Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Toxik - Breaking Class
16/08/2017
( 1792 letture )
Diciamoci la verità: la reunion del 2010, la pre-release di In Humanity del 2014 con una formazione decisamente stellare e, con la stessa nel medesimo anno, il conseguente flash tour europeo (con una manciata di date che ha toccato fortunatamente anche l’Italia) avevano decisamente illuso tutti che i leggendari Toxik fossero davvero tornati. Purtroppo il music business odierno non guarda in faccia a nessuno, si basa sui numeri e sulle statistiche degli introiti, non più sul cuore e sulla passione, tanto che in brevissimo tempo ¾ della band ha seguito la propria strada: cuore e passione del combo newyorchese sono nuovamente finiti nelle mani del chitarrista e mastermind Josh Christian, talento infinito e di una classe cristallina (per chi vi scrive al pari di gente come Jason Becker, Marty Friedman e Alex Skolnick), che conscio delle proprie potenzialità e delle sue buone intenzioni non ha fatto altro che restarsene in silenzio, comporre nuovo materiale inedito e reclutare ovviamente nuovi e vecchi compagni di viaggio in questa fantastica avventura che dura dal 1985 e che, nonostante uno split-up durato ufficialmente 20 anni, ha sempre avuto un cuore pulsante e carico di innovazione e originalità pronta a esplodere in qualunque momento.

Quel momento è finalmente arrivato con la pubblicazione fisica, quindi non solo digitale, del nuovo EP intitolato Breaking Class, composto da soli tre brani ma esaltante antipasto di quella che sarà la nuova fatica discografica degli americani. Il connubbio tra passato e futuro è fortissimo in questa nuova formazione di casa Toxik, tanto che a compensare le giovani new entry della sezione ritmica, i talentuosi Shane Boulos al basso e James DeMaria alla batteria, Mr. Josh Christian ha richiamato al microfono nientemeno che Charlie Sabin, storico singer del mai troppo acclamato Think This, e se le premesse sono queste c’è davvero da fregarsi le mani dalla felicità. Sì perché, pur essendo solo 12:36 minuti di musica, questo Breaking Class fa sobbalzare sulla sedia per la freschezza delle idee, tramortisce per la caratura tecnica dei musicisti che vi hanno partecipato e soprattutto rimette finalmente in moto la macchina della band con presa sicura e voglia di fare. Per far felici tutti i fan della band basterebbe semplicemente l’iniziale Stand Up, che pur nel suo semplice songwriting strutturale rivela in un colpo solo tutta la prorompenza delle idee musicali e argomentative della band e rappresenta un chiarissimo richiamo all’adunanza generale contro ciò che il sistema mondiale ha costruito in silenzio e in segreto, nella più totale noncuranza della popolazione ottusa e ipnotizzata da valori temporanei ed effimeri. Il concetto viene rimarcato dalla titletrack, un concentrato assassino di tecnica, velocità, precisione, armonia, ribellione alla standardizzazione mentale e denuncia della violenza tecnocratica del sistema, che ci riduce come schiavi che schiavizzano altri schiavi, in un’infinita guerra tra poveri seguita dall’alto da burattinai implacabili e aguzzini ferrei, il più delle volte vestiti in giacca e cravatta. É però con la conclusiva Psyop che i Toxik piazzano un pugno diretto in faccia a tutto ciò che l’America rappresenta o vuole far credere di rappresentare al mondo intero, attraverso il suo “American Way”: una società basata su contraddizioni che l’hanno resa grande e vulnerabile al tempo stesso e nelle cui contraddizioni sguazza e prolifera tutto ciò che di più malsano si possa pensare, il tutto condito, guidato e orchestrato dalla paura personale quotidiana di fare un passo falso, di non fare ciò che ti è stato detto di fare, e di restare vittima inascoltata e inaiutata della “Under God, One Nation Indivisible”. Detto di una giovane sezione ritmica chirurgicamente implacabile, è esaltante risentire alla voce dopo quasi 30 anni un Sabin che non ha perso un’oncia della sua carica teatrale e interpretativa e da pelle d’oca la maestria alle sei corde di un Christian in stato di grazia e conscio più che mai di aver riportato la sua band sul giusto binario.

I Toxik non sono mai stati una band particolarmente fortunata, anzi troppo spesso snobbata o dimenticata dalla scena thrash, che ovviamente anche solo negli ultimi 20 anni ha cambiato faccia più e più volte dimenticandosi fin troppo facilmente quali dovrebbero essere i capisaldi argomentativi e strutturali di un genere che speriamo tutti non morirà mai: questo loro ritorno non è di certo frutto di un business programmato ma è indiscutibilmente un grido di rinascita che farà di tutto fuorchè rimanere isolato o gettato al vento. Bentornati Toxik, e che ritorno!



