Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Progenie Terrestre Pura
starCross
Demo

Dead Like Juliet
Stranger Shores
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

20/07/18
MUTILATION RITES
Chasm

20/07/18
BLACK ELEPHANT
Cosmic Blues

20/07/18
THE LIONS DAUGHTER
Future Cult

20/07/18
SCARS ON BROADWAY
Dictator

20/07/18
SANDRIDER
Armada

20/07/18
CRYONIC TEMPLE
Deliverance

20/07/18
KHÔRADA
Salt

20/07/18
CEMETERY LUST
Rotting in Piss

23/07/18
ATAVISMA
The Chthonic Rituals

25/07/18
MANTICORA
To Kill To Live To Kill

CONCERTI

18/07/18
STEVEN TYLER
PIAZZA UNITA' D'ITALIA - TRIESTE

18/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO DAL VERME - MILANO

19/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
TEATRO ROMANO - OSTIA ANTICA (ROMA)

20/07/18
PROTEST THE HERO + GUESTS
ROCK PLANET CLUB - PINARELLA DI CERVIA (RA)

21/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 1)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

21/07/18
MYLES KENNEDY + DORIAN SORRIAUX
CASTELLO - UDINE

21/07/18
DIVINE METAL FEST
ALTERNATIVE MUSIC CLUB - MONTENERO DI BISACCIA (CB)

21/07/18
MALESSERE FEST
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/07/18
RICHIE KOTZEN
ESTATE IN FORTEZZA SANTA BARBARA - PISTOIA

22/07/18
COLONY SUMMER FEST (Day 2)
CENTRO FIERA - MONTICHIARI (BS)

Sea - The Grip of Time
02/08/2017
( 298 letture )
Certe volte fanno veramente arrabbiare quei gruppi che non riescono ad esprimere il 100% del loro potenziale, principalmente perché preferiscono rimanere legati a certi canoni stilati tanti anni or sono, dai quali appare impossibile discostarsi. Esulando dalle ottime conoscenze tecnico-applicative della band, i Sea di The Grip of Time sono affetti da questo "male". Essi sono attratti come calamite all'interno di un campo magnetico che li trascina e li mantiene saldati alla scuola hard rock di fine 70/inizio 80. Il perché non è dato saperlo: rispetto verso i mostri sacri, paura di perdere credibilità, piacere nella semplice capacità di esecuzione? Difficile inquadrare il problema. Sta di fatto che il prodotto risulta ottimamente strutturato, godibile, ma fin troppo scolastico.

Sono quindi ben poche le soprese. La sezione ritmica orbita attorno ad un hard rock tradizionale spingendo in alcuni frangenti verso sonorità heavy, gli assolo di chitarra sono onnipresenti e perennemente basilari, il singer Anders Brink è impeccabile ma poco emozionante. Il suo timbro ricorda molto da vicino quello di Paul Stanley e non a caso i Kiss si impongono come punto di riferimento dell'intero LP: le tracks Once We Were Dead e l'energica Back to the Ground ne sono l'emblema. In altre circostanze si possono cogliere reminiscenze dei primi Iron Maiden, come sulla cavalcata della strofa dell'opener Rust e sul pimpante avvio di The Stranger Within. La "scampagnata" stoner sul portentoso ritornello di Shout è un momento piacevole, che segue l'elegante digressione di Time Will Let You Know. Su quest'ultima porta giovamento l'abbassamento dei ritmi, mentre il tappeto sonoro costruito dalla tastiera sul chorus concede finalmente qualcosa di originale. No Dawn è il crocevia che tenta di mischiare le carte in tavola attraverso il suo approccio passionale; una ballad riverberante che pur godendo di una fase centrale veemente non convince fino in fondo. Sul finale le poche idee rimaste confezionano i refrain southern di Dust Will Fall e la strumentale e pacifica Sea, la quale sicuramente riflette i suoni del mare e la parabola discendente voluta per la chiusura del disco, risultando però abbastanza asfittica.

Nonostante The Grip of Time possegga un'eccellente produzione alle spalle ( la fase di mastering è avvenuta addirittura agli Abbey Road Studios!), è fin troppo pensato e studiato per una precisa fetta di pubblico, amante appunto delle sonorità succitate in apertura. In effetti questi ascoltatori non rimarranno delusi dall'album dei Sea, ma i danesi avrebbero gli attributi per sfornare qualcosa di più singolare ed effettuare perciò quel salto di qualità momentaneamente non pervenuto.



VOTO RECENSORE
63
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
Gabriele
Mercoledì 2 Agosto 2017, 21.10.52
1
Ho l'impressione che non appena mi arriverà il disco mi troverò decisamente in disaccordo con questa valutazione. O almeno lo spero Il debutto era già tanta roba e le prime anteprime di questo nuovo lavoro mi hanno fomentato non poco. Nel frattempo registro comunque l'opinione e rimango in attesa.
INFORMAZIONI
2017
Mighty Music Records
Hard Rock
Tracklist
1. Rust
2. Once We Were Dead
3. Time Will Let You Know
4. Shout
5. No Dawn
6. Back to the Ground
7. Sing for Your Right
8. Dust Will Fall
9. The Stranger Within
Line Up
Anders Brink (Voce, Chitarra)
Anders Kargaard (Chitarra)
Maico Thyge (Basso)
Jonas Bangstrup (Batteria)
 
RECENSIONI
77
ARTICOLI
12/09/2016
Live Report
NOVEMBRE + LUNARSEA + UNALEI + SEVENTH GENOCIDE
Traffic Live Club, Roma, 08/09/2016
11/11/2015
Live Report
SHINING + DARKEND + SELVANS + LUNARSEA
Traffic Club, Roma, 05/11/2015
13/12/2014
Intervista
DEAD SEASON
Modern thrash francese
07/06/2014
Live Report
DEAFHEAVEN + REDLINE SEASON + HAVE IT ALL + AIDAN
(@ Radar Festival Preview, day III) Circolo Mame, Padova - 03/06/2014
26/02/2014
Live Report
PRIMORDIAL + CADAVERIA + LUNARSEA + SHORES OF NULL
Rock'n'Roll Arena, Romagnano Sesia (NO),21/02/2014
06/02/2013
Live Report
THE SECRET + GRIME + THE HARDEST SEASON
INIT Club, Roma, 31/01/2013
10/12/2010
Live Report
IMPALED NAZARENE + ADIMIRON + LUNARSEA + BLIND HORIZON
Init Club, Roma, 05/12/2010
09/05/2009
Intervista
LUNARSEA
Giovani rancori
29/03/07
Intervista
STEEL SEAL
Parla la band
30/10/2004
Live Report
NECRODEATH + KISS OF DEATH + DISEASE
Alpheus, Roma, 10/10/2004
23/10/2004
Intervista
ODYSSEA
Parla Pier Gonella
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]