Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Ayreon
Electric Castle Live and Other Tales
Demo

Morningviews
You Are Not the Places You Live In
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

29/05/20
CENTINEX
Death In Pieces

29/05/20
PALAYE ROYALE
The Bastards

29/05/20
DEF LEPPARD
London to Vegas

29/05/20
XIBALBA
Anos En Infierno

29/05/20
SORCERER
Lamenting Of The Innocent

29/05/20
VIOLENT HAMMER
Riders of the Wasteland

29/05/20
PARALYSIS
Mob Justice

29/05/20
MORBID ANGELS
Altars of Madness – Ultimate Edition

29/05/20
OUR POND
Paraphernalia

29/05/20
GRAVE DIGGER
Fields Of Blood

CONCERTI

29/05/20
RAIN + GUESTS (ANNULLATO)
BLACK DEVILS SPRING PARTY - S. GIOVANNI IN PERSICETO (BO)

29/05/20
NECRODEATH (ANNULLATO)
LEGEND CLUB - MILANO

30/05/20
MARK LANEGAN BAND (ANNULLATO)
TEATRO MANZONI - BOLOGNA

09/06/20
PERIPHERY (ANNULLATO)
ORION - CIAMPINO (ROMA)

10/06/20
IN.FEST
CIRCOLO MAGNOLIA - MILANO

12/06/20
SYSTEM OF A DOWN + KORN + GUESTS TBA (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

12/06/20
GUNS N` ROSES + GUESTS TBA (ANNULLATO)
FIRENZE ROCKS - VISARNO ARENA (FIRENZE)

13/06/20
AEROSMITH + GUESTS (SOSPESO)
I-DAYS - AREA EXPO - MILANO

16/06/20
STEEL PANTHER + THE WILD (SOSPESO)
ALCATRAZ - MILANO

16/06/20
DEATHLESS LEGACY
CRAZY BULL - GENOVA

DoomSword - Resound The Horn
( 5409 letture )
Sicuramente uno degli album più belli dell’anno appena passato, nonché una piacevolissima rivelazione made in Italy.
I DoomSword con questo lavoro si sono proiettati prepotentemente nell’olimpo delle epic-band italiane ed internazionali, grazie anche al supporto a band come Manilla Road durante il loro tour italiano.

Un album grandioso, eroico, epico come non se ne sentiva da tempo, capace di rapire anche l’ascoltatore più scettico. Ogni traccia è un lungo e cupo viaggio dentro la vita di guerrieri nordici, forti e leali, che lottano con onore per nobili ideali.
Si parte subito con Shores Of Vinland dal ritmo cadenzato e dalla voce possente che narra della desolazione e delle sofferenze del popolo vichingo nelle colonie in Groenlandia (le Shores of Vinland appunto): stupenda la parte in parlato finale.
La seconda traccia è forse la mia preferita dell’intero album: Onward Into Battle. Qui il ritmo è più veloce, forte. L’ideale per evocare nell’ascoltatore lo spirito cavalleresco della canzone. I cori nel bridge “March! March!” sono cariche di epicità e di possanza supportate da riff pieni e potenti e da una magistrale prova dietro le pelli di Grom.
Subito dopo veniamo rapiti dalla bellezza cupa e maestosa di The Doomsword. MCXIX ha un ritmo più veloce e scorrevole soprattutto nel ritornello che subito si impadronirà di noi.
La più poetica fra le perle di questo album è For Those Who Died With Swords In Hand. Il titolo dice già tutto. Un vero e proprio tributo a tutti i cavalieri citati all’inizio della canzone, con un finale “particolare”.
The Youth Of Finn Mac Lool ha un ritmo folk ed è la più melodica fra le songs, dando spazio anche a parecchi assoli.
L’ultima canzone, Resound the Horn: Odin's Hail, nonché title track è l’opera più possente del disco, dove sono riassunte tutte le capacità e l’inventiva del gruppo italiano. Non a caso è la più lunga, proprio per evocare ogni singola tematica affrontata nell’album nell’ultima, finale battaglia. Galoppare di cavalli, spade stridenti, urla strazianti che cessano alla fine della battaglia, quando la pioggia battente lava via dalla terra il sangue dei condottieri caduti in con la spada fra le mani.

