Privacy Policy
 
IN EVIDENZA
Album

Enslaved
E
Demo

Hell Done
The Dark Fairytale
CERCA
ULTIMI COMMENTI
FORUM
ARTICOLI
RECENSIONI
NOTIZIE
DISCHI IN USCITA

27/10/17
BRUCE DICKINSON
Soloworks - the vinyl collection

27/10/17
THEORY OF A DEADMAN
Wake Up Call

27/10/17
NOTURNALL
9

27/10/17
NE OBLIVISCARIS
Urn

27/10/17
NECROTTED
Worldwide Warfare

27/10/17
INFALL
Silent

27/10/17
RUXT
Running out of Time

27/10/17
HANGING GARDEN
I Am Become

27/10/17
CRYPTIC FOG
Staring Through the Veil

27/10/17
CURSED MOON
Rite of Darkness

CONCERTI

24/10/17
HAREM SCAREM + SOUL SELLER
BLUE ROSE SALOON - BRESSO (MI)

24/10/17
RHAPSODY OF FIRE + ORDEN OGAN + UNLEASH THE ARCHERS
NEW AGE - RONCADE (TV)

25/10/17
ELUVEITIE + AMARANTHE
CAMPUS INDUSTRY - PARMA

25/10/17
MONOLORD + CONAN
FREAKOUT CLUB - BOLOGNA

25/10/17
RHAPSODY OF FIRE + ORDEN OGAN + UNLEASH THE ARCHERS
ZONA ROVERI - BOLOGNA

26/10/17
MONOLORD + CONAN
BLOOM - MEZZAGO (MB)

26/10/17
UNEVEN STRUCTURE + VOYAGER
LEGEND CLUB - MILANO

26/10/17
SAILING TO NOWHERE
EXENZIA - PRATO

27/10/17
MOGWAI
FABRIQUE - MILANO

27/10/17
DEAD KENNEDYS
ZONA ROVERI - BOLOGNA

Phantom 5 - Play II Win
10/10/2017
( 250 letture )
A poco più di un anno dal primo, buon lavoro, ecco tornare con un lavoro nuovo di zecca i Phantom 5, supergruppo tedesco dedito ad un hard rock di ovvia matrice teutonica, con particolare riguardo all'esperienza dei Bonfire; non potrebbe essere altrimenti, del resto, dal momento che anche qui troviamo al microfono Claus Lessmann! Rispetto all'esordio, tuttavia, il gruppo ha perso un elemento importante come l'ex bassista degli Scorpions, Francis Buchholz, che aveva fornito un apporto importante ai brani di Phantom 5. Saranno riusciti i restanti quattro musicisti a compensare una tale assenza? Scopriamolo subito.

Quasi come a voler rassicurare i fan, The Change in You si apre proprio con una robusta plettrata di basso, prima che una chitarra d'acciaio inizi a tessere un bel riff muscolare di quelli che tanto ci piacciono; la voce graffiante di Lessmann è sempre piacevole da ascoltare e pare proprio che gli anni non l'abbiano scalfita più di tanto. L'esordio, insomma, è di quelli “col botto” e si fa notare per l'eccellente alternanza fra parti più pesanti ed altre più melodiche. Tastiere squisitamente anni 80 fanno capolino su Crossfire, che beneficia notevolmente dell'apporto dei due chitarristi, autori di riff molto ben amalgamati. La prestazione del singer, nuovamente valida, ricorda qualcosa del maestro Alice Cooper e questo non può che essere un complimento, tenendo conto di chi stiamo parlando! Baptised ci convince un po' meno a dispetto di un ritornello ben congegnato ed eseguito, ma il livello torna fortunatamente elevato con le melodiche Read your Mind e Play to Win, i brani più catchy ascoltati finora, la cui atmosfera vi porterà nuovamente nei ruggenti anni 80. Si torna ad una perfetta alternanza hard/heavy con la bellissima Child Soldiers, verosimilmente uno degli higlights di questa seconda prova targata Phantom 5, tanto che la successiva Do You Believe in Love, pur essendo complessivamente gradevole e scorrevole, ci piace assai meno. Phantom Child vede un'ottima prova del batterista Alex Kruse, chirurgico ed energico nel suo drumming, per una canzone che presenta nuovamente un gran bel ritornello, al pari del resto di Had Enuff. La costruzione di validi ritornelli, del resto, era uno dei punti di forza del gruppo già nel primo album e possiamo constatare con grande piacere come tale capacità non sia venuta meno in Play II Win. Quando poi tali passaggi si inseriscono adeguatamente in un contesto di alternanza melodia/pesantezza, allora ecco che il brano strappa convinti applausi. A chiudere le danze provvedono la robusta Shadows Dance e la decisamente più melodica Reach Out, ballad che tuttavia, ad esser sinceri, non colpisce più di tanto, anche a causa di alcuni falsetti...non particolarmente gradevoli. Poco male, in ogni caso.

Con Play II Win i Phantom 5 dimostrano di aver assorbito il colpo della separazione da un musicista come Francis Buchholz e fanno altresì vedere che il primo, buon album non era un episodio isolato: il secondo lavoro è infatti una gradita riconferma delle loro qualità, che speriamo possano ulteriormente evolversi regalandoci in un prossimo futuro il lavoro della definitiva maturazione ed esplosione.



VOTO RECENSORE
75
VOTO LETTORI
0 su 0 voti [ VOTA]
INFORMAZIONI
2017
Frontiers Records
Hard Rock
Tracklist
1. The Change in You
2. Crossfire
3. Baptised
4. Read your Mind
5. Play to Win
6. Child Soldiers
7. Do You Believe in Love
8. Phantom Child
9. Had Enuff
10. Shadows Dance
11. Reach Out
Line Up
Claus Lessmann (Voce)
Michael Voss (Chitarra, Basso, Cori)
Robby Boebel (Chitarra, Tastiere)
Axel Kruse (Batteria)
 
RECENSIONI
 
[RSS Valido] Creative Commons License [CSS Valido]