Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ihsahn
Arktis.
Demo

Protest The Hero
Pacific Myth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/06/16
TEODASIA
Reloaded

30/06/16
PROJECT SILENCE
Slave to the Machine

01/07/16
EDWARD HELSING
All The Way Diabolic

01/07/16
INSANE VESPER
LayiL

01/07/16
LANFEAR
The Code Inherited

01/07/16
STORM OF PARTICLES
Storm of Particles

01/07/16
CHELSEA GRIN
Self Inflicted

01/07/16
ORACLES
Miserycorde

01/07/16
ANAL BLASPHEMY
Western Decadence

07/07/16
MIRRORMAZE
Break the Horizon

CONCERTI

28/06/16
MUNICIPAL WASTE + GUEST
TRAFFIC CLUB - ROMA

29/06/16
MUNICIPAL WASTE + CRIPPLE BASTARDS + GAME OVER
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

30/06/16
BAD RELIGION
FIERA DELLA MUSICA - AZZANO DECIMO (PN)

30/06/16
SOTTOZERO SUMMER FEST
CASSINONE DI SERIATE (BG)

01/07/16
BAD RELIGION
MARKET SOUND - MILANO

02/07/16
DAVID GILMOUR
CIRCO MASSIMO - ROMA

02/07/16
VASTONHATE FEST (day 2)
PUB XXIII - CALTANISSETTA

03/07/16
BRUCE SPRINGSTEEN
STADIO SAN SIRO - MILANO

03/07/16
DAVID GILMOUR
CIRCO MASSIMO - ROMA

04/07/16
SLAYER + CARCASS + BEHEMOTH
MARKET SOUND - MILANO

Kiju - Demo(n)cracy
( 919 letture )
Quello che risponde al nome di Demo(n)cracy si presenta come un disco dall’artwork curato, con un booklet ben costruito e suoni di una qualità tale da poter fare invidia alla maggior parte dei gruppi emergenti dello stivale. Stiamo parlando di una band ai propri inizi, ma è palese dal primo ascolto che si tratta di qualcosa che va oltre all’incisione di una manciata di pezzi con il solo scopo di ottenere visibilità ed un migliore contratto. Si tratta di un disco a tutti gli effetti, e lo si capisce dalla maniera in cui le canzoni si susseguono e sviluppano durante i cinquanta minuti, costruendo un prodotto musicale omogeneo e continuo nelle atmosfere quanto nelle tematiche (tendenzialmente “contro il sistema”). Sono toscani i Kiju, eppure abili nel mimetizzarsi dietro ad un suono che è allo stesso tempo molto USA e anti-USA oriented. Descrivere ciò che Demo(n)cracy farà uscire dalle casse del vostro stereo non è semplice, anzitutto perchè non nutro grande simpatia nei confronti delle definizioni di ultima generazione, e poi perchè a questo sound moderno i Kiju aggiungono un tocco particolare, qualcosa di folle ed ironico che lascia una firma inconfondibile su ogni brano dell’album. Il riffing è potente, spesso autore di atmosfere oscure ed oppressive che ricordano i Sepultura dei tempi migliori, ed è innegabile anche l’ispirazione che il vocalist Vitto trae da sua maestà Cavalera. Alcuni episodi (“Bean”, “Disappear”) sono segnati dall’utilizzo di refrain melodici in stile S.O.A.D. che spezzano la ripetitività di una proposta che rischierebbe altrimenti, a lungo andare, di risultare ossessivamente fastidiosa nella sua monotonia. Una leggera virata di tendenza si coglie negli ultimi brani del lavoro: qui influenze di diversa provenienza si fondono in un calderone che racchiude sfuriate al limite del grind, inserti industrial sullo stile dei primi Slipknot e assoli “alla Necrophobic”, il tutto con risultati meno soddisfacenti rispetto a quanto ascoltato in precedenza. Tra le dodici canzoni, una particolare nota di merito va concessa al trio d’apertura “Tag Your Bones”, “Inside” e “I Don’t Tolerate” che con la loro furia sapranno sicuramente scatenare le vostre teste sin dai primi ascolti. Il risultato finale è molto buono e se consideriamo che questi ragazzi hanno una discreta esperienza live anche fuori dall’Italia, c’è davvero da fare i migliori auguri per il futuro che meritano.


VOTO RECENSORE
78
VOTO LETTORI
28.56 su 23 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2005
Hardebaran
Inclassificabile
Tracklist
1. TAG YOUR BONES
2. INSIDE
3. I DON'T TOLERATE WHO'S NOT TOLERANT
4. DESERVE THE TRUTH
5. DISAPPEAR
6. SEIZED BY THE NECK
7. BEAN
8. SURF DIESEL
9. BULLSHIT HANDBOOK
10. BORN ABORTED
11. VI
12. DOG
Line Up
Cafa - bass
Cance - guitar
Robe - guitar
Ghizzo - drums
Vitto - vocal
 
ARTICOLI
4/5/07
Intervista
KIJU
Parla la band
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]