremamente angosciante e malato che ci causa un leggero, ma costante fastidio. Si tratta di un ossessivo gioco di rumori metallici e suoni sintetizzati, distorsioni di matrice industrial, sospiri, voci, dialoghi rubati a sconosciuti durante il tour di Portrait of an American Family. Il tutto ovviamente tanto rasente l'oscenità da costituire un problema legale. Abuse, Part 1 (There's Pain Involved) e Abuse, Part 2 (Confessions), originariamente pensate come prima e decima traccia, vengono in seguito sostituite rispettivamente da The Hands Of Small Children e May Cause Discoloration of the Urine or Feces. Part 1 riporta difatti la disavventura erotica di una masochista e Tony F. Wiggins, autista del tourbus dei Danzig/Pantera, per i quali i Marilyn Manson facevano da spalla; mentre Part 2 è la confessione di una ragazzina sadica nei confronti del cuginetto. Entrambe vengono registrate nel backstage e sono tutt'ora reperibili sul web. Se invece di un disco avessimo un videogame, nelle fasce di contenuto troveremmo: violenza, sesso, discriminazione, turpiloquio, droga e paura. Sul retro del platter è scritto invece quanto segue:

Keep this and all drugs away from small children.

A fungere da fil rouge all’interno dei sedici capitoli della release, troviamo un Marilyn Manson ventiseienne, che già padroneggia scream e vocal fry, in uno stato di sobrietà ben rispecchiato dal disco. Chi lo appoggia nella produzione è l'amico Trent Reznor (Nine Inch Nails), mentre a mescolare gli ingredienti del calderone sono Tony Wiggins, Twiggy Ramirez, e Madonna Wayne Gacy. Se si cerca un ordine in tutto questo, è da ritrovare nel concept dell'abuso, inteso come sessuale, di sostanze, e chi più ne ha più ne metta. La perdita dell'innocenza è qualcosa che ha grande presa e lo dimostra il ripetuto rimando all'infanzia, che sia esplicito o sotto forma di abbruttite nenie. Qui trova la sua ragion d'essere il pezzo migliore dell'intero disco, la cover che aprirà al gruppo le strade del mainstream: Sweet Dreams (Are Made of This), il classico degli Eurythmics. Una cover più rabbiosa e angosciosa dell'originale, e secondo molti di una spanna migliore. Solo grazie a questa le vendite volarono oltre il milione e trecentomila copie negli Stati Uniti. Quanto rimane non è esattamente allo stesso livello.

Smells Like Children si apre infatti con singhiozzi e rumori striscianti, aberranti e insensati, vogliono farci credere di essere dentro un qualche circo dell'orrore, riuscendoci: si sa, l'illogico spaventa facilmente. Segue Diary of a Dope Fiend, un curioso remix rallentato e appesantito di Dope Hate, dal precedente album d'esordio Portrait of an American Family (1994). Tutto quello che passa nei sintetizzatori dei Marilyn Manson diventa ancora più morboso e malato di prima, tuttavia non migliore. Kiddie Grinder, Everlasting Coksucker e Dance of the Dope Hats sono redo, di Organ Grinder e Cake And Sodomy. Inoltre compaiono un altro paio di cover: Rock 'N' Roll Nigger di Patti Smith e I Put A Spell On You degli Screamin' Jay Hawkins. Rimangono alcuni filler, e altre registrazioni di gusto coerente al resto del disco. Tra queste ultime Sympathy for the Parents e Dancing With the One-Legged sono brevi riprese dal talk show The Phil Donahue Show, che ha ospitato la band per discutere dei pericoli del moshing ai concerti. Fuck Frankie è invece una particolare dedica all'ex manager Frankie Proia, colpevole di aver trafugato 20 mila dollari di guadagni.

Il secondo lavoro dei Marilyn Manson non ha scuse: è un completo caos. Alcuni momenti più felici sono da ritrovare nelle cover, qualcosa di buono c'è anche nei remix. Ciò non toglie che la cacofonia sia dietro l'angolo, e l'ostinazione di accozzare suoni, rumori e parole nel modo più spiacente possibile, sembra essere l'unica certezza insieme al gusto macabro e alla linea concettuale sull'abuso, che non va tanto per il sottile. Si tratta di un disco forse non coeso, ma di certo coerente nella sua pazzia. Se il Reverendo l'ha fatto così, chi siamo noi per dissentire?

Sweets dreams are made of this
Who am I to disagree?



