Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Living Colour
Shade
Demo

In Vain (SPA)
IV
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

14/12/17
HAMKA
Multiversal

15/12/17
AVENGED SEVENFOLD
The Stage - deluxe edition

15/12/17
DIRGE
Alma | Baltica

15/12/17
AERODYNE
Breaking Free

15/12/17
DE LA MUERTE
Venganza

15/12/17
DSEASE
Rotten Dreams

15/12/17
ASKING ALEXANDRIA
Asking Alexandria

15/12/17
MATERDEA
A Rose for Egeria - Deluxe Edition

15/12/17
MISTHERIA
Gemini

15/12/17
NEIGE MORTE
Trinnt

CONCERTI

14/12/17
GENUS ORDINIS DEI + GIGANTOMACHIA
TRAFFIC CLUB - ROMA

15/12/17
MOLLY HATCHET
BLOOM - MEZZAGO (MB)

15/12/17
SPEED STROKE + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

15/12/17
ELVENKING + ANCESTRAL
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

15/12/17
IFMT WINTER FEST (day 1)
CENTRO GIOVANILE CA VAINA - IMOLA

15/12/17
DEFLORE + DISUMANA RES
ALVARADO STREET - ROMA

16/12/17
JOHN DALLAS + GUESTS
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

16/12/17
CADAVERIA + GUESTS
CRASH - POZZUOLI (NA)

16/12/17
ELVENKING
OFFICINE SONORE - VERCELLI

16/12/17
MICHAEL ANGELO BATIO & BLACK HORNETS
REVOLVER - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

My Regime - Deranged Patterns
10/08/2017
( 297 letture )
La vulcanica mente di Spice, al secolo Christian Sj÷strand, giÓ cantante e bassista dei Spiritual Beggars fino al 2001, da diversi anni a questa parte ci ha regalato (con variegato gradimento) una marea di band spazianti per diversi generi anche molto diversi tra loro. Accantonato lo stoner dei giÓ citati Beggars e della Mushroom River Band, il Nostro si Ŕ lanciato a mani basse sul thrash dando vita ai Kayser prima e, dal 2016, ai My Regime, raccattando un po' di amici a destra e a manca, giÓ compagni di squadra in alcune delle sopraccitate band. Il qui presente album in analisi segue quindi a un anno di distanza il discreto esordio Dogmas che ci aveva presentato la band per la prima volta.

Il lavoro, con un'enigmatica copertina da incubo lovecraftiano dalle tinte putrescenti che rievoca in piccola parte gli Edge of Sanity, si apre dopo un'intro di percussioni con Time Slipping Out of Tune. Una chitarra grezza e potente dal sapore death anni '90 (non a caso il parallelismo con gli Edge of Sanity) sfocia in una fulminea composizione che richiama fortemente gli Slayer soprattutto per le linee vocali, ma anche nella struttura musicale. Palese anche nella successiva Rays of Grey il richiamo al quartetto losangelino, tanto che il riff iniziale sembra copiato paro a paro dalla ben nota Captor of Sin; il rallentamento a metÓ canzone e il conseguente "delirio chitarristico" (che, neanche a dirlo, riporta alla mente le plettrate assassine di Kerry King) non aiutano, andando ad allungare eccessivamente una canzone che giÓ non brillava di luce propria. Il discorso continua con Off to War, che si muove anch'essa sulle coordinate tracciate dagli Slayer del Nuovo Millennio, cosý come anche le seguenti I Am, che parte con arpeggi sinistri per poi scatenarsi successivamente in velocitÓ, The Sound of Dying Steam, Nervous Fort o The Cage, quest'ultima che presenta addirittura tracce del controverso Diabolus In Musica. Eccezion fatta per The Smiling Dog e la conclusiva Surreal Reality, che presentano sonoritÓ pi¨ death rilevate anche all'inizio, se si ascolta ad occhi chiusi si potrebbe senza troppi indugi pensare di essere al cospetto di un album inedito (ma neanche tanto) degli ormai molto (troppo) citati Slayer, per via dei palesi rimandi stilistici alla band e soprattutto da come il timbro vocale di Spice ricalchi quello di Tom Araya.

L'album per quanto non suonato male -e trova anzi anche alcuni punti discreti lungo tutta la sua durata- risulta per˛ eccessivamente stancante in quanto pedissequamente legato ai canoni dei Maestri e per questo privo di un qualsiasi briciolo di originalitÓ. A ci˛ si aggiunga anche una certa prolissitÓ delle composizioni, che snellite di una non indifferente dose di avvitamenti su sÚ stesse probabilmente non si riverserebbero come un macigno sulle orecchie dell'ascoltatore. Se fosse stato, come poteva sembrare, l'ultimo album dei quattro di Los Angeles ci si sarebbe meravigliati della lunghezza delle canzoni, che nonostante la rapiditÓ di certi passaggi si fa sentire tutta, e dalla generale carenza di inventiva, ma essendo il nome impresso in copertina tutt'altro, c'Ŕ da chiedersi effettivamente il fine ultimo di una release di questo tipo, osservando poi che il buon Spice una band intenta a proporre thrash un filo pi¨ originale ce l'ha giÓ.



VOTO RECENSORE
55
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Scarlet Records
Thrash
Tracklist
1. Deranged Patterns
2. Time Slipping Out of Tune
3. Rays of Grey
4. Off to War
5. I Am
6. The Sound of Dying Dreams
7. Nervous Fort
8. The Smiling Dog
9. The Cage
10. Silver
11. Surreal Reality
Line Up
Spice (Voce, Chitarra)
Marvin Kairenius (Chitarra)
Alexander Sekulowski (Basso)
Bob Ruben (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]