Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Therion
Beloved Antichrist
Demo

Millennium
Awakening
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

21/02/18
REACH
The Great Divine

21/02/18
CANDLE
The Keeper/s Curse

23/02/18
TENGGER CAVALRY
Cian Bi

23/02/18
REVERTIGO
ReVertigo

23/02/18
DESTROYER 666
Call of the Wild

23/02/18
OBLIVION (FRA)
Resilience

23/02/18
TWILIGHT`S EMBRACE
Penance

23/02/18
NEW HORIZONS
Inner Dislocation

23/02/18
USURPRESS
Interregnum

23/02/18
UNRULY CHILD
Unhinged: Live In Milan

CONCERTI

19/02/18
RHAPSODY + BEAST IN BLACK
ORION LIVE - CIAMPINO (RM)

20/02/18
RHAPSODY + BEAST IN BLACK
ALCATRAZ - MILANO

21/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

21/02/18
HIGHLY SUSPECT
ALCATRAZ - MILANO

22/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + SØNDAG
TRAFFIC CLUB - ROMA

22/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR
CIRCUS CLUB - SCANDICCI (FI)

23/02/18
ANGEL WITCH + ANGEL MARTYR + FORGED IN BLOOD + URAL
ALCHEMICA CLUB - BOLOGNA

23/02/18
NILE + TERRORIZER + GUESTS
CIRCOLO COLONY - BRESCIA

23/02/18
HIEROPHANT
NOVAK - SCORZE' (VE)

23/02/18
TURBOCHARGED + VIOLENTOR + THE RADSTER
CELLAR THEORY - NAPOLI

Comeback Kid - Outsider
22/09/2017
( 365 letture )
I Comeback Kid sono uno dei nomi di punta di quella che potremmo definire la terza ondata hardcore punk. Si tratta di un filone che succede sia all’ondata primordiale dei padrini inglesi degli anni Ottanta che a quella dei nerboruti cugini newyorkesi. Questa terza fase si distingue per l’aggiunta di elementi più strettamente metal ma soprattutto per l’apporto della melodia e – non di rado – di una certa attitudine introspettiva e melanconica.

Tutte queste caratteristiche si ritrovano in pieno nel suono della band di Winnipeg, sugli scudi da ormai 17 anni e giunta ora alla pubblicazione del sesto album di inediti, il qui presente Outsider. L’ultimo nato si presenta subito più vario e melodico del precedente Die Knowing, rilasciato nel 2014. Se quest’ultimo poneva l’accento sul lato più duro e ruvido del sound dei Nostri, a discapito della varietà, Outsider sembra recuperare lo spirito melodico ed emotivo dell’acclamato Wake the Dead del 2005, considerato l’album migliore della band.
L’album presenta tre anime distinte che convivono e si uniscono nel suono ormai consolidato dei Canadesi. La prima mette in luce i Comeback Kid più intransigenti, che dimostrano di saper picchiare duro. Ne sono esempio i breakdown e le gang vocals brutali di I’ll Be that, l’HC tiratissimo di Throw that Stone, il modern hardcore da antologia di Outrage (Fresh Face, Stale Cause) o la thrashy Surrender Control, la cui strofa ricorda addirittura gli Exodus dell’era Dukes. Quest’anima robusta si contrappone a quella melodica e radiofonica, più vicina al pop-punk commerciale che all’hardcore propriamente detto, particolarmente evidente in Recover e nei passaggi happy di Consumed the Vision. La sintesi è spesso vincente – la già citata Surrender Control ne è un felice esempio –, ma talvolta l’accostamento di due universi troppo lontani stride, come nel caso di Hell of a Scene. La terza ed ultima tendenza, forse la più interessante, è quella cupa e malinconica. Evidente in brani quali la title track, l’altro singolo Somewhere, Somehow e Moment in Time, questo lato del sound dei Nostri tinge le canzoni di una sfumatura grigia, pensierosa e malinconica, che resta fortunatamente lontana da derive piagnucolose e adolescenziali.

L’album è – senza sorpresa – suonato e prodotto ottimamente, ponendosi nel solco della perfezione sonora, talvolta un poco piatta, comune a tante band contemporanee. Le diverse sfaccettature della musica dei Comeback Kid vi sono equamente rappresentate, riunite all’interno di un suono vario, eterogeneo e consolidato allo stesso tempo. Questa grande varietà interna penalizza però il risultato finale: Outsider manca di compattezza, e talvolta i diversi elementi faticano a sintetizzarsi come dovrebbero. Seppur non manchino i brani validi – Outrage (Fresh Face, Stale Cause), Surrend Control e Somewhere, Somehow su tutti –, si ha l’impressione che la band abbia voluto mettere i piedi in troppe scarpe, forse per accontentare tutti, ciò che rischia di lasciare l’ascoltatore spaesato e non pienamente soddisfatto.



VOTO RECENSORE
70
VOTO LETTORI
75.25 su 4 voti [ VOTA]
Acasualdjentleman
Sabato 25 Novembre 2017, 10.23.00
5
buon disco, in linea con predecessori, per quanto mi riguarda wake the dead rimane il loro capolavoro.
Rover
Martedì 26 Settembre 2017, 11.51.35
4
Sono d'accordo con Lambruscone. Però bel prodotto nel suo genere.
Sentenza
Domenica 24 Settembre 2017, 21.46.46
3
neufeld è una garanzia. questo album si conferma al livello dei due precedenti, anche se per me die knowing è migliore nelle sonorità che propone. per me arriva a 80
LAMBRUSCORE
Venerdì 22 Settembre 2017, 20.35.25
2
Per me di punk ne hanno poco, ultimamente poi sempre peggio, metalcore...e qua mi fermo, poi magari mi sbaglio.....
Nicolas Macc
Venerdì 22 Settembre 2017, 15.08.31
1
Bellissimo album, sicuramente la collaborazione con Devin gli fa prendere qualche punticino in piu Per me è un 75 pieno!
INFORMAZIONI
2017
Nuclear Blast Records
Hardcore/Punk
Tracklist
1. Outsider
2. Surrender Control
3. Absolute ft Devin Townsend
4. Hell of a Scene
5. Somewhere, Somehow
6. Consumed the Vision ft Chris Cresswell
7. I’ll Be That
8. Outrage (Fresh Face, Stale Cause)
9. Blindspot
10. Livid, I’m Prime
11. Recover
12. Throw that Stone
13. Moment in Time ft Northcote
Line Up
Andrew Neufeld (Voce)
Jeremy Hiebert (Chitarra)
Stu Ross (Chitarra)
Ron Friesen (Basso)
Jesse Labovitz (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]