Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Primal Fear
Apocalypse
Demo

Talbot
Magnetism
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

24/08/18
HOPELEZZ
Stories Of A War Long Forgotten

24/08/18
ANCESTORS
Suspended In Reflection

24/08/18
PAUL FERGUSON
Remote Viewing

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
FOSCOR
Les Irreals Versions

24/08/18
THE AMITY AFFLICTION
Misery

24/08/18
DIABOLOS DUST
The Reaper Returns

24/08/18
SEPTEKH
Pilgrim

24/08/18
DARK MILLENNIUM
Where Oceans Collide

27/08/18
EMINENCE
Minds Apart

CONCERTI

20/08/18
THE BLACK DAHLIA MURDER + INGESTED + ELECTROCUTION
CIRCOLO MAGNOLIA - SEGRATE (MI)

20/08/18
COUNTERPARTS + GUESTS
ARGO 16 - VENEZIA

21/08/18
ORIGIN + GUEST
CIRCOLO SVOLTA - MILANO

22/08/18
DYING FETUS + TOXIC HOLOCAUST + GOATWHORE
DAGDA LIVE CLUB - RETORBIDO (PV)

22/08/18
ORIGIN + GUEST
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

23/08/18
PICTURE + SØNDAG
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
BLAZE BAYLEY + WHITE SKULL + I AM LETHE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

24/08/18
SEXPERIENCE + STONEDRIFT
I MERCENARI BIRRERIA - VIADANA (MN)

25/08/18
ANGEL WITCH + METHEDRAS + ANGUISH FORCE
FESTA BIKERS - COLOGNO AL SERIO (BG)

25/08/18
METAL REDENTOR FEST
SPAZIO LUPARDINE - REGGIO CALABRIA

Loudness - Live Loud Alive
( 3008 letture )
Noti a taluni soltanto a partire dall’esperienza U.S.A. di Thunder in the East che li impose a livello internazionale, i Loudness vantavano invece una carriera pregressa di tutto rispetto. Per chi li apprezzava per la loro precisa connotazione nipponica, un vessillo allora sventolato soltanto da loro, dai Bow Wow, dagli Ezo e pochi altri, quell’album, pur essendo apprezzabile di per sé, non rappresentava più la vera essenza della loro musica. Facendo seguito a The Law of Devil’s Land uscì, solo in Giappone, un monumentale doppio live ristampato in Europa dalla Roadrunner nel 1984 a causa del clamoroso successo della versione inglese di Disillusion, che era la somma di tutto quello che la band fino ad allora era riuscita a costruire. Non si può a questo punto che concentrarsi sulla figura del miglior chitarrista del Sol Levante, il quale pur risultando profondamente in debito con la lezione di Van Halen, rivaleggiava a pieno titolo con il ben più noto europeo nell’uso del tapping e di scale eseguite a velocità ultrasonica, ma senza mai perdere di vista un prezioso modo di comporre. Egli, infatti, non usava mai le canzoni come pretesto per fare sfoggio di sola tecnica esecutiva come altri più blasonati colleghi, ma proponendo al contrario l’assieme di un massiccio e raffinato heavy metal “british”, quindi di matrice N.W.O.B.H.M. e vagamente priestiano, ricco di un grande impatto, ma venato da una epicità e da un gusto lirico tipicamente orientali. Un’altra caratteristica sicuramente apprezzabile ed invece eliminata nel prosieguo dell’avventura americana, era costituita dal timbro vocale del vocalist Minori Niihara, sicuramente molto particolare per gli standard occidentali. La sua pronuncia talvolta incerta dell’inglese, con vocali molto chiuse e dal timbro molto nasale, dava personalità genuina al combo, un senso di appartenenza alla terra dei samurai che poi, come detto, verrà eliminata in favore di un altro cantante, Mike Vescera, più adatto ai padiglioni auricolari statunitensi, molto poco inclini a concedere credito a chi non si adatta ai loro canoni.

I due vinili, registrati presso il Nakano Sun Plaza nel Settembre dell’83, propongono una panoramica dei pezzi migliori estrapolati dai primi tre lavori, col valore aggiunto di un surplus di potenza che la dimensione live offre sempre da parte di chi sa stare su di un palco e sono disseminati di gemme esecutive di Akira. Questo si dimostra ora arrendevole, ora violento, ma non brutale con la sua mitica ESP, ed è assecondato come si deve da Masayoshi Yamashita al basso e da Munetaka Higuchi alla batteria, il quale si permette anche di piazzare un lungo assolo in coda a Tusk of Jaguar, pezzo poi riproposto sul primo album solista di Takasaki. Il doppio, aperto da un intro tratto da The Planets di Gustav Holst eseguito dalla Orchestre National de l’Opera de Montecarlo agli ordini di Antonio de Almeida e chiuso da un outro noto ai più come Theme of Loudness II, si snoda facendo perno su classici come In the Mirror, I Was the Sun (perfetto esempio dell’epicità orientale a cui facevamo riferimento in precedenza), Exploder, Speed e nel suo complesso rappresenta una preziosa istantanea di come era il gruppo prima che venisse assorbito dal music business statunitense, dunque nel suo momento più vero, con pregi e difetti, ma con maggiore onestà intellettuale. Dal punto di vista del suono il lavoro risente a monte di una registrazione non ottimale, che appiattisce un po’ il tutto, ma che è fedele al momento in cui le canzoni sono state “catturate” dal vivo. La versione rimasterizzata in DVD del 2005 fornisce forse un’idea migliore delle potenzialità dal vivo del gruppo.

Se siete partiti dalla loro carriera post svolta americana, ossia da Thunder in the East, potreste rimanere spiazzati da un lavoro come questo. I Loudness erano una band profondamente heavy ed altrettanto profondamente giapponese, con i pro ed i contro della cosa, ma con una personalità che poco aveva a che fare con le stars and stripes, i capelli cotonati ed il trucco glam. Essi potevano mettere sul piatto un certo gusto orientale per il metal, seppur debitore verso i modelli occidentali, ma reso proprio e una cifra tecnica che va dal buono all’eccellente, laddove l’eccellenza era rappresentata chiaramente da Akira Takasaki. Quello che verrà dopo sarà spesso più che godibile, ma i tempi di Disillusion e di questo Live, Loud, Alive non torneranno mai più. Mettete dunque la bandana con le insegne del Sol Levante, entrate in un negozio di vecchi vinili ed urlate: “Banzaiii!!” prima di chiedere il disco. Se il negoziante non è in grado di fornirvi ciò che chiedete, fate giustizia dei suoi scaffali a colpi di katana, i Loudness approverebbero.



VOTO RECENSORE
81
VOTO LETTORI
67.18 su 49 voti [ VOTA]
Antonius Rex
Martedì 8 Gennaio 2008, 14.08.13
1
Album epocale.......uno dei migliori in assoluto.......
INFORMAZIONI
1984
Roadrunner Records
Heavy
Tracklist
1. Opening Theme (Mars, the Bringer of War)
2. In the Mirror
3. Road Racer
4. I was the Sun
5. Fly Away
6. Black Wall
7. Tusk of Jaguar/Drum Solo
8. Mr.Yes Man
9. Exploder/Heaven Ward
10. Loudness
11. Sleepless Night
12. Speed
13. Shinkiro
Line Up
Minoru Niihara (Voce)
Akira Takasaki (Chitarra)
Masayoshi Yamashita (Basso)
Munetaka Higuchi (Batteria)
 
RECENSIONI
71
78
78
80
81
86
80
80
62
ARTICOLI
13/02/2015
Articolo
LOUDNESS WAR
L'insensata guerra dei decibel
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]