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
74.33 su 6 voti [ VOTA]
Textures
Sabato 9 Settembre 2017, 7.26.39
19
Hanno annullato le date qui in Italia.......
nonchalance
Venerdì 1 Settembre 2017, 19.54.56
18
Perché é "di produzione propria".. AHAHAH
Steelminded
Venerdì 1 Settembre 2017, 18.54.55
17
Ma perché questo è classificato come demo?
duke
Martedì 29 Agosto 2017, 22.30.07
16
felice del loro ritorno sulla scena...grandi !
BringerOfLight
Venerdì 25 Agosto 2017, 9.46.15
15
Il commento 7 di MH ha vinto tutto.
Tatore
Martedì 22 Agosto 2017, 14.03.54
14
Io non ci vengo a prendere gli autografi...te li fai fare anche per me?
d.r.i.
Martedì 22 Agosto 2017, 13.21.48
13
Lo ascolterò in preparazione del 12 settembre, dove lo comprerò per poi sperare negli autografi Spero, ma dubito fortemente, che al loro merch ci siano i primi due cd (sì sì credici)
LAMBRUSCORE
Lunedì 21 Agosto 2017, 20.43.03
12
D'accordo con Rik. @MH, se conosci il genere, sai bene che tratta da 30 anni questi temi, quindi non rompere i maroni, dai...e goditi la musica, ammesso che ti piaccia questo tipo di metal.
rik bay area thrash
Sabato 19 Agosto 2017, 18.31.22
11
L' unico appunto che si può fare e che è solo un mini cd ... per adesso. Chi non apprezza il thrash e tutto il contestuale inerente, non deve fare altro che rivolgere la propria attenzione su altri generi e sottogeneri musicali .... bentornati toxik !!!!
lisablack
Sabato 19 Agosto 2017, 15.51.00
10
Eccomi, ci sei anche tu Arrow Nail alla festa delle macchiette?? Ahhahahahah, Grandi Toxik!!!
ian
Sabato 19 Agosto 2017, 15.44.12
9
Ma perché offendersi a vicenda?? Parlate del disco e stop!!! Grandi Toxik!!!
Arrow Nail
Sabato 19 Agosto 2017, 15.36.11
8
Ci mancava quello col monicker metal4ever, e pure complottista ahahahhaha... E Lisa black dove sta??? Manca solo lei alla festa delle macchiette
MH
Sabato 19 Agosto 2017, 9.34.32
7
@metal4ever: Eccolo lì! Io continuerò a tenere la testa sotto la sabbia, tu continua a vigilare su noi poveri zombie e a smascherare complotti scrivendo al computer (sicuramente non costruito da una multinazionale), informandoti su Google (che NON è una multinazionale) grazie a Internet (che NON è stato creato dalle grandi potenze brutte e cattive a scopi militari....) Ciao mitico!
Michele "Axoras"
Venerdì 18 Agosto 2017, 18.51.00
6
E' da un po' di tempo che mi sono lentamente distaccato dal thrash, per quanto ami ancora sentirlo di tanto in tanto. Tuttavia ammetto che questo EP mi è piaciuto molto, vediamo come evolve la situazione in un eventuale full length !
Antonino
Venerdì 18 Agosto 2017, 9.45.42
5
Non volevo ascoltarlo per timore, ma sto gran cazzzo è bellissimo, adesso ci vuole un album
Metal4Ever
Giovedì 17 Agosto 2017, 18.59.01
4
@MH siccome il tuo è il classico commento denigratorio, che potevi benissimo evitare, anziché scrivere solo perché hai una tastiera, vedi di continuare a tenere la testa sotto la sabbia che tanto sei in pessima, abbondante compagnia di struzzi-pecora.Grandi Toxik e i pochi che hanno capito come gira il mondo.
Crimson
Giovedì 17 Agosto 2017, 12.44.33
3
Avendolo ascoltato poco, non posso parlare di giudizio ma di impressione. E la mia impressione è abbastanza negativa, non mi ha colpito per nulla e trovo tutto standardizzato e medio.
MH
Giovedì 17 Agosto 2017, 9.59.00
2
Ma tra i testi delle canzoni, oltre all'"adunanza generale contro ciò che il sistema mondiale ha costruito in silenzio e in segreto", ci sono rimandi anche alle scie chimiche, ai vaccini che causano l'autismo ed ai microchip sotto-pelle o quelli ce li teniamo per il disco completo?
Doom
Mercoledì 16 Agosto 2017, 21.13.30
1
..hai capito! Son tornati i Toxik anche in studio. Mi fa' piacere, se ci sarà tempo saro' un ascolto.
INFORMAZIONI
2017
Autoprodotto
Thrash
Tracklist
1. Stand Up
2. Breaking Class
3. Psyop
Line Up
Charlie Sabin (Voce)
Josh Christian (Chitarra)
Shane Boulos (Basso)
James DeMaria (Batteria)
 
RECENSIONI
85
89
ARTICOLI
09/05/2014
Live Report
TOXIK + ENDOVEIN + GUESTS
White Lion, Leinì (TO), 04/05/14
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]