Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Premiata Forneria Marconi
Emotional Tattoos
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
WILDNESS
Wildness

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
DEGIAL
Predator Reign

CONCERTI

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

19/11/17
ROCK TOWERS FESTIVAL
ESTRAGON - BOLOGNA

19/11/17
BACKYARD BABIES + GUESTS
LAND OF FREEDOM - LEGNANO (MI)

19/11/17
SOULS OF DIOTIMA
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

22/11/17
MARILYN MANSON + GUEST
PALA ALPITOUR - TORINO

22/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

23/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
QUIRINETTA - ROMA

24/11/17
ULVER + STIAN WESTERHUS
ALMAGIA' TRANSMISSIONS FESTIVAL - RAVENNA

24/11/17
DESPITE EXILE
VECCHIA SCUOLA PUB - PALAZZOLO (BS)

24/11/17
BLACK STAR RIDERS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

Grand Funk - We’re an American Band
09/09/2017
( 553 letture )
Siamo nel 1968 e ci troviamo a Flint, cittadina del Michigan nei pressi di Detroit. Tre ragazzi appena ventenni formano la band che prende il nome di Grand Funk, giocando con il nome della ferrovia che attraversa la propria città, la Grand Trunk Railroad. Il loro debutto avviene l’anno successivo con l’album On Time. Fin da subito, si capisce l’enorme potenziale del gruppo che, in soli 5 anni, sforna la bellezza di sette LP, bucando rapidamente il mercato e affermandosi in patria e all’estero con oltre 20 milioni di copie vendute, divenendo così una delle pochissime formazioni hard rock in grado di confrontarsi con i rivali albionici. Oltre alla qualità musicale, il loro successo deve essere imputato al produttore Terry Knight che intavolò una campagna mediatica senza precedenti, tappezzando persino Time Square con i loro volti. La loro musica, pur essendo ascrivibile pienamente nell’hard rock, presenta una fortissima influenza blues (almeno fino al 1972, quando entrò stabilmente in line up Craig Frost alle tastiere) che a tratti si spinge nei territori neri del funk e del soul. Il sound, pur essendo composto da soli tre strumenti, risulta assai ricco con la forte presenza dell’organo hammond e un basso che buca il mix a tal punto da risultare a tratti lo strumento più percepibile (specialmente nei live).

Oggi parliamo di uno dei loro dischi più famosi, dal titolo semplice e diretto che ha il chiaro intento di rimarcare il concetto che “We're an American Band”, a dimostrazione della loro unicità nel panorama hard rock, che da sempre ha visto l’Inghilterra in primo piano. L’artwork è senza troppi fronzoli: sfondo ocra sfumato con il nome del gruppo e la sola scritta We're an American Band. Non sarà di certo una copertina di grande impatto visivo, ma sicuramente ci invia un messaggio chiaro e inequivocabile.

L’album si articola su otto tracce (quattro per lato) che, con le dovute differenze, ricordano un po’ lo stile dei Deep Purple di Stormbringer e Come Taste The Band: si tratta infatti di un hard tock fortemente influenzato dalla musica nera, che si distanzia dalle sonorità più dure e classicheggianti dei Deep Purple delle origini. Si inizia con la title track, non che uno dei brani più famosi della band. Il cowbell di Don Brewer ci da subito l’idea di cosa ci aspetta: una valanga di groove ed energia conditi da un riffing eccezionalmente efficace che sfida l’ascoltare a rimanere fermo. Si prosegue con Stop Lookin' Back, brano dal groove spaventosamente trascinante, che contiene al suo interno continue mutazioni che impreziosiscono il mix avvicinandosi a tratti ad atmosfere quasi psichedeliche. Creepin' ha un appeal di stampo pienamente soul, la prova vocale di Mark Farner va sottolineata per l’altissimo livello dell’interpretazione e dell’espressività. Il lato A chiude con Black Licorice, pezzo tiratissimo, fortemente rock blues, che rimanda vagamente a Stevie Ray Vougan, brano descrivibile con una semplice etichetta: energia allo stato puro. Il B side apre con The Railroad, quasi una ballad, che mantiene però una carica energetica notevole, liricità e psichedelia. Ain't Got Nobody, per quanto molto piacevole, si piazza forse all’ultimo gradino del podio, soprattutto in quanto messa a confronto con tracce di eccezionale qualità. Brano molto allegro e divertente ma non strabiliante come il resto del disco. Walk Like a Man mantiene l’enorme carica energetica dei precedenti pezzi: anche qui la prova vocale di Mark Farner risulta eccelsa, ma questo in realtà non è una caratteristica unicamente scrivibile a questo brano (da dire che in qualsiasi brano è praticamente impossibile trovare pecche dal quel punto di vista). We're an American Band volge al termine con Loneliest Rider, brano molto più soft dei precedenti, dai tratti quasi AOR con richiami progressivi.

