Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Voivod
The Wake
Demo

Panni Sporchi
III
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

19/10/18
SACRAL RAGE
Beyond Celestial Echoes

19/10/18
ARCTURUS
Sideshow Symphonies

19/10/18
NORTHWARD
Northward

19/10/18
SOULFLY
Ritual

19/10/18
HATESPHERE
Reduced To Flesh

19/10/18
SILENT BULLET THEORY
Divine Ways of Chaos

19/10/18
WHITE WIDDOW
Victory

19/10/18
VALDUR
Goat Of Iniquity

19/10/18
SALIVA
10 Lives

19/10/18
LANDMVRKS
Fantasy

CONCERTI

18/10/18
CALIGULA`S HORSE + GUESTS
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
TAAKE + BÖLZER + SLEGEST
LEGEND CLUB - MILANO

19/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

19/10/18
VADER + ENTOMBED A.D. + GUESTS
REVOLVER - SAN DONA DI PIAVE (VE)

19/10/18
INJURY + VEXOVOID + BROWBEAT
LA TENDA - MODENA

19/10/18
CARCHARODON + KURT RUSSHELL + GREENPHETAMINE
L'ANGELO AZZURRO CLUB - GENOVA

19/10/18
CRYING STEEL + GUESTS
LET IT BEER - ROMA

20/10/18
ROSS THE BOSS + BULLET + CRYSTAL VIPER
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

20/10/18
AZAGHAL + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

20/10/18
FRACTAL UNIVERSE + GUESTS TBA
THE FACTORY - VERONA

Decrepit Birth - Axis Mundi
31/07/2017
( 1545 letture )
Era da ben sette anni che i Decrepit Birth non rilasciavano materiale. L’ultimo lavoro, quell’acclamato Polarity che li ha affermati definitivamente a livello internazionale, risale addirittura al 2010. Sette anni sono un’enormità nel mercato musicale odierno, ma a ben vedere, non si può certo dire che Sotelo e compagni siano stati con le mani in mano. Tra tour sempre più grossi, messa in commercio di gadgets particolari e soprattutto, l’entrata di Bill Robinson nei Suffocation (anche se solo per quanto concerne ai concerti).

Trattandosi di un gruppo ormai sulla bocca di tutti, che ha fatto parte sia di quell’ondata di “brutal” death di inizio anni 2000 con lo splendido ... And Time Begins che di quell’ondata di tech death più virtuoso, le aspettative e la curiosità erano più che alte. Ancora più alte se si pensa a quanto sia stato amato Polarity, album che segnava ormai il distaccarsi completo dalle sonorità più brutale e da quella via di mezzo trovata con il secondo album Diminishing Between Worlds. Tra aspettative e curiosità, vi era però la certezza che il discorso musicale intrapreso sarebbe stato lo stesso dell’ultimo album, o quanto meno, ci si aspetterebbe che la linea sarebbe stata quella. Ma non è andata proprio così. Axis Mundi appare da subito intenzionato a riprendere alcune soluzioni vicine al primo album per rimescolarle con altre più recenti, ma a stupire, è che di quanto sentito su Polarity, resta molto poco. Da quanto detto verrebbe da pensare ad una via di mezzo tra brutalità, melodia e tecnica, ma non è esattamente così; più che di una mediazione, si tratta di confusione, di non aver ben chiaro cosa voglia il gruppo e quale sia l’approccio scelto. Le canzoni sono infatti costruite su riff più diretti, ma da un momento all’altro ci si imbatte in riff tecnici, stop n’go repentini e altre soluzioni virtuose tipiche di Sotelo che ovviamente, dato l’approccio compositivo ben diverso dal precedente album, suonano fin troppo forzate. Questa considerazione nasce anche dal fatto che i riff, pur essendo carichi di groove, suonano macchinosi e meno fluidi. Naturale quindi che le melodie vengano a mancare e che i brani sembrino andare avanti con il freno a mano. Più che evolversi e di continuare sulla strada intrapresa sette anni fa, i nostri pare abbiano deciso di regredire (e a confermare l’intenzione di avvicinarsi ad un sound passato ci sono le dichiarazioni dei membri) portando Axis Mundi ad essere un disco troppo altalenante; sia chiaro, non mancano momenti validi e in grado di far colpo sull’ascoltatore (Spiritual Guide, Hieroglyphic, Trascendental Paradox, Ascendant), ma più che di brani si tratta di momenti. Ci sono poi due fattori che caratterizzano questo lavoro, se in meglio o peggio lo decide chi ascolta: voce e produzione. Robinson ha infatti optato per un growl più gutturale e diverso dal passato, e se almeno inizialmente potrebbe lasciar stupiti, è qualcosa a cui ci si abitua con il passare degli ascolti. Per quanto riguarda la produzione invece, abbiamo a che fare con dei suoni freddi, con chitarre e basso tanto presenti nel mixer quanto privi di dinamica e una batteria che puzza fin troppo di digitale. E anche qui, la sensazione è quella della confusione: approccio vecchia scuola, suoni che sono completamente l’opposto.

