Privacy Policy
 
IMMAGINI
Clicca per ingrandire
I Liv Sin
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/08/17
ULVEDHARR
Total War

18/08/17
THE NECROMANCERS
Servants of the Salem Girl

19/08/17
MY TURN
My Turn

21/08/17
BATTLE RAIDER
Battle Raider

24/08/17
PAGAN ALTAR
The Room of Shadows

25/08/17
UNSEEN FAITH
Lost World

25/08/17
MORBID EVILS
Deceases

25/08/17
PORTRAIT
Burn the World

25/08/17
QUEENS OF THE STONE AGE
Villains

25/08/17
DAGOBA
Black Nova

CONCERTI

18/08/17
GRAVE + AURA NOIR + DARK LUNACY + OTHER
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA AL MARE (CH)

18/08/17
ROCK METAL FEST
ZONA INDUSTRIALE - PULSANO (TA)

19/08/17
WHILE SHE SLEEPS
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

19/08/17
IMPALED NAZARENE + SLAPSHOT + MARTYRDOD
TIKITAKA VILLAGE - FRANCAVILLA AL MARE (CH)

24/08/17
NERVOSA + GUESTS
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

24/08/17
FESTA BIKERS (day 1)
ZONA INDUSTRIALE - COLOGNO AL SERIO (BG)

25/08/17
FESTA BIKERS (day 2)
ZONA INDUSTRIALE - COLOGNO AL SERIO (BG)

26/08/17
BREAKING SOUND METAL FEST
MESAGNE (BR)

26/08/17
HARD ROCKOLO FESTIVAL
PARCO ROCCOLO - PIEVE DI CADORE (BL)

26/08/17
FESTA BIKERS (day 3)
ZONA INDUSTRIALE - COLOGNO AL SERIO (BG)

Liv Sin - Follow Me
06/08/2017
( 340 letture )
Durante la loro carriera, durata peraltro piuttosto a lungo, visto che si è snodata durante un arco temporale perdurato per circa tredici anni, i Sister Sin si sono ritagliati un certo spazio nel panorama heavy/rock internazionale. Andati temporaneamente in pausa dopo l’uscita di Black Lotus, ma in realtà mai più ritornati sulle scene, gli svedesi si erano segnalati per la loro musica piacevolmente ammiccante e per la voce abrasiva della cantante Liv Jagrell. Trascorsi un paio di anni, eccola tornare alla ribalta con una band chiamata Liv Sin, un progetto semi-personale che sembra in grado di ricalcare le orme del gruppo originale, ed un album intitolato Follow Me.

Sia l’album che, più in generale, la band stessa, sembrano la naturale evoluzione del lavoro del gruppo madre, ma con produzione molto più massiccia e pompata, tendente ad irrobustire una serie di pezzi basati su dei riff piuttosto semplici, sugli assoli catchy di Patrick Ankemark e (nemmeno a dirlo) sulle doti di Liv. Il risultato ottenuto, però, non sconfina mai in un muro del suono fine a se stesso, anche perché ad occuparsene sono stati tali Stefan Kaufmann e Fitty Wienhold, il che spiega perfettamente la presenza di determinati riff e di un certo retrogusto heavy anni 80. Tutto il disco vive appunto sulla voce e sulla credibilità della Jagrell, capace di infondere nel prodotto una grande veemenza, trasmessa ad un gruppo di pezzi che analizzati uno per uno sono divertenti e godibili, ma non fanno altro che ricalcare schemi ed arrangiamenti già ascoltati anche troppe volte. Nel complesso tutto suona “giusto” e graffiante, come ci si aspetta che faccia e tutto è costruito per esaltare le doti della front-woman, ma niente sembra in grado di restare nel tempo. Nel dettaglio, The Fall, Hypocrite, Killing Ourselves to Live ed Emperor of Chaos rappresentano la parte più cazzuta dell’album, mentre Let Me Out, Godless Utopia, Endless Roads ed Immortal Sin (da registrare qui la presenza come guest di Jyrki 69 dei The 69 Eyes) quella più di derivazione hard rock, con qualche inserimento più dark e/o commerciale. Black Souls, I’m Your Sin e la ballad che evolve in un brano sostenuto The Beast Inside sono invece il lato più anthemico. Discrete, infine, le prove dei musicisti, pur all’interno di un lavoro non incentrato sui virtuosismi.

Follow Me è un album ben fatto, capace di tenere buona compagnia e le canzoni che lo compongono faranno certamente ancora miglior figura in sede live, dato che sono concepite apposta per essere eseguite in concerto. Tutto scorre senza evidenti problemi ed alla fine dell’ascolto si resta discretamente soddisfatti, specialmente se si è avuta l’accortezza di piazzare il volume dalle parti del massimo per tutto il tempo. Tuttavia, contiene anche parecchie citazioni ed ispirazioni a più di una band del passato e neanche uno spunto realmente originale, ma probabilmente nemmeno mirava ad averne. Tirando le somme, i Liv Sin mantengono sostanzialmente le promesse, mettendo in evidenza la cantante (inevitabile e giusto) e la loro voglia di divertire e divertirsi senza cedere più di tanto alle mode. Un buon punto di partenza per una carriera simile a quella dei Sister Sin, ma in chiave più heavy.



VOTO RECENSORE
68
VOTO LETTORI
68 su 1 voti [ VOTA]
Sandro70
Domenica 6 Agosto 2017, 15.45.34
1
Album molto positivo.Liv Jagrell ruggisce come al solito e la nuova band randella che è un piacere. Voto 85.
INFORMAZIONI
2017
Despotz Records
Heavy
Tracklist
1. The Fall
2. Hypocrite
3. Let me Out
4. Black Souls
5. Godless Utopia
6. Endless Roads
7. Killing Ourselves to Live
8. I’m Your Sin
9. Emperor of Chaos
10. Immortal Sin
11. The Beast Inside
Line Up
Liv Jagrell (Voce)
Patrick Ankemark (Chitarra solista)
Chris Bertzell (Chitarra)
Tommie Winther (Basso)
Per Bjelovuk (Batteria)
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]