Dopo questi quaranta minuti in compagnia dei Grand Funk restano tante sensazioni, ma quella che ogni oltre ragionevole dubbio prende il palcoscenico è l’energia. Questo disco è un concentrato di energia pura, trasmessa con perizia tecnica impeccabile ed una produzione eccezionale. Ascoltarlo a distanza di più di quarant’anni dall’uscita regala emozioni fuori dal comune. Il fatto che ancora risulti fresco e attuale ci impone di calarci nei panni degli ascoltatori dell’epoca e immaginare quali sensazioni poteva regalare all’epoca, solo così possiamo comprende fino in fondo la grandezza di questa eccezionale band. In sintesi possiamo dire che si tratta di uno di quei dischi che ogni appassionato di hard rock deve avere nella propria collezione, uno di quegli album dove è veramente complesso trovare dei punti di debolezza.



VOTO RECENSORE
92
VOTO LETTORI
87.66 su 3 voti [ VOTA]
EVH
Mercoledì 13 Settembre 2017, 17.33.03
9
grandissima band .... BRIVIDI ... Gruppo seminale !!!!!
duke
Domenica 10 Settembre 2017, 22.07.44
8
tra le band piu' importanti del periodo....eccezionali dal vivo!
Galilee
Sabato 9 Settembre 2017, 14.39.42
7
Non ricordo se ho proprio questo. Comunque grande band. Di sicuro la canzone che dà il titolo al disco l'ho sentita per la prima volta coverizzata da Bret Michaels dei Poison.
nonchalance
Sabato 9 Settembre 2017, 12.55.20
6
@Rob Fleming: Sì, la so la "storiella"..anch'io li ho tutti! Però, se guardi qua in alto..
Fabio Rasta
Sabato 9 Settembre 2017, 12.35.47
5
Da sempre gruppo "cardine" a cui l'Hard Rock deve tantissimo. Credo (credo!) sia a loro, + che agli MC5, che i KISS dedicheranno Detroit Rock City, visti i numerosi omaggi musicali tributati ai Grand Funk da parte dei quattro tipacci mascherati. Il mio preferito rimane sempre Closer To Home, ma il presente non scherza affatto ed è illustrato molto bene nella bella recensione. Walk Like A Man ricorda molto, non solo nel titolo, Love Like A Man dei TEN YEARS AFTER (1969), specie nel ritornello classico Re-La-Mi. Un omaggio?
InvictuSteele
Sabato 9 Settembre 2017, 12.24.17
4
Un ottimo lavoro, il loro più popolare e commercialmente di più successo. Qui i nostri adottano un suono più pulito e scarno e orecchiabile, per molti il disco rappresenta il tradimento ma è pur sempre un album di una band fantastica. Certo, io preferisco i precedenti, E pluribus funk è un capolavoro, oppure l'omonimo che già nel 1969 presenta suoni che saranno stoner venti anni prima dello stoner. E poi diciamolo, Mel Schacher è il più grande bassista della storia, altro che Steve Harris.
Rob Fleming
Sabato 9 Settembre 2017, 12.15.09
3
@nonchalance: passami la provocazione. Ma quello che citi tu è un altro gruppo: i Grand Funk Railroad. Da Phoenix (bellissimo) tolsero dalla ragione sociale, quanto meno in copertina, Railroad e restarono solamente Grand Funk (per qualche anno sino al live Caught in the act) e divennero assai più eleganti. Però al di là di queste inezie, è vero che dopo Live (pura devastazione sonora) si "pulirono" nella produzione risultando assai più assimilabili. Io li ho sino a Caught in the Act e li trovo veramente grandissimi
nonchalance
Sabato 9 Settembre 2017, 12.02.50
2
Sarebbe stato meglio, secondo me, iniziare dai migl -ehm! - dai primi però, fa sempre piacere vedere certe band che hanno gettato le fondamenta del "nostro" genere. Comunque, una curiosità: se a questo si da 92, a "On Time", "Grand Funk" e "Closer to Home" arriviamo quasi a 100..?! Non parliamo, poi, del mitico Live.. sbavv
Rob Fleming
Sabato 9 Settembre 2017, 11.43.58
1
Non è il loro lavoro migliore, ma sicuramente quello più fortunato in termini di popolarità. Album al secondo posto, We're an american band primo tra i singoli, Railroad una ballata di rara bellezza; Black Licorice potentissima e scatenata. Sublimi. Ce ne fossero al giorno d'oggi. Bravo recensore che mette in evidenza le doti canore di Mark Farmer, un fuoriclasse che tutti, io per primo, si dimenticano di citare tra i grandissimi. Un'osservazione in merito a Black Licorice: affermare che rimanda vagamente a Stevie Ray Vougan (Stevie Ray Vaughan) è a mio avviso errato dato che stiamo parlando di uno che è venuto fuori dieci anni dopo. 83
INFORMAZIONI
1973
Capitol Records
Hard Rock
Tracklist
1. We're an American Band
2. Stop Lookin' Back
3. Creepin'
4. Black Licorice
5. The Railroad
6. Ain't Got Nobody
7. Walk Like a Man
8. Loneliest Rider
Line Up
Mark Farner (Voce, Chitarra, Tastiera)
Craig Frost (Tastiera)
Mel Schacher (Basso)
Don Brewer (Batteria, Voce)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]