Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Eyehategod
A History of Nomadic Behavior
Demo

Sunnata
Burning in Heaven, Melting on Earth
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

13/04/21
ABIGORUM
Vergessene Stille

14/04/21
GRAVEYARD OF SOULS
Infinity Equal Zero

16/04/21
HOLDING ABSENCE
The Greatest Mistake Of My Life

16/04/21
ENDSEEKER
Mount Carcass

16/04/21
ICON OF SIN (BRA)
Icon of Sin

16/04/21
TEMPLE BALLS
Pyromide

16/04/21
SPECTRAL WOUND
A Diabolic Thirst

16/04/21
CANNIBAL CORPSE
Violence Unimagined

16/04/21
THE VINTAGE CARAVAN
Monuments

16/04/21
BLACK ORCHID EMPIRE
Live in the Studio (EP)

CONCERTI

16/04/21
LOUDNESS + GREY ATTACK + THOLA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

17/04/21
AXEL RUDI PELL
DRUSO - RANICA (BG)

05/05/21
SONS OF APOLLO (ANNULLATO)
LIVE CLUB - TREZZO SULL'ADDA (MI)

07/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
REVOLVER CLUB - SAN DONA' DI PIAVE (VE)

08/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
CAMPUS MUSIC INDUSTRY - PARMA

09/05/21
TANKARD + GAME OVER + REVERBER
TRAFFIC CLUB - ROMA

10/05/21
CORROSION OF CONFORMITY + SPIRIT ADRIFT
LEGEND CLUB - MILANO

11/05/21
DEATHSTARS
LARGO VENUE - ROMA

12/05/21
DEATHSTARS
LEGEND CLUB - MILANO

14/05/21
DISCHARGE + GUESTS TBA
SLAUGHTER CLUB - PADERNO DUGNANO (MI)

Daylight Dies - No Reply
23/09/2017
( 735 letture )
Sono gli stessi membri dei Daylight Dies a spiegare in alcune interviste rilasciate negli anni la loro visione della musica: essa è, a loro dire, un veicolo per le proprie emozioni. In tal senso, il loro primo disco No Reply non fa eccezione, trasudando di malinconia e sofferenza da ogni singola nota. È proprio il tormento derivante dalla distanza spirituale più che fisica ad essere il filo conduttore di questa prima uscita del gruppo statunitense, che dà voce a un sound che “commistiona” il death con il doom, volto a ricreare quelle atmosfere malinconiche e oscure che sono forse più comuni nel panorama nord europeo. Sebbene siamo spesso portati a contestualizzare geograficamente il death/doom nel Vecchio Continente, i Daylight Dies sono invece l'ottima risposta americana e l'album di debutto di questa band merita ben più di un ascolto superficiale.

Fin dalla prima canzone, The Lines That Divide, si può assaporare l'atmosfera oscura, ma allo stesso tempo ruvida e più aggressiva proposta dalla formazione di Guthrie Iddings e soci: non ci sono particolari orpelli o arabeschi, né tastiere o cori angelici a ricreare ambientazioni suggestive, il death/doom che ci viene offerto è tale, senza compromessi al ribasso. La sezione ritmica si mantiene incalzante e sostiene come uno scheletro il lavoro di Barre Gambling. La chitarra infatti tende a primeggiare su tutte le composizioni, le melodie prendono spesso il sopravvento quasi come un assolo che si sviluppa per tutta la durata della canzone e che si muove sinuoso tra le harsh vocals energiche e profonde di Guthrie Iddings e I Wait ne è solo un (ottimo) esempio.
Anche le canzoni più vivaci come la centrale Unending Waves mantengono quell'aura di costernazione che pervade ciascun brano, mantenendosi elemento chiave nel sound degli americani. Anche nel pezzo più lento In The Silence, dove fraseggi e arpeggi di chitarra dal suono onirico e il cantato -questa volta in pulito- vanno ad accrescere quella mesta sensazione di decadenza che permea ancora l'intenso interludio strumentale Back In The World, che ci prepara all'ultima traccia dell'album.

Con No Reply i Daylight Dies iniziarono a definire il loro percorso musicale, sicuramente influenzato da band più celebri e rodate come Katatonia, Opeth e Paradise Lost. Nonostante ciò, il quartetto americano fu poi in gradi di ritagliarsi uno spazio importante nel panorama death/doom, anche con una certa maestria personale, anche attraverso un netto miglioramento nel songwriting che si potrà ancor meglio apprezzare nelle uscite successive. No Reply mostra comunque una band che sa il fatto suo, capace di elaborare un disco dinamico -a parte qualche dilatazione di troppo nel minutaggio di alcune canzoni come Minutes Pass- e in grado di unire la ruvidezza del death metal (che pure rimane in alcune ritmiche poderose e nel growling di Iddings) alla melodia, andando così a ricreare ambientazioni che poco hanno da invidiare a quelle dei loro cugini inglesi o nord europei. In definitiva, i Daylight Dies sono una formazione di un valore a cui va necessariamente riconosciuto un posto importante all'interno del panorama death/doom e No Reply ne è stato la prima prova.



VOTO RECENSORE
79
VOTO LETTORI
74 su 2 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2002
Relapse Records
Death / Doom
Tracklist
1. The Line That Divides
2. I Wait
3. Hollow Hands
4. Four Corners
5. Unending Waves
6. In The Silence
7. Minutes Pass
8. Back In The World
9. Everything That Belongs
Line Up
Guthrie Iddings (Voce)
Barre Gambling (Chitarra)
Egan O'Rourke (Basso)
Jesse Haff (Batteria)
 
RECENSIONI
82
85
79
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]