Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enslaved
E
Demo

Hell Done
The Dark Fairytale
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/10/17
BRUCE DICKINSON
Soloworks - the vinyl collection

27/10/17
THEORY OF A DEADMAN
Wake Up Call

27/10/17
NOTURNALL
9

27/10/17
NE OBLIVISCARIS
Urn

27/10/17
NECROTTED
Worldwide Warfare

27/10/17
INFALL
Silent

27/10/17
RUXT
Running out of Time

27/10/17
HANGING GARDEN
I Am Become

27/10/17
CRYPTIC FOG
Staring Through the Veil

27/10/17
CURSED MOON
Rite of Darkness

CONCERTI

24/10/17
HAREM SCAREM + SOUL SELLER
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

24/10/17
RHAPSODY OF FIRE + ORDEN OGAN + UNLEASH THE ARCHERS
NEW AGE - RONCADE (TV)

25/10/17
ELUVEITIE + AMARANTHE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

25/10/17
MONOLORD + CONAN
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

25/10/17
RHAPSODY OF FIRE + ORDEN OGAN + UNLEASH THE ARCHERS
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/10/17
MONOLORD + CONAN
BLOOM - MEZZAGO (MB)

26/10/17
UNEVEN STRUCTURE + VOYAGER
LEGEND CLUB - MILANO

26/10/17
SAILING TO NOWHERE
EXENZIA - PRATO

27/10/17
MOGWAI
FABRIQUE - MILANO

27/10/17
DEAD KENNEDYS
ZONA ROVERI - BOLOGNA

Head of David - LP
07/10/2017
( 262 letture )
Birmingham anni 80: il più grande concentrato multietnico lasciato girovagare per quei districts mal ricostruiti dopo i bombardamenti della Lutwaffe; il fallimento dell'industria pesante e le ineguaglianze che prosperano nei suoi cunicoli di cemento grigio. Il Black Country, la dub, il British R&B, i New Romantics e poi loro: giovani tossici dell'eredità punk, forgiati dai martellamenti della città definita “Home of Metal”.

Di ambienti, sobborghi e sottoculture sono piene le biografie di ogni artista o scena: ma mai come in questo caso, il culto e la seminalità dell'act in questione sono ingabbiati, cementificati e in osmosi con quei luoghi. Come nei peggiori incubi ballardiani, la fonderia si fa suono e dalla lamiera si plasma un feticcio rinominato Head of David. Le quattro pesanti corde di Dave Cochrane (fedelissimo alfiere, a seguire, di vari progetti di Justin Broadrick, Kevin Martin o Scott Kiehl) unite al continuo fomentare di Burroughs, alle chitarre distortissime di Jurenovski ed alle percussioni rimbombanti di Sharp. Di loro si può leggere distrattamente qualcosa nelle monografie di artisti conterranei e contemporanei, o in appendice alle storie dell'epopea crust e crossover britannica; forse troppo poco per una band cui tributare almeno l'atto di inseminazione del cosiddetto industrial metal. L'album in questione, in particolare è il loro debutto: il poco più che omonimo titolo LP fa da cornice ad una release che comprende, sul primo lato, le registrazioni di marzo 1986 apparse sul EP Dogbreath e, sul lato opposto, le session ai BBC Studios del mese successivo (rinominate Godbreath). Formato anomalo ma inviolabile, imperscrutabile nella sua compattezza e nella capacità di ipnotizzare l'ascoltatore attraverso ritmi scanditi, distorsioni ansiogene e sermoni tuonanti, il tutto composto in strutture rock primitive e dirette.

Figli deplorevoli ma affezionatissimi di quel fenomeno heavy-post-punk chiamato Killing Joke, le otto tracce attingono a piene mani dai capostipiti del rumorismo inglese SPK e Throbbing Gristle (come nel caso di Joyride Burning X), dalla prima seminale creatura di tale Steve Albini, all'anagrafe Big Black (bene espresse in Snuff Rider M.C. e in I'll Fall at Your Feet) o, ancora, dal monolite noiserock/no-wave Swans (si ascolti White Bastard). Lyrics minimali ed essenza compositiva, cyber-punk ed esistenzialismo, con la ferma volontà di attirare e coinvolgere ogni partecipante alla fredda liturgia. Illusioni e disillusioni, speranza e rovina sono alla base dei momenti più alti della piece, ovvero: la opener Smears, i suoi ritmi sostenuti, con marce marziali e chitarre taglienti come lame e, poi, Shadow Hills California, dall'andamento psichedelico e le urla da intonare. E il tocco finale: il necessario omaggio ai padri pionieri del rumore elettronico e del proto-punk più controverso e contaminato -i Suicide, con una versione cupa e stralunata di Rocket USA.

Tutto ciò che segue è storia: le Peel Sessions, l’Elektra Records, Justin Broadrick che lascia i Napalm Death per unirsi agli Head of David per le registrazioni del successivo Dustbowl e, in parallelo, dà seguito al progetto Fall of Because; la nascita della scena sull'asse Birmigham-Nottingham-Londra. I Godflesh, i Pitchshifter, i Therapy?, gli Scorn, i God i Techno Animal e poi, oltre Atlantico, gli Shellac, gli Skin Chamber, gli Isis e i Fear Factory, che coverizzarono e resero popolare la poderosa Dog Day Sunrise.

L'alba di un giorno da cani.



VOTO RECENSORE
88
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
God of Emptiness
Sabato 7 Ottobre 2017, 10.26.14
1
Una delle più belle recensioni che abbia mai letto. In poche parole hai reso bene l'idea. Loro li conosco solo di nome ma adesso dovrò ascoltarli per forza!!!
INFORMAZIONI
1986
Blast Fist
Industrial
Tracklist
1. Smears
2. I'll Fall at Your Feet
3. White Bastard
4. Rocket USA
5. Snuff Rider M.C.
6. Joyride Burning X
7. Shadow Hills California
8. Newly Shaven Saint
Line Up
Stephen R. Burroughs (Voce)
Eric Jurenovski (Chitarra)
Dave Cochrane (Basso)
Paul Sharp (Batteria)
 
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]