Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ne Obliviscaris
Urn
Demo

Rust
Rust
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

22/11/17
HYPERION
Dangerous Days

24/11/17
HOUSTON
III

24/11/17
STRAY TRAIN
Blues From Hell

24/11/17
AETHERIAN
The Untamed Wilderness

24/11/17
DEEP AS OCEAN
Lost Hopes | Broken Mirrors

24/11/17
LOCH VOSTOK
Strife

24/11/17
TAAKE
Kong Vinter

24/11/17
STARBLIND
Never Seen Again

24/11/17
SCORPIONS
Born To Touch Your Feelings

24/11/17
ALMANAC
Kingslayer

CONCERTI

18/11/17
EXTREME NOISE TERROR + GUESTS
CSO RICOMINCIO DAL FARO - ROMA

18/11/17
HELLOWEEN
MEDIOLANUM FORUM - ASSAGO (MI)

18/11/17
BE THE WOLF + GUESTS
OFFICINE SONORE - VERCELLI

18/11/17
MORTUARY DRAPE + SULFUR + PRISON OF MIRRORS
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

18/11/17
CELESTIA + IMAGO MORTIS + BLAZE OF SORROW
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

18/11/17
HAVENLOST + DISEASE ILLUSION
ALCHEMICA MUSIC CLUB - BOLOGNA

18/11/17
ANIMAE SILENTES + VORTIKA
MOLIN DE PORTEGNACH - FAVER (TN)

18/11/17
DOMINANCE + CRISALIDE
BE MOVIE - SANT'ILARIO D'ENZA (RE)

18/11/17
UNMASK + KILLING A CLOUD
TEATRO LO SPAZIO - ROMA

19/11/17
CRIPPLED BLACK PHOENIX + EARTH ELECTRIC + JONATHAN HULTEN
SANTERIA SOCIAL CLUB - MILANO

Blind Seer - Apocalypse 2.0
18/09/2017
( 453 letture )
I belgi Blind Seer, trio formatosi nel settembre del 2013 come progetto dalle molteplici influenze, giungono al debutto discografico dopo l’EP pubblicato nel 2015, dando alle stampe il qui presente Apocalypse 2.0, presentato e pubblicizzato come la nuova sensazione di metal “sperimentale”.

Andando ad ascoltare la prima traccia, Deafening Silence, cominciamo però ad accorgerci del fatto che di sperimentale in senso stretto non c’è nulla. Se però nel significato si vuole includere l’assenza di strutture musicali definibili tali, ci si comincia a dirigere verso la strada giusta. Il brano, un tiepido hard/metal, scorre a fatica, la voce è davvero poco ispirata, tanto da sembrare una parodia di Biff Byford e, in alcuni momenti, rasenta l’inascoltabile. A coronare il tutto, assoli di chitarra messi un po’ a caso, e inserti elettronici di dubbio gusto. Continuando, le cose non migliorano. Su tutti i brani, compresa la cover del compianto David Bowie, aleggia una sensazione di incompiutezza, che li fa sembrare (ma forse lo sono davvero) un’accozzaglia di idee musicali buttate lì, senza una logica. Il che, osservato da un certo punto di vista, potrebbe anche essere una manifestazione della volontà di sperimentare, ma non la musica, bensì la pazienza del povero ascoltatore che ha dato una possibilità a questo album. In questo senso, l’esperimento è perfettamente riuscito. Davvero, non c’è alcun motivo di fare un track-by-track, perché i commenti sarebbero gli stessi per tutti i 53 minuti del disco.
In alcuni frangenti sembra persino che i musicisti non sappiano bene che tempo tenere, e perché si trovino lì, come protagonisti ignari di una jam-session nata male e cresciuta peggio. Si potrebbe provare a salvare perlomeno la copertina, ma anche lì c’è ben poco da fare: i colori e il flavour sci‑fi riportano alla mente quei videogiochi di serie B anni ’80/'90 che sarebbe stato meglio dimenticare...

Se il vostro coraggio vi consente di arrivare alla fine del disco (ma in realtà bastano un paio di tracce), sorge spontaneo chiedersi come abbiano fatto questi musicisti, se così possono essere definiti, a ottenere un contratto discografico con una label del calibro della Massacre Records, che non è certo l’ultima arrivata, e che annovera nel suo roster parecchie band di assoluto valore. Tutto questo accade tra l’altro in un periodo in cui produrre un disco diventa sempre più facile, tanto che basta possedere un computer e avvalersi di software semi-professionali per creare dei prodotti più che godibili (basta farsi un giro su Bandcamp per capire a cosa mi riferisco).
E a questo punto si potrebbe estendere il discorso, chiedendosi per quale motivo gruppi come i Blind Seer riescano a ottenere la pubblicazione di un disco, mentre altre realtà incredibilmente valide rimangono nell’oblio dell’underground. In buona sostanza, lasciate perdere il disco in questione: non lo farei ascoltare neanche al mio peggior nemico.



VOTO RECENSORE
42
VOTO LETTORI
30 su 3 voti [ VOTA]
Micologo
Mercoledì 20 Settembre 2017, 15.31.54
6
Mamma mia, ho ascoltato per curiosità il singolo sul tubo....e devo dire che se questi ce l'hanno fatta, a 'sto punto pure io a 40 anni suonati e coni tendini della mano sinistra arrugginiti posso sperare di pubblicare un disco!!!!! Motivante!
Quello che si offende facilmente
Martedì 19 Settembre 2017, 13.15.46
5
Eh si paghi e in cambio hai il tuo dischetto...e mi par di capir eche vale anche per i tour...magari ce li ritroviamo di spalla ai Maiden...
JJ Hopkins
Martedì 19 Settembre 2017, 11.09.18
4
@Wonderboy: pubblicare un disco di esordio su Massacre costa 5000 euro. Guarda quanti gruppi ha Massacre nel suo roster...
Antonino
Lunedì 18 Settembre 2017, 21.05.23
3
Che copertina orribile, so che non si dovrebbe giudicare in questo modo, ma mi fa stare alla larga dall'ascolto
Wonderboy
Lunedì 18 Settembre 2017, 19.56.30
2
@JJ hopkins: comprendo che l'industria musicale sia in un momento critico, ma vale la pena rischiare una figuraccia pur di incassare qualche soldo?
JJ Hopkins
Lunedì 18 Settembre 2017, 16.19.54
1
Rispondo al recensore: con Massacre Records e ormai quasi tutte le label basta pagare per farsi pubblicare un disco. È richiesta solo una produzione medio-alta e una pronuncia non palesemente ridicola. D'altronde senza introiti anche le label meno amatoriali faticano a campare...
INFORMAZIONI
2017
Massacre Records
Prog Metal
Tracklist
1. Deafening Silence
2. Revolution
3. Total War
4. Apocalypse 2.0
5. Sanctuary
6. Guilt
7. Secrets Untold
8. Journey To The Unknown
9. Spirit In The Machine
10. My Mind Can't Feel
11. Eternity
12. Starman
Line Up
Wan (Voce)
Asthar (Chitarra, Basso, Synth, Theremin)
J-Mo (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]