Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Hamferd
Támsins likam
Demo

Steven Wilson
Last Day of June
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

25/01/18
VORACIOUS SCOURGE
Our Demise

26/01/18
LOUDNESS
Rise To Glory

26/01/18
LABYRINTH
Return To Live

26/01/18
LIONE-CONTI
Lione-Conti

26/01/18
VICTORIUS
Dinosaur Warfare - Legend Of The Power Saurus

26/01/18
PORTAL
ION

26/01/18
VARGRAV
Netherstorm

26/01/18
MACHINE HEAD
Catharsis

26/01/18
REBELLION
A Tragedy In Steel Part II: Shakespeares King Lear

26/01/18
MIKE LEPOND`S SILENT ASSASSINS
Pawn And Prophecy

CONCERTI

25/01/18
LUNARSEA
TRAFFIC CLUB - ROMA

26/01/18
COMEBACK KID
TRAFFIC CLUB - ROMA

27/01/18
COMEBACK KID
ROCK PLANET - PINARELLA DI CERVIA (RA)

27/01/18
ELVENKING
ROCK TOWN - CORDENONS (PN)

27/01/18
DARK QUARTERER + IL SEGNO DEL COMANDO
CENTRALE ROCK PUB - ERBA (CO)

27/01/18
HIEROPHANT
OBSCENE - MODENA

27/01/18
DAMNATION GALLERY + OVERWHELM
ANGELO AZZURRO - GENOVA

27/01/18
HEAVENFALL + CHRONOSFEAR
THE ONE - CASSANO D'ADDA (MI)

27/01/18
LUCKY BASTARDZ
MEPHISTO ROCK CAFE - LU MONFERRATO (AL)

27/01/18
HIGHLORD + GUESTS
COMUNITA' GIOVANILE - BUSTO ARSIZIO (VA)

Novelists - Noir
30/09/2017
( 788 letture )
Novelists, ed è subito poesia da una Francia quasi dimenticata, da scenari bohémien e romantici. Ma i nostri, con il loro progressive post metal-core a tratti oscuro, velato e soprattutto arrabbiato, sono anche un po' poeti maledetti.
Fin dal loro debutto Souvenirs presentavano il loro prog metal-core mid-tempo che alterna toni pastello a scale di grigio, assetti squadrati e spigolosi a parti melodiche, armoniose e digressive, ormai marchio di fabbrica, con inserti di sonorità digitali e tecnicismi mai fini a se stessi.
Questi suoni e sensazioni, ancora più edulcorati, soavi e variegati, vengono riproposti nel nuovo Noir. In questo album di ''nero'' ce n'è senza dubbio parecchio, infatti possiamo ricondurlo ai frame più pesanti nonché ad alcune liriche. Ma ritroviamo anche tutta un'altra serie di colori acquerello, delicati, carezzevoli (anche nell'artwork) a cominciare già dall’opening trackL’Appel du Vide in un cui l’intro psicotropo e gli inserti di pianoforte già ci introducono nelle atmosfere sognanti dell’album. Questo si fa facilmente coi Novelist: si sogna, si viaggia con la mente, in sconfinate lande interiori piuttosto che spaziali, sondando il proprio animo.

Così si prosegue con l'agrodolce ballad Monochrome, appurando la squisitezza delle linee vocali pulite di Matt Gelsomino, che in questo album dedica facilmente più spazio ai clean vocals, in maniera naturale; curiosi anche gli inserti di sax così come -in generale- i soli di chitarra tendenti alla fusion.
Anche se questo album è in parte più leggero e meno ''metal'' del precedente, possiamo apprezzare l’alternanza di parti leggere e luminose a parti schiaccianti nelle successive Under Different Welkins e Le Nuites Noires, mentre l’aggressività più sfacciata (e a tratti dissonante) viene presto riabbracciata in pezzi come Grey Souls (con un ritornello accattivante al pari della vecchia Gravity) e A Bitter End , che prendono tantissimo anche per il groove e i riff geometrici, che vanno e ritornano su se stessi, nonché per quei pattern di chitarra strettamente hardcore e i repentini cambi di tonalità.
La produzione ottima valorizza sia le parti più estreme che i momenti cristallini, mentre i loop digitali ci prendono in testa e la voce di Matt Gelsomino colpisce -oltre che per il delizioso timbro pulito- per il growl profondo e raschiante. Lampante esempio della sua maestria nell’alternarli è The Light, The Fire, primo singolo estratto e , a livello di songwriting e atmosfere , uno dei pezzi più eclatanti e riusciti dell’album. Coi Novelists si vive sia la tristezza che la positività, buio e luce si incontrano e si sposano in una simbiosi perfetta. Dopotutto, come diceva il loro connazionale Baudelaire, "Non conosco bellezza che non celi in sé il dolore".