Axis Mundi non è quindi un album brutto o non riuscito, è semplicemente confuso e altalenante. Se Polarity aveva quanto meno reso chiare le intenzioni del gruppo pur scontentando qualcuno, questa volta il gruppo rischia di deludere anche chi aveva apprezzato la decisione. I quaranta minuti (quasi sessanta se contiamo anche le tre cover finali) di Axis Mundi scorrono tra alti e bassi, e dopo ben sette anni, era lecito aspettarsi qualcosa di più.



VOTO RECENSORE
63
VOTO LETTORI
83.14 su 7 voti [ VOTA]
Pino
Venerdì 12 Ottobre 2018, 19.08.57
8
Dopo tempo lo trovo un gran bell album, nella scena techdeath sono una spanna sopra tutti (con Deeds of Flesh e pochi altri). Poi oh, trovatemi una band techdeath che non sia stata influenzata dai Death, io le influenze le sento eccome.
d.r.i.
Mercoledì 2 Agosto 2017, 22.37.46
7
Paragonare loro ai Death vuol dire non aver mai ascoltato né gli uni ne gli altri.
lux chaos
Mercoledì 2 Agosto 2017, 16.25.03
6
Si @Lambru, confermo, lo si legge anche in alcuni commenti sul sito al disco DBW...io avevo detto già la mia sul gruppo in un commento proprio a quel disco 5 anni fa, e lo confermo...il piri piri death non fa per me , i Death sono un altro piantea, come dici a se stante, e irraggiungibile per chiunque
Luca
Mercoledì 2 Agosto 2017, 15.04.14
5
Insulsi
LAMBRUSCORE
Martedì 1 Agosto 2017, 12.12.21
4
@Tira... davvero qualcuno li ha paragonati ai DEATH??? I Death non hanno paragoni, lo sappiamo -quasi- tutti, per me i Decrepit sono un ottimo gruppo in studio, tecnica da vendere, il genere dopo un po' mi stufa, forse problema mio...
Tiradipiuunpelodifiken
Martedì 1 Agosto 2017, 8.35.18
3
Gran recensione, uno dei gruppi più sopravvalutati della storia del death, ma finalmente se ne stanno accorgendo un po tutti sul web, quando leggo i paragoni coi Death mi fa male la pancia dal ridere. Sufficienza stiracchiata e fora de bal
Max
Martedì 1 Agosto 2017, 8.12.14
2
Parte bene ma poi diventa noioso... Per adesso il loro disco meno bello.
Pacino
Martedì 1 Agosto 2017, 8.05.00
1
ma che disco hai ascoltato?! 85
INFORMAZIONI
2017
Nuclear Blast Records
Technical Death Metal
Tracklist
1. Vortex of Infinity – Axis Mundi
2. Spirit Guide
3. The Sacred Geometry
4. Hieroglyphic
5. Transcendental Paradox
6. Mirror of Humanity
7. Ascendant
8. Epigenetic Triplicity
9. Embryogenesis
10. Orion
11. Desperate Cry
12. Infecting the Crypts
Line Up
Bill Robinson (Voce)
Jeff Sotelo (Chitarra)
Sean Martinez (Basso)
Sam Paulicelli (Batteria)

Musicisti ospiti:

Paul McGuire (Voce sulla traccia 2)
 
RECENSIONI
90
90
78
ARTICOLI
23/08/2013
Live Report
JUNGLE ROT + DECREPIT BIRTH + GRANDEXIT + LOCRACY
Escape, Vienna, 13/08/2013
25/04/2013
Live Report
CRYPTOPSY + CATTLE DECAPITATION + DECREPIT BIRTH + Altri
Rock’n’Roll Arena, Romagnano Sesia (NO), 20/04/2013
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]