Capolavoro.



VOTO RECENSORE
95
VOTO LETTORI
50.63 su 61 voti [ VOTA]
Schecter
Sabato 28 Marzo 2020, 17.26.56
12
Sono d'accordo con oligarc grande disco, chitarra eccezionale
Oligarc
Giovedì 29 Marzo 2018, 0.16.28
11
Mi dovete spiegare come porca la puttana faccia ad avere 44.28 come votazione dei lettori. Sordità portami via.
iron
Mercoledì 11 Febbraio 2015, 21.42.39
10
Capolavoro... voto = 99
daniele
Domenica 1 Febbraio 2015, 18.40.26
9
ho tutti i loro cd il mio preferito e il primo doomsword
Vanni Fucci
Domenica 1 Febbraio 2015, 18.31.26
8
Grandissimo album, ma molti lettori si sono diverititi a mettere voti bassi apposta a quanto pare....
warlord86
Lunedì 27 Maggio 2013, 0.46.57
7
disco potente ed epico, insieme ai dark quarterer sono i miei preferiti in italia
Cranium
Martedì 9 Ottobre 2012, 13.02.00
6
bravi oltre ogni aspettativa, il gruppo più possente che abbia mai calpestato il suolo italico
The Mad Avenger
Giovedì 5 Aprile 2012, 9.56.34
5
E` un bellissimo disco...una fusione tra Doom e Epic metal riuscita molto bene. Questa band dovrebbe essere considerata molto anche perche` sono italiani. Oscuro ma epico...bello! Voto 98
metalhammer
Martedì 2 Agosto 2011, 19.56.13
4
Sono un patito del genere Epic Metal, specie quello ottantiano sfornato in USA. Ma penso che i DoomSword, assieme a band come gli Holy Martyr e i Wotan, centuplicano al meglio le atmosfere epiche che il vecchio epic soltanto accennava. Basti pensare alla presenza di rumori di sottofondo, di parti narrate ecc. Molto meglio del pur eccellente album d'esordio della band gallaratese ("DoomSword", 1999), specie per la voce evocativa, grezza e sublime Deathmaster. Ho una teoria da proporre: per me l'epic europeo (come pure col viking di band come i Bathory, gli Enslaved o gli Amon Amarth) è più evocativo e batte di gran lunga l'eccellente ma minimale epic statunitense (Manowar, Virgin Steele, Manilla Road, band eccellenti che sfornano ancora oggi ottimi album) perchè questi pesca dalle sue radici ancestrali d'Euriopa, cosa che gli americani non possono fare... Onore e Gloria a tutti!!!!
Electric Warrior
Giovedì 17 Marzo 2011, 9.47.40
3
Sicuramente un disco di Epic suonato benissimo, ma sinceramente a metà dell'album ho iniziato a perdermi un pò, ma questo solo perchè l'epic non mi ha mai fatto impazzire. Sarà perchè ogni volta che penso a questo genere mi immagino sti tizi vestiti da cavalieri nel ventunesimo secolo che convinti marciano in un campo, sarà per le atmosfere pomposa ai massimi livelli. Sicuramente c'è una cosa da dire: se Angelo Branduardi avesse amato il metal e avesse formato una band, quella band si sarebbe chiamata Doomsword.
luci di ferro
Venerdì 31 Dicembre 2010, 0.36.34
2
Complimenti Metallized per aver recensito l'album dei DOOMSWORD.
Carloz
Venerdì 16 Febbraio 2007, 13.58.57
1
UN ALBUM CHE DIRE CAPOLAVORO E' DIRE POCO! EPICITA' A LIVELLI MAX! ORGOGLIO ITALICO!
INFORMAZIONI
2002
Dragonheart Records
Epic
Tracklist
1. Shores of Vinland
2. Onward into Battle (on the March Again)
3. The Doomsword
4. MCMXIX
5. For Those who Died with Sword in Hand
6. The Youth of Finn Mac Cool
7. Resound the Horn: Odin’s Hail
Line Up
Deathmaster: voce
The Forger: chitarra ritmica
Guardian Angel II: chitarra solista
Dark Omen: basso
Grom: batteria
 
RECENSIONI
87
93
95
85
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]