Quest’album è un concept che , liricamente parlando , si divide in quattro capitoli, ciascuno di tre canzoni, facendo l’inchino a certe strutture della musica classica. Tenendo presente che l’album in generale è pervaso da un sentimento di malinconia agrodolce, ognuno di questi chapters affronta rispettivamente una determinata tematica: nostalgia, vita vissuta, introspezione e speranza. Questa caratterizzazione avviene non solo nei testi (e nei titoli che già raccontano una storia) ma anche nella vera e propria composizione.

I Nostri , in ogni caso , non si fanno mancare nulla, e oltre ad influenze prese qui e là (sempre con estremo buon senso) hanno una serie di featuring con vari cantanti come Zachary Britt (Dream On, Dreamer) e Jesse Cash (Erra) nella dolce e toccante Joye de Vivre, e di Matt Youkhana dei DVSR con il suo sincopato rap, nel riuscitissimo pezzo Stranger Self.
Altro momento elevato per intensità e poesia è la ballad A Travers le Miroir, di una beltà semplice, delicata e con alcune sensazioni jazz nel solo di chitarra, mentre i riff guizzanti e gioiosi in apertura dell'ultimo pezzo Heal The Wound ci portano -nel migliore dei modi- verso la fine di questo notevole lavoro.
In conclusione, Noir è un album che afferma la peculiarità dei Novelists e conferma il loro valore in una scena che parte dal progressive metal e metal-core, ma arriva fino all'ambient, al post rock, all'alternative e al pop. Con le atmosfere dei Novelists si sogna per davvero, ma grazie alle parti più estreme anche il risveglio è estremamente piacevole: a band e lavori così è inevitabile fare "chapeau".



VOTO RECENSORE
84
VOTO LETTORI
81.25 su 4 voti [ VOTA]
gabrybaldu
Mercoledì 17 Gennaio 2018, 23.17.13
3
the light, the fire un gioiello
Valerie The HumanRomance
Martedì 10 Ottobre 2017, 16.13.42
2
ciao Sentenza , felice come sempre dei tuoi feedback positivi
Sentenza
Venerdì 6 Ottobre 2017, 17.58.35
1
nel precedente erano stati accusati in modo piuttosto frettoloso come scontati e poco distinguibili dall'offerta generale, ma era falso e questo album anche più del precedente, dimostra di avere a che fare con un gruppo che ha comunque delle cartucce che altri non hanno. gelsomino poi, fa il resto, un gran vocalist. se dopo "souvenirs" non si poteva immaginare cosa potessero inventarsi ancora, con "noir" sorprendono tutti. certo è vero che alcuni avranno storto il naso per le varie sperimentazioni, ma il risultato è un ottimo album: 85 è un voto più che meritato.
INFORMAZIONI
2017
Arising Empire
Prog Metal
Tracklist
1. L’appel du Vide
2. Monochrome
3. Under Different Welkins
4. Les Nuits Noires
5. Grey Souls
6. A Bitter End
7. Stranger Self
8. The Light, The Fire
9. Joie de Vivre
10. Lead The Light
11. À Travers le Miroir
12. Heal The Wound
Line Up
Matt Gelsomino (Voce)
Charly T. Kelevra (Chitarra)
Florestan Durant (Chitarra)
Nicolas Delestrade (Basso)
Amael Durant (Batteria)
 
RECENSIONI
50
ARTICOLI
10/11/2017
Live Report
MAKE THEM SUFFER + NOVELISTS + CURSED EARTH
Circolo Svolta, Rozzano (MI), 04/11/2017
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]