Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Phil Campbell
Old Lions Still Roar
Demo

Pinewalker
Migration
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

18/11/19
MARRAS
Where Light Comes to Die

21/11/19
SIGNUM REGIS
The Seal Of A New World

21/11/19
DUST
Breaking The Silence

22/11/19
SODOM
Out of the Frontline Trench

22/11/19
MAGIC KINGDOM
MetAlmighty

22/11/19
THE WHO
Who

22/11/19
LINDEMANN
F & M

22/11/19
CRYSTAL VIPER
Tales of Fire and Ice

22/11/19
BLOOD INCANTATION
Hidden HIstory of the Human Race

22/11/19
LORD MANTIS
Universal Death Church

CONCERTI

17/11/19
PROFANATICA + DEMONOMANCY
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/19
LEPROUS + THE OCEAN + PORT NOIR
CAMPUS INDUSTRY MUSIC - PARMA

19/11/19
SACRED REICH
LEGEND CLUB - MILANO

19/11/19
GODSPEED YOU! BLACK EMPEROR + METTE RASMUSSEN
HALL - PADOVA

20/11/19
AMON AMARTH + ARCH ENEMY + HYPOCRISY
ALCATRAZ - MILANO

21/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
PHENOMENON - FONTANETO D/AGOGNA (NO)

22/11/19
EARTH + GUEST
BLOOM - MEZZAGO (MB)

22/11/19
SKID ROW + HOLLOWSTAR
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

22/11/19
HEIDEVOLK + GUESTS
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

22/11/19
STRANA OFFICINA + COLONNELLI
THE CAGE THEATRE - LIVORNO

The Fall Of Every Season - From Below
( 3677 letture )
Non credo di azzardare oltremodo pronosticando il 2007 come una annata degna di nota per il genere doom, considerato il nutrito numero di band che hanno scelto di pubblicare la nuova fatica in questo periodo.
Di contro, certo stupisce accogliere un esordio di tale caratura, figlio di un progetto "one-man-band"; difatti, dietro al monicker The Fall Of Every Season si cela Marius Strand, unico burattinaio di questa oscura ma affascinante opera.
Nonostante From Below non possa definirsi particolarmente originale, sin dalla prima traccia pone in primo piano la qualità come marchio di fabbrica: quindi un doom si debitore di diversi "grossi nomi" del genere, ma assolutamente ispirato e in grado di accarezzare i temi tipici con grande gusto e perizia. Infatti Strand piuttosto che intraprendere la strada del classico funeral doom o dell'ancora più inflazionato gothic-doom/death, preferisce sposare la nobile causa della sperimentazione, avventurandosi in territori dove le atmosfere malinconiche e dilatate sono magistralmente accompagnate da strutture (permettetemi il gergo) "progressive", costantemente impreziosite da arpeggi acustici e tappeti di piano.
Allo stesso modo, perfetta l'altalena vocale, in un equilibrato gioco di clean vocals e profondi growls soffocanti, incapaci di rubare la romantica e malinconica scena. Le trame difatti echeggiano verso una delicata melodia, meravigliosamente spiazzante vista la linfa oscura che nutre il platter.
Poco meno di cinquanta minuti per un totale di 5 brani, di cui due (Sisyphean ed Escape Of The Dove) fungono da siparietti alle tre lunghe tracce portanti del disco; attimi che nonostante la loro solennità corrono veloci come l'alito di una vita che si spegne.
L'unico neo è da ricercare per l'appunto nei facili richiami verso altre formazioni: innegabile la vicinanza con gli Opeth più cadenzati e atmosferici, maestri nel fondere l'estremo ad aperture acustiche/psichedeliche, così come la somiglianza con la voce del leader Mikael Akerfeldt ha del sorprendente; meno evidente ma comunque orecchiabile la contaminazione di band come Anathema e Saturnus, nella lettura "melo-romantica" del genere.
In definitiva un prodotto notevole che merita assoluta considerazione, viste le nutrite peculiarità, sicuramente capace di rapire l'attenzione di un variegato pubblico (quindi non solo gli affezionati del genre), ma soprattutto in grado di porre Marius Strand come la figura emergente di maggiore interesse in ambiente doom; infine un applauso alla Aftermath Music, attenta e capace nel pescare il jolly della situazione.

Complimenti!



VOTO RECENSORE
80
VOTO LETTORI
33.6 su 25 voti [ VOTA]
master444
Martedì 27 Marzo 2007, 9.42.21
2
in cert momenti devastante...bella rece
Il Mentalista
Lunedì 26 Marzo 2007, 13.29.48
1
Bella recensione, bellissimo disco e bentornato Luca!
INFORMAZIONI
2007
Aftermath Music
Doom
Tracklist
1. From Below
2. Sisyphean
3. The Triumphant Beast
4. Escape Of The Dove
5. Her Withering Petals
Line Up
Marius Strand (one man band: Vocals, acoustic and electric guitars, bass guitars, piano, drums and programming)

www.thefallofeveryseason.com
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]