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
56.71 su 7 voti [ VOTA]
gianmarco
Venerdì 25 Agosto 2017, 1.44.55
10
a quando portrait of an american family ?
Manuel
Lunedì 31 Luglio 2017, 23.46.29
9
questo album e' una merd@ assoluta.
ThreePieces
Sabato 29 Luglio 2017, 18.58.29
8
Questo disco è una vetta inarrivabile per me e non per la qualità dei brani. Questo disco sta per me sullo stesso livello di Salò di Pasolini (e del libro a cui si ispira ovviamente) Questo disco è una gemma perchè è pruriginoso. Si possono fare album belli e si possono fare album brutti, si possono fare capolavori... ...e poi si può fare un disco che è scomodo, un disco che mette il dito nella piaga, un disco che serve a mettere un distacco tra le persone normali e chi sa come funziona il mondo e per questo va contro a prescindere. questo disco puzza incredibilmente, di bambini, si capisce.
Room 101
Sabato 29 Luglio 2017, 18.52.40
7
@Metal Maniac: grazie della segnalazione!
sadwings
Sabato 29 Luglio 2017, 18.39.57
6
Non lo considero il suo secondo lavoro, in quanto non esistono brani inediti, ma una appendice del precedente lavoro. Resta un lavoro morboso e caotico. Ovviamente spicca la cover di sweet dreams
Metal Maniac
Sabato 29 Luglio 2017, 18.10.35
5
comunque c'è un errore nella traccia n. 14 e anche nel testo: il titolo esatto è "dancing with the one-LEGGED" e non LEGGEND (danzando con colui che ha una gamba sola)... la spiegazione ve la tralascio, è meglio...
Metal Maniac
Sabato 29 Luglio 2017, 16.14.38
4
un disco stralunato che dopo averlo ascoltato mi ha frastornato... le uniche canzoni "serie" sono le 3 cover (con "sweet dreams" sugli scudi), poi qualcosa di buono in 3 dei 5 remix totali ("kiddie grinder", "everlasting cocksucker" e "dance of the dope hats"), per il resto una serie di riempitivi balordi senza né capo né coda (tra i quali 2 mettono paura se ascoltati di notte, la prima traccia e la traccia fantasma)... comunque nonostante la durata da album vero e proprio, questo è ufficialmente un EP... il secondo lavoro della band è "antichrist superstar"... secondo me un lavoro del genere non può arrivare alla sufficienza, voto: 55.
Deathland
Sabato 29 Luglio 2017, 13.53.51
3
Rece giusta voto 70
nonchalance
Sabato 29 Luglio 2017, 12.28.29
2
In realtà, questo è un EP composto da 4 remix e 3 cover..il resto sono riempitivi! Quindi, non penso si possa considerare né come "secondo lavoro" e né, soprattutto, album o disco!
Alex Cavani
Sabato 29 Luglio 2017, 10.45.16
1
"Il secondo lavoro dei Marilyn Manson non ha scuse: è un completo caos". Questa frase spiega anche perchè questo è il mio disco preferito di MM, l'unico insieme forse a Mechanical Animals, che riesco ad ascoltare per intero. Tutto vero ciò che sostiene il recensore e lo condivido, ma io l'ho sempre trovato morbosamente affascinante questo disco, fin dalla copertina. E poi basterebbe la cover di I Put A Spell On You per far arrivare questo disco alla sufficienza Per me un 78 almeno.
INFORMAZIONI
1995
Interscope Records
Alternative Metal
Tracklist
1. The Hands of Small Children
2. Diary of A Dope Fiend
3. Shitty Chicken Gang Bang
4. Kiddie Grinder
5. Sympathy for the Parents
6. Sweet Dreams (Are Made of This)
7. Everlasting Cocksucker
8. Fuck Frankie
9. I Put A Spell On You
10. May Cause Discoloration of the Urine or Feces
11. Scabs, Guns and Peanut Butter
12. Dance of the Dope Hats
13. White Trash
14. Dancing With the One-Legged
15. Rock 'N' Roll Nigger
16. Untitled
Line Up
Marilyn Manson (Voce)
Daisy Berkowitz (Chitarra)
Madonna Wayne Gacy (Tastiere, Effetti)
Twiggy Ramirez (Basso)
Ginger Fish (Batteria)
 
RECENSIONI
80
84
86
82
70
ARTICOLI
01/08/2017
Live Report
MARILYN MANSON + THE CHARM THE FURY
Ippodromo delle Capannelle, Roma, 25/07/2017
11/06/2012
Live Report
MARILYN MANSON + J27 + BINARY
Gran Teatro Geox, Padova (PD), 07/06/2012
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]